Facebook

Massimo Troisi

foto di Massimo Troisi
Professione: Attore, Sceneggiatore, Regista
Nato il:
19 Febbraio 1953
(San Giorgio a Cremano, Napoli, Italia)
Morto il:
4 Giugno 1994
(Ostia, Rome, Italia)
Età: 41 anni
13 anni di carriera
13 film e serie tv
11 premi

Biografia di Massimo Troisi

Massimo Troisi nasce nel 1953 a San Giorgio a Cremano, cittadina in provincia di Napoli che dedicherà alla sua memoria un Premio letterario e in suo onore una piazza che porta ancora oggi il suo nome. Un nome che i napoletani non hanno mai dimenticato, quello di Massimo: simbolo non solo di una comicità spontanea e semplice di cui la sua originale cinematografia fu impregnata ma anche una rigenerazione giovanilistica e solare di vecchie tradizioni napoletane, spesso da lui schernite con simpatica ironia, e di omaggi a due figure mitologiche del teatro e del cinema come Eduardo De Filippo e Totò.

Figlio di un macchinista ferroviario e di Elena Andinolfi, Massimo crebbe in una famiglia molto numerosa e l'atmosfera di un ambiente stretto ma accogliente si ritroverà in molti dei suoi film. Il suo amore per il cinema nasce dopo aver visto al cinema Roma, città aperta, il film del grande Roberto Rossellini che lo emozionò. Tuttavia la strada del cinema la percorre più tardi, dopo essersi diplomato come geometra e dopo aver vinto un premio locale di poesia ispirata alla figura di Pier Paolo Pasolini, uno degli autori che più apprezzava allora. Inizia nel 1969 a recitare in un teatro parrocchiale insieme ad alcuni amici tra i quali Lello Arena che gli farà da spalla accompagnandolo nell'arco di tutta la sua carriera.
Nel '72 lascia l'Italia per un intervento al cuore che subirà in America e per il quale verrà organizzata una colletta. Tornato riprende l'attività recitativa nel Centro Teatro Spazio, dove interpreta alcune recite tipiche della tradizione teatrale partenopea. Due anni più tardi fa coppia con Vincenzo Purcaro, che assumerà il nome d'arte Enzo Decaro e nel 1976 il duo diventa trio con l'ingresso di Arena: i Saraceni, che presto diventeranno La smorfia, ottengono enorme successo non solo nei teatri locali tanto da esibirsi a breve anche con interventi radiofonici e con sketch televisivi che li rendono riconoscibili e famosi.

Il primo film che segna il suo esordio alla regia, di cui è anche sceneggiatore e attore protagonista, è Ricomincio da tre: la commedia porta subito gli spettatori in un mondo fatto di una mimica nevrotica e di una serie di situazioni tipiche del teatro pirandelliano in cui l'immobilità lega i personaggi alle sue esistenze e di fronte alla quale l'unica fuga possibile è il riso un po' amaro, che le musiche di Pino Daniele, altro suo collaboratore fisso, sottolineano con pathos empatico. Il film viene subito apprezzato: ottiene due Nastri d'Argento (miglior regia esordiente e miglior soggetto) e due David di Donatello (miglior film e miglior attore) e si attesta al secondo posto nella classifica della stagione 1980-1981.

L'anno dopo dirige uno speciale televisivo per RaiTre Morto Troisi, viva Troisi!, con Marco Messeri, Lello Arena, Carlo Verdone e Roberto Benigni.
Lo stesso anno torna a recitare per il grande schermo, ancora insieme a Lello Arena, in No grazie, il caffè mi rende nervoso, in cui compare tra gli altri il sassofonista James Senese nella parte di se stesso.
Il 1983 è l'anno di Scusate il ritardo, nel quale Troisi inizia a delineare un "problematico" rapporto con le donne. L'anno dopo ripete il successo con Non ci resta che piangere, in cui al suo fianco compare Roberto Benigni, ma il film, basato su notevoli citazioni letterarie, storiche e cinematografiche, dotato delle fantasiose invenzioni e delle buffe gag del duo così bizzarramente assortito non piace alla critica.

Nel 1986 Troisi ha un piccolo ruolo nel film diretto da Cinzia Th. Torrini, Hotel Colonial. Ma sarà un altro regista a valorizzare le sue corde: Ettore Scola, che lo affiancherà a Marcello Mastroianni in Splendor (1988) e in Che ora è? (1989), per il quale verrà premiato con la Coppa Volpi, ex aequo con Mastroianni, alla Mostra del Cinema di Venezia e a Ornella Muti ne Il viaggio di Capitan Fracassa (1990), in cui interpreterà il suo amato Pulcinella.
Intanto non aveva smesso il ruolo di regista: nell'87 aveva infatti girato Le vie del Signore sono finite, nel quale recitava con un altro amico di sempre, Marco Messeri. Il film vinse il Nastro d'Argento per la Migliore Sceneggiatura.
Nel 1991 dirige Pensavo fosse amore, invece era un calesse, con Francesca Neri.

