Luci d'inverno 1962

N/D
4.0/5
La locandina di Luci d'inverno

Luci d'inverno è un film di genere Drammatico del 1962 diretto da Ingmar Bergman con Ingrid Thulin e Gunnar Björnstrand. Durata: 81 min. Paese di produzione: Svezia.

Titolo originale
Nattvardsgästerna
Data di uscita
nd (Italia)
11 Febbraio 1963 (Svezia)
Genere
Drammatico
Anno
1962
Regia
Ingmar Bergman
Attori
Ingrid Thulin, Gunnar Björnstrand, Gunnel Lindblom, Max von Sydow, Allan Edwall, Kolbjörn Knudsen, Olof Thunberg, Elsa Ebbesen
Paese
Svezia
Durata
81 Min

Trama

La trama di Luci d'inverno (1962). Pastore di un piccolo paese svedese, è angustiato da una crisi di fede, accentuata dal suo stato di salute e dal rapporto con una maestrina che l'ama e che vorrebbe sposarlo. Di fronte al silenzio di Dio, egli avverte l'inutilità della propria missione pastorale e giunge a negare l'esistenza stessa di Dio.

Recensione

Il silenzio di Dio, il silenzio dell'uomo Con stile secco e asciutto (asciuttissimo), con moltissimi dialoghi e pochi cambi di ambiente (la chiesa, l'esterna sul fiume e la scuola) Ingmar Bergman parla di un prete che in un giorno di malattia in cui deve comunque lavorare si rende conto di quanto ormai non creda più in quello che fa e di come abbia scelto di diventare pastore con leggerezza. Il ricordo della moglie morta, le continue avance di un'altra donna, un fedele deciso a suicidarsi (il grandissimo Max von Sydow) e l'esigenza di venire a patti con una vita che …

Leggi la recensione completa di Luci d'inverno

Cast

Ingrid Thulin Ingrid Thulin Märta Lundberg
Gunnar Björnstrand Gunnar Björnstrand Tomas Ericsson
Gunnel Lindblom Gunnel Lindblom Karin Persson
Max von Sydow Max von Sydow Jonas Persson
Allan Edwall Allan Edwall Algot Frövik
Kolbjörn Knudsen Kolbjörn Knudsen Knut Aronsson
Olof Thunberg Olof Thunberg Fredrik Blom
Elsa Ebbesen Elsa Ebbesen Magdalena Ledfors

Vai al cast completo di Luci d'inverno

Curiosità e frasi celebri

Tutte le curiosità su Luci d'inverno e le frasi celebri: ecco le cose curiose che potrebbero esser sfuggite allo spettatore.

Date di uscita e riprese - La data di uscita originale di Luci d'inverno è: 11 Febbraio 1963 (Svezia).
Le riprese del film si sono svolte in Svezia.

Ecco alcune delle location in cui è stato girato il film:

Dalarnas län, Svezia
Svensk Filmindustri, Filmstaden, Råsunda, Stockholms län, Svezia

Un capolavoro triste - Quando Kabi Laretei, quarta moglie di Ingmar Bergman vide Luci d'inverno disse: "Sì, Ingmar è un capolavoro. Ma un capolavoro triste".

  • Ammettiamo che dio non esista, che differenza c'è? La vita diventa comprensibile. Che sollievo! La morte diventa uno spegnimento, un disfacimento dell'anima. La crudeltà degli uomini, la loro solitudine, la loro paura, tutto diviene chiaro, trasparente. L'incomprensibile sofferenza non ha bisogno di spiegazione. Le stelle, il mondo ed i cieli hanno creato se stessi e si sono dati vita a vicenda. Non c'è nessun creatore del mondo

Accoglienza

Attualmente Luci d'inverno ha ricevuto la seguente accoglienza dal pubblico:

Critica

Luci d'inverno è stato accolto dalla critica nel seguente modo: sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes il film ha ottenuto un punteggio medio del 73% sul 100% mentre su Imdb il pubblico lo ha votato con 8.1 su 10

Immagini e foto

Vai alla galleria completa

Home Video

dvd

Luci d'inverno
2012 - 01 Distribution
Contiene 1 Ora e 20 Minuti di contenuti su 1 Disco.

dvd

Luci d'inverno
2007 - 01 Distribution
Contiene 1 Ora e 20 Minuti di contenuti su 1 Disco.

Tutti gli home video

News e articoli

  • I 100 anni di Ingmar Bergman: i grandi personaggi di un regista indimenticabile

    I 100 anni di Ingmar Bergman: i grandi personaggi di un regista indimenticabile

    Uomini e donne in preda a dubbi divoranti, alla ricerca di se stessi, di un precario equilibrio sentimentale o della chiave per i misteri dell'esistenza: celebriamo il centenario del mitico Ingmar Bergman andando a riscoprire alcuni fra i personaggi più memorabili creati dal regista svedese.

  • Recensione Luci d'inverno (1962)

    Recensione Luci d'inverno (1962)

    Giocando unicamente sugli interni e su dialoghi molto ricchi, Bergman contrappone due tipi diversi di silenzi, quello di Dio (come sempre fonte di sfiducia e di dubbio) e quello dell'uomo (fonte di incomprensione e rottura), utilizzando uno stile meno simbolico del solito ma più ricco esteticamente.