Marina Confalone

Marina Confalone
Professione:
Attrice
46 anni di carriera
33 film e serie tv
7 premi

Marina Confalone: nata a Napoli, Italia è una attrice con 32 film e 1 serie TV nella sua filmografia. Qui puoi conoscere la vita privata, carriera e curiosità su Marina Confalone, leggere le notizie più recenti, gli articoli di approfondimento, tutte le sue frasi celebri, trovare i 7 premi vinti e guardare le foto e i video.

Galleria

Vai a tutte le immagini

Film più famosi

Locandina di Amiche da morire

Amiche da morire

2013
Recitazione

Locandina di Natale in casa Cupiello

Natale in casa Cupiello

1977
Recitazione

Locandina di Il Marchese del Grillo

Il Marchese del Grillo

1981
Recitazione

Locandina di Parenti serpenti

Parenti serpenti

1992
Recitazione

Locandina di Così parlò Bellavista

Così parlò Bellavista

1984
Recitazione

Vai alla filmografia completa

Premi e nomination di Marina Confalone

David

2002 Premio Miglior attrice protagonista per Incantesimo napoletano

1998 Candidatura Miglior attrice non protagonista per La parola amore esiste

1996 Premio Miglior attrice non protagonista per La seconda volta

1993 Premio Miglior attrice non protagonista per Arriva la bufera

1985 Premio Miglior attrice non protagonista per Così parlò Bellavista

Nastri

2008 Candidatura Migliore attrice non protagonista per Tre Donne Morali

1985 Premio Miglior attrice non protagonista per Così parlò Bellavista

Film e Serie TV più recenti

Locandina di Il silenzio grande

Il silenzio grande

2021
Recitazione

Locandina di Il vizio della speranza

Il vizio della speranza

2018
Recitazione

Locandina di Così parlò De Crescenzo

Così parlò De Crescenzo

2016
Recitazione

Locandina di Amiche da morire

Amiche da morire

2013
Recitazione

Vai alla filmografia completa

Generi più ricorrenti

Commedia 76%
Drammatico 14%
Comico 7%
Documentario 3%

Video

Vai a tutti i video

Statistiche

1 video
8 foto
2 news

Ultime notizie su Marina Confalone

Recensione Il vizio della speranza, parabola tutta al femminile
22/11/2018
Recensione Il vizio della speranza, parabola tutta al femminile