The Father, Rifkin’s festival, Il cattivo poeta, Morrison, Vlad l’impalatore e i voti del mese DVD-Blu-ray

Nella rubrica mensile su DVD e Blu-ray le recensioni di: The Father - Nulla è come sembra, Rifkin's festival, Il cattivo poeta, Morrison, Vlad l'impalatore, Lei mi parla ancora, Dietro la notte, S.O.S. Gatto.

APPROFONDIMENTO di 20/09/2021
The Father
The Father - Nulla è come sembra: un primo piano di Anthony Hopkins

Ancora un mese ricco di uscite interessanti in ambito homevideo. La nostra rubrica di recensioni DVD e Blu-ray si apre con The Father - Nulla è come sembra, che ha dato ad Anthony Hopkins l'Oscar come miglior attore. Netto cambio di registro poi con la frizzante commedia di Woody Allen Rifkin's Festival, a seguire Il cattivo poeta, con Sergio Castellitto nei panni di Gabriele D'Annunzio.

Rifkins Festival
Rifkin's Festival: il cast in una scena

Si prosegue con l'interessante Morrison di Federico Zampaglione, che racconta un ambiente musicale che ben conosce. Spazio poi al turco Vlad l'Impalatore e a seguire il toccante Lei mi parla ancora con un Renato Pozzetto in un inedito ruolo drammatico per il quale ha vinto il Nastro d'Argento speciale. Per chiudere il thriller Dentro la notte con Stefania Rocca e Fortunato Cerlino, e l'interessante documentario S.O.S. Gatto girato a Brooklyn.

The Father - Nulla è come sembra: la recensione del blu-ray

Father

IL FILM. Vincitore di due premi Oscar per la miglior sceneggiatura non originale e per miglior attore a uno straordinario Anthony Hopkins, The Father - Nulla è come sembra è uno struggente dramma da camera di Florian Zeller sul tema della demenza senile. La testa di Anthony, ingegnere in pensione, non è più quella di un tempo ma si ostina a rifiutare badanti. La figlia (la bravissima Olivia Colman) sta per andare a Parigi con l'uomo che ama e non può lasciare il padre da solo. Poi, di fronte alla comparsa di un estraneo che sostiene di essere il marito di Anne e che afferma di vivere in quella casa da anni, le certezze di Anthony cominciano a sgretolarsi.

IL BLU-RAY. Lo stupendo The Father - Nulla è come sembra è disponibile in alta definizione grazie all'ottimo blu-ray targato Eagle Pictures. Il video è superbo, ma anche l'audio in DTS HD 5.1 fa la sua parte, anche se di fronte a un dramma da camera ha poco da offrire. I dialoghi sono comunque ottimi (consigliato l'originale per apprezzare le interpretazioni), suggestiva e avvolgente la colonna sonora, per il resto l'ambienza è ridotta al minimo. Negli extra, oltre al trailer italiano, quattro brevissime featurette di circa 40 secondi l'una: Anthony Hopkins sul suo ruolo, Florian Zeller sulla regia di The Father, Olivia Colman sull'interpretazione di Anne e Cosa può aspettarsi il pubblico da The Father.

The Father Nulla E Come Sembra 2
The Father - Nulla è come sembra: Olivia Colman in un'immagine

DA NON PERDERE. Il meglio il blu-ray lo dà certamente nel settore video, presentando immagini nitidissime e ben dettagliate su tutti i piani, con grande cura per gli interni che cambiano anche di poco durante le sequenze per motivi inerenti al film che non sveliamo. I primi piani sono porosi e suggestivi, i particolari dell'arredamento incisivi fin nei particolari, e anche il senso di profondità è sempre accentuato. Un croma piacevolmente naturale e un ottimo nero completano un reparto eccellente.

I VOTI. Video: 8,5 - Audio: 7 - Extra: 5,5

The Father, la recensione: brividi e lacrime con un magistrale Anthony Hopkins

The Father Anthony Hopkins Olivia Colman Dkych4A
The Father: Anthony Hopkins e Olivia Colman in una scena

Rifkin's Festival: la recensione del blu-ray

Rifkin

IL FILM. Con il suo consueto surreale umorismo, Woody Allen in Rifkin's Festival mescola situazioni al limite dell'assurdo con storie dall'intreccio romantico. Il protagonista è Mort Rifkin (Wallace Shawn), ex professore di cinema sposato con Sue (Gina Gershon), addetta stampa del settore. Durante il Festival del cinema di San Sebastian, Mort ha sempre più il sospetto che Sue abbia un rapporto col giovane regista Philippe (Louis Garrel), del quale cura proprio i rapporti con la stampa, ma intanto cerca di incontrare continuamente una dottoressa (Elena Anaya).

