Home Jeff Bridges Biografia

Cenni biografici di Jeff Bridges


Nato nel '49 da una famiglia di attori, Jeff Bridges inizia a lavorare nel mondo dello spettacolo sin da piccolo, ma è dopo il servizio militare che inizia ad imporsi definitivamente nel mondo del cinema: nel '71 infatti è il protagonista di de L'ultimo spettacolo di Peter Bogdanovich al quale seguono un ruolo minore in Città amara di John Huston e tantissime altre pellicole tra cui Una calibro 20 per lo Specialista, sul set del quale diventa amico di Michael Cimino con il quale lavorerà ancora una volta nel 1980 come protagonista de I cancelli del cielo. L'anno seguente, sul set di Scandalo al ranch incontra Susan Geston che due anni dopo diventerà sua moglie e gli darà tre figlie.

Nel '76 Jeff è il protagonista de Il gigante della strada di Bob Rafelson, e del remake di King Kong diretto da John Guillermin. Nell'84 Bridges è il protagonista di Starman, diretto da John Carpenter, al quale seguono i thriller Doppio taglio e Il mattino dopo di Sidney Lumet. Dopo Tucker, un uomo e il suo sogno, di Francis Ford Coppola l'attore è il protagonista de I favolosi Baker accanto a suo fratello Beau e la splendida Michelle Pfeiffer, al quale seguono La leggenda del Re Pescatore di Terry Gilliam e Fearless - Senza paura di Peter Weir.

Nel '98, diretto dai fratelli Joel ed Ethan Coen, Bridges interpreta uno dei ruoli più importanti ed acclamati della sua carriera, quello di Jeffrey ne Il grande Lebowski, al quale segue l'avvincente thriller di Michael Faraday Arlington Road - L'inganno.
Gli anni Zero lo vedono tra gli attori più popolari del momento, con le sue partecipazioni a film d'autore come Tideland e Il Grinta, ma anche a blockbuster come Iron Man e TRON Legacy - nel quale, grazie alle magie del digitale, appare anche in versione più giovane di qualche anno. Le conferme più prestigiose però, arriveranno verso la fine del decennio con l'Oscar e il Golden Globe ricevuti per Crazy Heart, e la nomination ricevuta per il ruolo interpretato ne Il Grinta.