Facebook

Ingmar Bergman

un affascinante Ingmar Bergman in un ritratto giovanile
Professione: Sceneggiatore, Regista
Vero nome: Ernst Ingmar Bergman
Nato il:
14 Luglio 1918
(Uppsala, Svezia)
Morto il:
30 Luglio 2007
(Fårö, Gotlands län, Svezia)
Età: 89 anni
63 anni di carriera
49 film e serie tv
21 premi

Biografia di Ingmar Bergman

Nato a Uppsala, in Svezia, nel 1918, Ingmar Bergman era il figlio di un pastore luterano di Stoccolma, divenuto in seguito cappellano della Corte Reale, da cui il futuro regista ha ereditato la visione religiosa, elaborata tuttavia in maniera critica e problematica. Già da bambino dirigeva spettacoli di marionette, rappresentati in ambito familiare, dei quali i suoi due fratelli erano gli interpreti. L'amore per il cinema, invece, nacque a soli dodici anni, quando gli venne regalato un proiettore cinematografico (episodio che ha ripreso in una delle sue opere maggiormente autobiografiche, l'affettuoso amarcord Fanny e Alexander).

Dopo essersi laureato in storia della letteratura all'Università di Stoccolma, e dopo avere intrapreso all'inizio degli anni Quaranta l'attività di regista e autore per il "Teatro reale dell'opera", per il quale ha scritto un dramma dal titolo La morte di Kaspar, si fece notare da alcuni dirigenti della Swedish Filmindustry che lo reclutarono per rivedere le sceneggiature scritte da autori affermati. Nel 1944 il suo copione di Spasimo, opera critica nei confronti del nazismo, fu adattata per il grande schermo dal regista Alf Sjöberg e vinse il Grand Prix du Festival International du Film al Festival di Cannes. In quell'occasione a Bergman fu anche concesso di girare le ultime sequenze del film, che in pratica raccontava il suo ultimo anno da studente.

Due anni dopo ha diretto il suo primo film, Crisi, melodramma tratto da un lavoro teatrale del danese Leck Fischer. Segue un periodo in cui l'autore non ha ancora maturato la completa padronanza del suo stile, e nel quale realizza opere intrise di romanticismo, come Piove sul nostro amore, La terra del desiderio, Musica nel buio, Città portuale, Sete e Un'estate d'amore, primo vero e proprio successo del regista, caratterizzato da un'elevata elaborazione stilistica.
Mentre già in Prigione del 1948 Bergman sperimenta tecniche espressive innovative, mescolando la rappresentazione della realtà con la dimensione onirica, i successivi Donne in attesa, Una vampata d'amore, Monica e il desiderio, Sogni di donna e Sorrisi di una notte d'estate, quest'ultimo premiato al Festival di Cannes, si caratterizzano per un elaborato studio delle psicologie femminili.

A questa prima fase della sua produzione, sono seguiti capolavori indiscussi che hanno rivoluzionato le possibilità espressive del cinema, come il metafisico e simbolico Il settimo sigillo, (Premio speciale della giuria al Festival di Cannes), entrato nell'immaginario collettivo per la celeberrima sequenza della partita a scacchi con la morte; lo psicanalitico Il posto delle fragole (Orso d'oro al Festival di Berlino), una delle prime opere cinematografiche a rappresentare un flusso di coscienza mentale; l'elaborata riflessione sul potere dell'immagine de Il volto (Premio speciale della giuria al Festival di Venezia).

Dopo un periodo di pausa negli anni Sessanta sono seguite altre opere memorabili, come la problematica visione spirituale de La fontana della vergine (Oscar al miglior film straniero); che ispira a una successiva "Trilogia del silenzio di Dio", composta da Come in uno specchio (secondo Oscar per il miglior film straniero), Luci d'Inverno e lo scandaloso Il silenzio.
Dopo l'autobiografico A proposito di tutte queste... signore, si aggiungono nel decennio successivo nuovi capolavori, come lo scandagliamento interiore di Persona, una delle più approfondite analisi psicologiche della Settima Arte; lo straziante e glaciale dramma familiare Sussurri e grida (premiato con l'Oscar per la migliore fotografia); l'amaro Scene da un matrimonio, del quale il regista ha anche realizzato un sequel, Sarabanda, con cui nel 2003 ha concluso la sua luminosa carriera cinematografica, costellata di numerosi riconoscimenti, tra cui l'Oscar alla memoria Irving G. Thalberg.

Nel corso della sua carriera Bergman è stato, oltre che autore cinematografico e televisivo, anche regista teatrale, e considerava il teatro come "una sposa fedele" al contrario del cinema, da lui visto come "una grande avventura, un'amante costosa ed esigente".

Da più di dieci anni, dopo la morte di Ingrid, la sua quinta moglie, Bergman si era ritirato a vivere in solitudine sull'Isola di Faro, dove aveva ambientato alcune delle sue pellicole, e nella quale si è spento nel 2007.

Film più famosi di Ingmar Bergman

Locandina di Il settimo sigillo

Il settimo sigillo

1957 Regia, Sceneggiatura, Soggetto

Locandina di Il posto delle fragole

Il posto delle fragole

1957 Regia, Sceneggiatura, Soggetto

Locandina di Sussurri e grida

Sussurri e grida

1972 Regia, Sceneggiatura, Soggetto

Locandina di Fanny e Alexander

Fanny e Alexander

1982 Regia, Sceneggiatura, Soggetto

Locandina di Persona

Persona

1966 Regia, Produzione, Sceneggiatura, Soggetto

Vai alla filmografia completa

Premi e nomination per Ingmar Bergman

Oscar

1984 Candidatura Miglior regia per Fanny e Alexander

1984 Candidatura Miglior sceneggiatura originale per Fanny e Alexander

1979 Candidatura Miglior sceneggiatura originale per Sinfonia d'autunno

1977 Candidatura Miglior regia per L'immagine allo specchio

1974 Candidatura Miglior film per Sussurri e grida

1974 Candidatura Miglior sceneggiatura originale per Sussurri e grida

1974 Candidatura Miglior regia per Sussurri e grida

1963 Candidatura Miglior sceneggiatura originale per Come in uno specchio

1960 Candidatura Miglior sceneggiatura originale per Il posto delle fragole

Golden Globes

1984 Candidatura Miglior regista per Fanny e Alexander

Vai a tutti i premi

Film e Serie TV più recenti di Ingmar Bergman

Locandina di Scene da un matrimonio

Scene da un matrimonio

1973 Regia, Sceneggiatura, Soggetto

Locandina di Persona

Persona

1966 Regia, Produzione, Sceneggiatura, Soggetto

Locandina di Sogni di donna

Sogni di donna

1955 Regia, Sceneggiatura, Soggetto

Locandina di Il settimo sigillo

Il settimo sigillo

1957 Regia, Sceneggiatura, Soggetto

Vai alla filmografia completa

Generi più ricorrenti

Drammatico 82%
Commedia 13%
Documentario 3%
Musicale 2%

Citazioni di Ingmar Bergman

Il film, quando non è un documentario, è un sogno. È per questo che Tarkovskij è il più grande di tutti

Non c'è nessuna forma d'arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere le stanze segrete dell'anima.

Vai a tutte le citazioni

Ultime notizie su Ingmar Bergman