IL BLU-RAY. Approdo in homevideo per Rifkin's Festival anche in alta definizione grazie al blu-ray CG/Vision, che si rivela valido sul piano tecnico ma completamente privo di extra. Il video è eccellente mentre l'audio, presente anche in DTS HD 5.1, non ha un grande lavoro da svolgere viste le vicende del film. La valanga di dialoghi presenta comunque parlati puliti e dall'ottimo timbro, anche se la traccia originale consente di apprezzare molto meglio le interpretazioni dei protagonisti. Per il resto c'è una discreta ambienza negli ambienti del festival, anche se i rear sono un po' timidi, anche nella colonna sonora.

Rifkins Festival 24
Rifkin's Festival: Wallace Shawn e Elena Anaya in una scena

DA NON PERDERE. Il video è ottimo e caratterizzato da una fotografia estremamente calda negli esterni degli ambienti del festival, quasi immersi in una luce giallo bronzea che domina l'aspetto cromatico e rende il dettaglio un po' più morbido, ma offre una visione decisamente piacevole. Tutto comunque è molto preciso, sia primi piani che panoramiche, ma sul piano del puro dettaglio sono addirittura più incisivi gli inserti in uno splendido bianco e nero.

I VOTI. Video: 8,5 - Audio: 7 - Extra: 2

Rifkin's Festival, la recensione: Woody Allen ci riporta al cinema con un lungo sogno cinefilo

Rifkins Festival 13
Rifkin's Festival: Wallace Shanw, Gina Gershon e Louis Garrel in una scena

Il cattivo poeta: la recensione del blu-ray

Cattivo

IL FILM. Candidato a 5 Nastri d'argento, Il cattivo poeta diretto da Gianluca Jodice racconta l'ultima fase della vita di Gabriele D'Annunzio (interpretato da un eccellente Sergio Castellitto), dal 1936 al 1938, quando il Vate rinchiuso nel Vittoriale vede profilarsi la minaccia di un'alleanza di Mussolini con Hitler. Il Duce vuole tenerlo sotto controllo e allora Achille Starace, numero due del regime, spedisce il giovane federale Giovanni Comini (Francesco Patanè) per sorvegliare D'Annunzio e tenere a bada il suo dissenso.

IL BLU-RAY. Grazie al blu-ray targato Eagle Pictures, Il cattivo poeta è disponibile anche in alta definizione. Il video è fedele al girato e si presenta molto morbido con un dettaglio soft, ma solamente perché questa è la fotografia del film con croma desaturato, atmosfere soffuse, colori sbiaditi e tipico look d'annata. Ma il dettaglio è buono e, ripetiamo, la fedeltà allo stile dell'opera assicurata. L'audio presente con un DTS HD 5.1, viste le tematiche non ha nolto da offrire, se non dialoghi dal timbro eccellente, una discreta ambienza e un buona resa musicale.

Il Cattivo Poeta 3
Il cattivo poeta: Sergio Castellitto in una sequenza

DA NON PERDERE. I 40 minuti di extra sono una bella sorpresa. Il Making of di 22 minuti è molto ben realizzato: tratta dell'importanza della location del Vittoriale, del lavoro sui personaggi, di trucchi e costumi, e offre tanti momenti sul set, il lavoro durante le riprese e i dietro le quinte. Parlano il cast, membri della troupe, il direttore della fotografia e anche Giordano Bruno Guerri in qualità di Presidente del Vittoriale. A seguire un'intervista al regista Gianluca Jodice da parte del critico Enrico Magrelli (17').

I VOTI. Video: 7,5 - Audio: 7 - Extra: 7,5

Il cattivo poeta, la recensione: D'Annunzio tra modernità e decadenza

Il Cattivo Poeta 4
Il cattivo poeta: Sergio Castellitto durante una scena

Morrison: la recensione del DVD

Morrison

IL FILM. Diretto da Federico Zampaglione e tratto dal libro "Tutto è a metà" scritto insieme a Giacomo Gensini, Morrison racconta l'amicizia tra Lodo (Lorenzo Zurzolo), giovane musicista che cerca di farsi strada con la sua band suonando al mitico Morrison sul Tevere, e Libero Ferri (Giovanni Calcagno), un ex rockstar ormai in declino. In mezzo al complicato rapporto col padre e al corteggiamento di Giulia, a cambiare le cose per Lodo sarà proprio il casuale incontro con Libero, il quale a sua volta prenderà spunto dalla nuova amicizia per ritrovare motivazioni e cercare il ritorno sulle scene. Cameo anche per Ermal Meta.