Poco dopo Massimo è costretto a tornare negli Stati Uniti per nuovi controlli cardiaci: lì apprende che deve sottoporsi con urgenza a un trapianto, ma, ostinato come sempre, decide di non rimandare le riprese del suo nuovo film. Proprio nel '94 recita la sua ultima parte, diretto da Michael Radford, ne Il postino, film che racconta la vita del poeta Neruda, interpretato magistralmente da Philippe Noiret, e la sua amicizia con un anonimo postino di Procida. Troisi termina a stento quest'ultimo film, nelle cui ultime scene una controfigura ha dovuto sostituirlo: 12 ore dopo la fine delle riprese viene colto da un attacco cardiaco nel sonno, a soli 41 anni.
Il film, candidato a cinque Premi Oscar (tra cui, per la quarta volta, Miglior Attore) vince solo quello per la Migliore Colonna Sonora (scritta da Luis Bacalov).

Film più famosi di Massimo Troisi

Locandina di Non ci resta che piangere

Non ci resta che piangere

1985 Recitazione, Regia, Sceneggiatura, Soggetto

Locandina di Ricomincio da tre

Ricomincio da tre

1981 Recitazione, Regia, Sceneggiatura, Soggetto

Locandina di Il postino

Il postino

1994 Recitazione, Sceneggiatura

Locandina di Scusate il ritardo

Scusate il ritardo

1982 Recitazione, Regia, Soggetto, Sceneggiatura

Locandina di Pensavo fosse amore invece era un calesse

Pensavo fosse amore invece era un calesse

1992 Recitazione, Regia, Sceneggiatura, Soggetto

Vai alla filmografia completa

Premi e nomination per Massimo Troisi

Oscar

1996 Candidatura Miglior attore protagonista per Il postino

1996 Candidatura Miglior sceneggiatura non originale per Il postino

David

1995 Candidatura Miglior attore protagonista per Il postino

1990 Candidatura Miglior attore protagonista per Che ora è?

1981 Premio Miglior film per Ricomincio da tre

1981 Premio Miglior attore protagonista per Ricomincio da tre

Nastri

1988 Premio Miglior sceneggiatura per Le vie del Signore sono finite

1981 Premio Miglior attore esordiente per Ricomincio da tre

1981 Premio Miglior regista esordiente per Ricomincio da tre

1981 Premio Miglior soggetto originale per Ricomincio da tre

Vai a tutti i premi

Film e Serie TV più recenti di Massimo Troisi

Locandina di Il postino

Il postino

1994 Recitazione, Sceneggiatura

Locandina di Pensavo fosse amore invece era un calesse

Pensavo fosse amore invece era un calesse

1992 Recitazione, Regia, Sceneggiatura, Soggetto

Locandina di Che ora è?

Che ora è?

1989 Recitazione

Vai alla filmografia completa

Film e Serie TV in streaming di Massimo Troisi

Locandina di Non ci resta che piangere

Non ci resta che piangere

FILM 1985
Recitazione, Regia, Sceneggiatura, Soggetto

Genere: Commedia

  • Netflix
  • Disney+
  • Infinity+
Locandina di Ricomincio da tre

Ricomincio da tre

FILM 1981
Recitazione, Regia, Sceneggiatura, Soggetto

Genere: Commedia

  • Netflix
  • Amazon Prime Video
  • Disney+
  • NOW
  • Chili
  • TIMVISION
  • Rakuten TV
  • Sky on Demand
  • Google Play
  • Microsoft Store
  • iTunes
Il postino: locandina italiana

Il postino

FILM 1994
Recitazione, Sceneggiatura

Genere: Drammatico

  • Netflix
  • Disney+
  • Infinity+
  • Infinity
  • TIMVISION
  • Sky on Demand
La locandina di Scusate il ritardo

Scusate il ritardo

FILM 1982
Recitazione, Regia, Soggetto, Sceneggiatura

Genere: Commedia

  • Disney+
  • Sky on Demand

Vai a tutti i film e serie TV in streaming

Galleria

Vai a tutte le immagini

Video

Vai a tutti i video

Generi più ricorrenti

Commedia 75%
Comico 12%
Drammatico 9%
Avventura 3%

Citazioni di Massimo Troisi

Adoro Totò e la sua capacità di improvvisazione, per me lui è lo Steve Jobs della comicità. Eduardo è un drammaturgo immenso che scriveva cose eccezionali. Troisi è il comico dei sentimenti perciò credo che tutti e tre mi abbiano …

Peccato sia morto così presto, chissà che risultati avrebbe raggiunto. Un talento infinito, pari alla sua gentilezza. Io rido molto poco e non perché ci sia la legge che vuole i comici vittime della malinconia. Ma Troisi era di un …

Vai a tutte le citazioni

Ultime notizie su Massimo Troisi