Film kosovari

Tutti i film kosovari della storia del cinema, tv e streaming, girati e prodotti in Kosovo dal 1895 a oggi. Elenco completo di schede, uscita, locandine, trame, cast.

Da vedere
Ordina ordinamento predefinito voto titolo uscita
  1. Vergine giurata

    3.5/5
    3.2/5

    2015 // 90 min // Uscita ITA: 19 Marzo 2015
    Generi: Drammatico

    Un film di Laura Bispuri
    con Alba Rohrwacher , Lars Eidinger e Flonja Kodheli
    distribuito da Cinecittà Luce

    Hana è una bambina albanese cresciuta sulle montagne, in quelle comunità in cui vige una cultura arcaica, maschilista, basata sull’onore, che non riconosce alle donne né diritti né libertà. Gli uomini della famiglia hanno sulle vite delle 'loro' donne ogni potere di vita e di morte. E' per sfuggire al suo destino che Hana giura di rimanere vergine a vita e si trasforma in Marc. Rinunciando alla sua femminilità e ad ogni forma di amore otterrà però tutti i diritti e i poteri che hanno gli uomini. Un rifiuto, quello all'essere donna, che diventerà la sua prigione.

  2. Bota cafè

    N/D
    3.7/5

    2014 // 100 min // Uscita ITA: 25 Giugno 2015
    Generi: Drammatico

    Un film di Iris Elezi e Thomas Logoreci
    con Flonja Kodheli , Fioralba Kryemadhi e Artur Gorishti
    distribuito da PMI Distribuzione

    'Bota' in albanese significa 'il mondo' ed è anche il nome di un caffè in mezzo al nulla in un villaggio dimenticato dal tempo. Il proprietario Ben è sempre in cerca di soldi e ha una relazione con Nora, la cameriera, nonostante sia sposato e molto più maturo di lei. La cugina di lui, Juli, si prende cura della nonna. A rompere la monotonia arrivano i cantieri per la costruzione di un’autostrada che passerà lì, proprio dove sorge il Bota Cafè. Un evento che cambierà le vite di tutti per sempre.

  3. Dear Albania

    N/D
    3.8/5

    2012 // 100 min // Uscita ORIG: 10 Luglio 2012 (USA)
    Generi: Documentario

    Un film di Eliza Dushku
    con Lulzim Basha , Fadil Berisha e Sali Berisha

    Un documentario realizzato nell'agosto 2011 dalla regista Eliza Dukushu a seguito del suo viaggio in Albania, terra natale di suo padre, con lo scopo di promuovere il turismo in quel territorio.