IL DVD. Morrison è approdato in homevideo con il DVD targato CG-Vision, un prodotto valido soprattutto nel reparto audio. Anche il video comunque se la cava discretamente, pur scontando le ambientazioni quasi sempre notturne del film e soprattutto certe panoramiche esterne nelle quali affiorano aliasing, sbavature sui contorni e qualche sgranatura. Il quadro si riprende in modo egregio su primi e medi piani, con un dettaglio soddisfacente e un croma vivace. Negli extra solo la videoclip "Sotto" con Lorenzo Zurzolo.

Morrison 10
Morrison: una sequenza

DA NON PERDERE. Davvero notevole l'audio, un Dolby digital 5.1 che esalta al massimo le tante musiche del film e le canzoni, grazie al contributo di tutti i diffusori, sempre precisi e attivi, oltre ai bassi sottolineati puntualmente dal sub. Ma è ottima anche l'ambienza, con i rumori del locale oppure degli esterni che denotano una buona dislocazione degli effetti, per una spazialità decisamente efficace.

I VOTI. Video: 7 - Audio: 8,5 - Extra: 5

Morrison, la recensione: Federico Zampaglione e il cinema, due destini che si uniscono

Morrison 6
Morrison: un momento del film

Vlad l'impalatore: la recensione del blu-ray

Vlad

IL FILM. Arriva direct to video un inedito film turco del 2018, Vlad l'impalatore, diretto da Osman Kaya. Siamo in Turchia, durante l'impero ottomano a metà del XV secolo: sul territorio si susseguono orrende atrocità a causa di Vlad l'Impalatore, un uomo crudele e assetato di sangue. Per dargli la caccia, il sovrano Baba Sultan chiama un gruppo di sette guerrieri senza paura di dare la caccia a Vlad e porre fine al suo regno di terrore.

IL BLU-RAY. Come detto approdo direct to video per Vlad l'Impalatore grazie al blu-ray targato Koch Media, molto valido tecnicamente ma povero di extra (c'è solo il trailer). Il video è molto buono: nonostante l'ambientazione scura e una certa desaturazione rispettosa della fotografia, il quadro è nitido, il dettaglio resta di alto livello su tutti i piani, con una sempre avvertibile profondità e una buona resa delle scene più buie.

Vlad2 A1Di45I
Vlad l'impalatore: una scena del film

DA NON PERDERE. Di valore anche l'audio, presentato in DTS HD 5.1 sia nella traccia italiana che nell'originale turco. Nelle tante sequenze di battaglia la resa è indubbiamente efficace, con un costante utilizzo dei diffusori, un'apprezzabile separazione dei canali e e una robusta entrata dei bassi. L'asse posteriore tra effetti e colonna sonora è sempre bello attivo, mentre i dialoghi emergono chiari e con un buon timbro.

I VOTI. Video: 8 - Audio: 8 - Extra: 4

Vlad1 2Usbwak
Vlad l'impalatore: una scena del film

Lei mi parla ancora: la recensione del DVD

Leimiparla

IL FILM. Una storia d'amore lunga 65 anni, quella tra Nino e Caterina, è raccontata in modo delicato da Pupi Avati in Lei mi parla ancora, liberamente tratto dall'omonimo libro di Giuseppe Sgarbi. Nel film che è valso il Nastro d'argento speciale 2021 a Renato Pozzetto, anche Stefania Sandrelli, Isabella Ragonese e Fabrizio Gifuni. Alla morte di Caterina, la figlia, nella speranza di aiutare il padre a superare la perdita della donna, gli affianca Amicangelo, un editor con velleità da romanziere, per scrivere attraverso i ricordi del padre un libro sulla loro storia d'amore.

