Reese Witherspoon

Attrice, Produttrice
Biografia

Cenni biografici di Reese Witherspoon


Un metro e cinquantotto di volontà d'acciaio e grinta, Reese Witherspoon può vantare, a poco più di trent'anni, una carriera ultradecennale al cinema.
La ex ragazzina del Tennessee - proprio come una delle sue più riuscite eroine di celluloide, la stella del country June Carter, Reese è nata a Nashville - ha macinato un successo dietro l'altro e ha alimentato una fama da bionda con cervello fino e invidiabile fiuto per gli affari.

Figlia di un medico e di un'infermiera, la Witherspoon inizia sin da bambina a prendere confidenza con la macchina da presa. Baby-attrice di spot pubblicitari, dopo il liceo, la giovane si iscrive alla facoltà di Letteratura inglese alla Università di Standford. China sui libri ci resterà però poco tempo, perché presto la recitazione tornerà a reclamarla a gran voce. Ingaggiata per alcuni episodi della serie Friends, nel 1996 Reese ottiene il suo primo ruolo di spicco nel thriller Paura, accanto a un inquietante Mark Whalberg. È il 1996, Reese non ha neanche vent'anni, e la sua carriera è pronta per il grande salto. Nel 1998 Gary Ross le affida il ruolo da protagonista nella deliziosa commedia fantasy Pleasantville, insieme a Tobey Maguire. Nelle gonnelline a palloncino di una disinibita adolescente in trasferta in un'edulcorata cittadina dove le emozioni sono soffocate dal perbenismo - e dal bianco e nero -, la Witherspoon lascia il segno. Solo un anno dopo si lascia ammirare nei rossori della timida Annette di Cruel Intention e nel livore della subdola Tracy Enid Rick del caustico Election, ruolo per il quale ottiene la sua prima candidatura ai Golden Globe.

Nel cast del discusso American Psycho, Reese ottiene un ottimo successo personale nel 2000 grazie al ruolo da protagonista nella scatenata commedia La rivincita delle bionde. Chiome patinate e guardaroba rosa confetto sono sinonimo di stupidità? La pellicola di Robert Luketic contribuisce a smentire anche questo sciocco luogo comune. E a rincarare la dose penserà due anni dopo il sequel Una bionda in carriera, che vede la Witherspoon nella duplice veste di attrice e produttrice esecutiva. Seguono nel 2002 il corale L'importanza di chiamarsi Ernest, da un'ispirata commedia teatrale di Oscar Wilde, il romantico Tutta colpa dell'amore, e nel 2004 l'adattamento de La fiera delle vanità dell'indiana Mira Nair.

Il 2006 ci riconsegna una Reese Witherspoon in versione bruna e drammatica. Nel film Quando l'amore brucia l'anima - Walk the Line, la giovane interpreta, infatti, June Carter, l'amatissima seconda moglie del leggendario cantante rock Johnny Cash (Joaquin Phoenix). Una prova intensa che le è valsa sia l'Oscar come miglior attrice, sia il Golden Globe come miglior interprete in un film musicale.
Ossessione d'amore di Mark Ruffalo in Se solo fosse vero, Reese affianca in un piccolo cameo Christina Ricci nella stramba favola moderna Penelope, del quale è anche produttrice.
La "bionda in carriera" Reese ha proseguito la sua corsa verso il successo recitando nel thriller politico Rendition - Detenzione illegale, dove è la disperata moglie di un egiziano accusato di terrorismo, e nella commedia sentimentale dall'atmosfera natalizia Tutti insieme inevitabilmente, al fianco di Vince Vaughn. Doppiatrice d'eccezione per il cartone Mostri contro alieni, nel romantico Come lo sai, è contesa (nella finzione, naturalmente) tra Paul Rudd e Owen Wilson, mentre si trasforma in un'acrobata nel dramma circense Come l'acqua per gli elefanti.

Sposatasi nel 1999 con il collega Ryan Philippe, incontrato sul set del film Cruel Intentions, con il quale ha dato alla luce due bambini, Ava e Deacon, Reese ha però ottenuto il divorzio nel 2006. L'anno seguente ha intrapreso una relazione con Jake Gyllenhaal, conosciuto durante la lavorazione di Rendition, che però ha rifiutato di sposare. È, invece, convolata a seconde nozze con il suo agente, Jim Toth, nel marzo del 2011.