Avengers: Infinity War

2018, Azione

I Russo su Infinity War: “Thanos è la morte che bussa alla porta degli Avengers”

Intervista a Joe e Anthony Russo, registi di Avengers: Infinity War, in cui sono riusciti a portare contemporaneamente sul grande schermo tutti gli eroi del Marvel Cinematic Universe visti fino a oggi e delineare un antagonista alla loro altezza. Dal 25 aprile in sala.

Avengers: Infinity War, una foto del film

In Avengers: Infinity War vediamo gli Avengers originali - Iron Man (Robert Downey Jr.), Captain America (Chris Evans), Thor (Chris Hemsworth), Hulk (Mark Ruffalo) e Vedova Nera (Scarlett Johansson) - unirsi ai Guardiani della Galassia, Doctor Strange (Benedict Cumberbatch), Scarlet Witch (Elizabeth Olsen), Black Panther (Chadwick Boseman), Spider-Man (Tom Holland) e molti altri. Nonostante le divergenze che li hanno portati a separarsi, una minaccia incombente e li spinge a unire le forze: Thanos (Josh Brolin), antagonista illuminato, che vuole le Gemme dell'Infinito non per scopi personali, ma per dimezzare metà della vita dell'universo, in modo che l'esistenza di tutti possa continuare.

Leggi anche: Avengers: Infinity War è il film perfetto per celebrare 10 anni di successi Marvel

Nelle sale italiane dal 25 aprile, Infinity War è stato uno sforzo disumano, non solo dal punto di vista produttivo e logistico, ma soprattutto per quanto riguarda la scrittura: come far interagire tutti questi personaggi? Come rispettare la personalità di ognuno? Come premiare il pubblico per dieci anni di fedeltà al Marvel Cinematica Universe? + Autori di Captain America: The Winter Soldier, uno dei film più riusciti dei film del MCU, e di Captain America: Civil War, dove si sono fatti le ossa per Infinity War, i fratelli Anthony Russo e Joe Russo sono diventati i golden brothers dei Marvel Studios, realizzando un sogno che ha esaudito i loro desideri sia da registi che da fan.

Leggi anche: Gli Avengers: "Infinity War sarà epico e indimenticabile: diventerà un classico come Titanic"

Infinity War: giocare con i supereroi

Avengers: Infinity War, una foto dei protagonisti

Proprio il loro essere grandi amanti del materiale di partenza, i fumetti, li rende allo stesso tempo autori attenti e appassionati: "Le persone hanno seguito queste storie per dieci anni e questo è il grande momento in cui tutti i loro personaggi preferiti sono insieme sullo schermo" ci ha detto Joe a Londra, all'anteprima europea del film, proseguendo: "Noi, sia da fan che come autori, abbiamo pensato a lungo a come farli interagire, quali personalità mettere a confronto, se farli divertire, arrabbiare, quali ego far scontrare, chi è il leader, chi non lo è, chi è alpha chi è beta... per noi è stato parte del divertimento, come giocare con la sabbia. Tutti questi attori, che interpretano questi personaggi con delle storie fantastiche: li abbiamo mescolati e abbiamo visto che effetto faceva".

Avengers: Infinity War, una foto di Spider-Man

Da grandi personaggi derivano grandi scelte di casting, di cui i Russo sono grati: "Voglio dire, questo è un cast pieno di talento: parte della benedizione che è lavorare per la Marvel è che il reparto casting ha fatto un lavoro incredibile, mettendo insieme degli attori che possono vantare diverse nomination Oscar. Forse sono loro ad aver aiutato noi a un certo punto. È difficile che si presentino senza sapere cosa stanno facendo."

Leggi anche: Tom Hiddleston su Infinity War: "Interpretare un supereroe è un privilegio: affronti un'idea più grande di te"

Thanos: un grande antagonista

Avengers: Infinity War, una foto di Thanos

Per reggere il confronto con una schiera così fitta di eroi, l'antagonista non poteva essere una figurina sbiadita, come ci ha detto Anthony: "Amiamo gli antagonisti complessi, così come gli eroi complessi: tutti abbiamo oscurità e luce dentro di noi, quindi avere la possibilità di esplorare ogni personaggio in questo modo credo sia una cosa preziosa." D'accordo Joe: "Il suo punto di vista è che le risorse sono limitate e la vita tende a prosciugarle, quindi si sente quasi come un custode. Quello che dice è vero: stiamo prosciugando le nostre risorse e finiremo per estinguerle. Certo la sua soluzione è da psicopatici: è questo che lo rende un personaggio complesso."

Leggi anche: Cumberbatch su Infinity War: "Per essere Doctor Strange devi crederci, anche quando ti cadono i baffi finti"

Rispettare la mitologia dei personaggi

Avengers: Infinity War, Benedict Wong, Benedict Cumberbatch, Mark Ruffalo e Robert Downey Jr. in una scena del film

La forza della saga Marvel sta nei suoi personaggi: in dieci anni ognuno ha sviluppato un'identità ben precisa, che ha fatto innamorare i fan.
Per Joe: "C'è molta mitologia in questi personaggi, è ciò che li rende affascinanti, Thanos stesso è mitico: è una forza inarrestabile dell'universo e in un certo senso rappresenta la morte che sta arrivando per gli Avengers, è la personificazione di una forza irrefrenabile. La prova per ogni grande eroe è fare ciò che è giusto non importa che costo abbia: dovranno tutti affrontare quella decisione."

Leggi anche: Avengers: Infinity War, Tom Holland: "Captain America sul set balla sempre il tip-tap!"

La nostra intervista a Anthony e Joe Russo

I Russo su Infinity War: “Thanos è la morte che...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Avengers: Infinity War è il film perfetto per celebrare 10 anni di successi Marvel
Gli Avengers: “Infinity War sarà epico e indimenticabile: diventerà un classico come Titanic”