Fabriziogifuni Renatopozzetto
Lei mi parla ancora: Fabrizio Gifuni e Renato Pozzetto in una foto del film

IL DVD. Lei mi parla ancora è disponibile in homevideo con il DVD targato CG-Vision, che offre un ottimo reparto tecnico ed extra più che sufficienti. Il video è la parte migliore mentre l'audio, presentato in dolby digital 5.1, pur non avendo un gran lavoro da fare viste le vicende intime del film, a parte una nevicata ben riprodotta, offre dialoghi impeccabili ma anche un'apprezzabile ambienza soprattutto negli esterni, oltre a una delicata resa della colonna sonora. Negli extra un backstage di 14 minuti con momenti delle riprese, il lavoro sul set e vari interventi, in primis quello di Pupi Avati.

DA NON PERDERE. Davvero ottimo il video, che riesce a ridurre al minimo i limiti del formato DVD, che affiorano solo in qualche campo lungo con cenni di sgranatura. Per il resto il quadro è compatto in ogni circostanza, con una leggera grana naturale e una solidità sui fondali davvero sorprendente. Molto buono anche il dettaglio, soprattutto sui primi piani sofferti dei protagonisti.

I VOTI. Video: 8 - Audio: 7 - Extra: 6,5

Lei mi parla ancora, la recensione: Fenomenologia del "per sempre"

Haber Sandrelli Pozzetto Hmaxfo1
Lei mi parla ancora: Haber, Sandrelli e Pozzetto sul set del film

Dietro la notte: la recensione del DVD

Dietro

IL FILM. Thriller che si svolge dal tramonto all'alba, Dietro la notte di Daniele Felleri vede come protagonisti Stefania Rocca e Fortunato Cerlino. Marta lavora per un prestigioso opificio e ha l'incarico di trasportare un carico di diamanti a Dubai. La donna trascorre la notte col suo nuovo compagno Bruno, mentre la figlia Elena, molto legata alla zia e decisamente contraria alla relazione della madre, è fuori con un ragazzo. Ma all'improvviso qualcuno fa irruzione nella casa alla ricerca dei diamanti. 

IL DVD. Approdo in homevideo per Dietro la notte con il DVD targato CG/Fenix Entertainment. Molto buono il video mentre negli extra è presente il solo trailer. Soddisfacente l'audio, un Dolby digital 5.1 che riesce a cogliere una discreta ambienza quando la scena lo richiede, pur con un marginale coinvolgimento dell'asse posteriore. Perfetti e dal buon timbro i dialoghi. 

Dietro La Notte 5
Dietro la notte: un'immagine del film

DA NON PERDERE. Nonostante le scene in gran parte in interni e l'ambientazione generalmente notturna, il video mantiene una bella compattezza di insieme, non andando mai in crisi nemmeno nei frangenti più ostici. Il dettaglio è morbido ma buono per il formato e soprattutto resta sempre costante, senza sbavature, con soddisfacente compattezza anche dei fondali. Buona la resa cromatica, che appare molto naturale. 

I VOTI. Video: 7,5 - Audio: 6,5 - Extra: 4

Dietro La Notte 10
Dietro la notte: Stefania Rocca in una scena del film

S.O.S. Gatto: la recensione del DVD

Sosgatto

IL FILM. S.O.S. Gatto è un documentario sui gatti di strada di Brooklyn e soprattutto sugli appassionati volontari che mettono la loro vita al servizio di questi felini, aiutando gli stessi animali ma anche migliorando una situazione scottante vista la marea di felici selvatici nelle strade di New York. Questa attività ha contribuito tra l'altro a cambiare la vita di queste persone, veri e propri eroi urbani.  

IL DVD. Approdo in homevideo per S.O.S. Gatto grazie al DVD CG/Wanted. Soddisfacente il video, mentre l'audio in italiano è in Dolby Digital 5.1 rispetto all'originale in 2.0, ma la traccia multicanale è quasi inutile perché tutto è affidato ai dialoghi e ai racconti, sempre chiari e puliti, mentre l'ambienza è piuttosto limitata. Come extra troviamo il trailer del film e di altri prodotti Wanted.

Sos Gatto 6
S.O.S. Gatto: una scena

DA NON PERDERE. La parte più convincente, pur con qualche difetto, resta quella video. Le immagini soffrono i campi lunghi, dove si avvertono tremolii e contorni seghettati su vegetazione e vie della città, ma poi il quadro diventa solido nelle scene in primo e medio piano, dove c'è anche un buon dettaglio sui gatti e sui loro soccorritori. La visione resta comunque piacevole.

I VOTI. Video: 6,5 - Audio: 6,5 - Extra: 5

Sos Gatto 5
S.O.S. Gatto: una scena del film