David di Donatello 2018: Spielberg, la DeLorean sul red carpet e la vittoria dei Manetti Bros.

Resoconto video della 62esima edizione dei David di Donatello, che ha visto vincere Ammore e Malavita dei Mantetti Bros. come miglior film e arrivare un ospite d'eccezione, Steven Spielberg, che ha ritirato il premio alla carriera.

Alessandro Borghi ai David 2018

La 62esima edizione dei David di Donatello torna in Rai dopo le due edizioni curate da Sky, di cui si è mantenuta la location, gli Studios di Via Tiburtina a Roma, con un diverso conduttore, Carlo Conti, che raccoglie il testimone di Alessandro Cattelan e ha presentato la serata trasmessa in diretta su Rai Uno, e Direttore Artistico, carica affidata alla giornalista Piera De Tassis.

Leggi anche: David di Donatello 2018: Ammore e malavita è il miglior film!

Super ospiti della serata la DeLorean di Ritorno al futuro, che ha un ruolo importante in Ready Player One, nuovo film di Steven Spielberg, arrivato per ricevere il David alla Carriera - Life Achievement Award 2018, nelle sale italiane dal 28 marzo, e Diane Keaton, a cui, insieme a Stefania Sandrelli, è stato consegnato il David Speciale.

Leggi anche: Ammore e malavita: il musical dei Manetti Bros. colpo di fulmine e di pistola

"Ogni film è un atto di fede"

Il regista americano ci ha detto sul red carpet che, come i protagonisti della sua nuova pellicola, compie un atto di fede a ogni nuovo film: "Ogni film che faccio è un atto di fede: perché non so se al pubblico e ai critici piacerà... Ogni film che dirigo per me è un salto: in Ready Player One tutti devono compiere un atto di fede, quindi è quasi autobiografico!". Nel corso della serata il leggendario regista ha raccontato della sua prima esperienza a Roma, quando, subito dopo l'uscita di Duel, fu raggiunto in hotel da Federico Fellini, che voleva complimentarsi con lui e si offrì di fargli fare un tour della città.

Leggi anche: Ready Player One, non solo nostalgia: Spielberg ci regala il paradiso dei cinefili

La ragazza nella nebbia: Toni Servillo e Donato Carrisi sul set del film

Spielberg ha inoltre consegnato il premio Miglior regista esordiente allo scrittore Donato Carrisi per il suo La ragazza nella nebbia. Dopo la cerimonia, Carrisi ci ha detto: "Io che sono abituato a fare i thriller, stavolta ho subito il colpo di scena. Era perfetto: l'abbraccio, il bacio di Spielberg, la stretta di mano, il fatto che lui pronunciasse il mio nome... Devo dire che se non avessi vinto ci avrei davvero pensato a lungo, ci sarei rimasto male, ci avrei rimuginato sopra chissà per quanto. In fondo questo di chiama David di Donatello: io mi chiamo Donato, per cui...".

Leggi anche: Donato Carrisi e La ragazza nella nebbia: "Tutti possiamo diventare dei mostri"

Nel segno di Spielberg

Grandi fan di Spielberg anche Antonio e Marco Manetti, il cui film Ammore e malavita si è aggiudicato il David per la miglior pellicola dopo aver ottenuto la ben 15 nominations, e Alessandro Borghi, candidato sia come Miglior attore protagonista che non protagonista, rispettivamente per Napoli velata e Fortunata, che ha una grande passione per E.T. L'Extraterrestre e per le musiche di John Williams. A proposito di musica, presente alla cerimonia, per consegnare un premio, anche l'Ètoile del Teatro Alla Scala Roberto Bolle, che vorrebbe recitare in un film con al centro la vita vissuta sul palco e ama il musical, in particolare Chicago, ma che, prima di cimentarsi in una pellicola del genere, ammette che dovrebbe prendere lezioni di canto.

Leggi anche: Suburra, la serie Netflix: Alessandro Borghi è di nuovo Numero 8, il Lannister di Ostia

Marco e Antonio Manetti ai David 2018

Il Dissenso Comune e l'"educazione alla gentilezza" di Micaela Ramazzotti

Micaela Ramazzotti, candidata come Migliore attrice non protagonista per il suo ruolo in La tenerezza, ha portato avanti, insieme a molte attrici, tra cui Paola Cortellesi e Claudia Gerini, premiata come Migliore attrice non protagonista per Ammore e Malavita, la protesta contro le discriminazioni di genere e le molestie nel mondo del lavoro sostenuta dal manifesto Dissenso Comune, non solo indossando sul red carpet la spilletta disegnata da Alba Rohrwacher, ma lanciando un appello: "Dobbiamo lavorare tutte insieme, lo dico anche alle giovani donne: dobbiamo diventare sempre più forti ed educare gli uomini alla gentilezza, al rispetto della donna. È la cosa più importante e deve iniziare fin da quando sono piccoli, fin dalle scuole: bisognerebbe inventare una nuova materia che si chiama educazione alla gentilezza".

Leggi anche: Germano e Ramazzotti, protagonisti di La Tenerezza: "Il dramma di dover fingere di essere felici"

Micaela Ramazzotti ai David 2018

Il videoracconto dei David di Donatello 2018

Tutti i premi

MIGLIOR FILM

Ammore e malavita - prodotto da Carlo MACCHITELLA e MANETTI Bros. con Rai Cinema per la regia dei MANETTI Bros.

MIGLIORE REGIA

Jonas CARPIGNANO per A Ciambra

MIGLIORE REGISTA ESORDIENTE

Donato CARRISI per La ragazza nella nebbia

MIGLIORE SCENEGGIATURA ORIGINALE

Susanna NICCHIARELLI per Nico, 1988

MIGLIORE SCENEGGIATURA NON ORIGINALE

Fabio GRASSADONIA, Antonio PIAZZA per Sicilian Ghost Story

MIGLIORE PRODUTTORE

Luciano STELLA e Maria Carolina TERZI per Mad Entertainment e Rai Cinema per Gatta Cenerentola

MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA

Jasmine TRINCA per Fortunata

MIGLIORE ATTORE PROTAGONISTA

Renato CARPENTIERI per La tenerezza

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA

Claudia GERINI per Ammore e malavita

MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA

Giuliano MONTALDO per Tutto quello che vuoi

MIGLIORE AUTORE DELLA FOTOGRAFIA

Gian Filippo CORTICELLI per Napoli velata

MIGLIORE MUSICISTA

PIVIO e Aldo DE SCALZI per Ammore e malavita

MIGLIORE CANZONE ORIGINALE

"BANG BANG" musica di PIVIO & Aldo DE SCALZI, testi di NELSON, interpretata da Serena ROSSI, Franco RICCIARDI, Giampaolo MORELLI per il film Ammore e malavita

MIGLIORE SCENOGRAFO

Ivana GARGIULO per Napoli velata

MIGLIORE COSTUMISTA Ex Aequo

Daniela SALERNITANO per Ammore e malavita Massimo CANTINI PARRINI per Riccardo va all'inferno

MIGLIOR TRUCCATORE

Marco ALTIERI per Nico, 1988

MIGLIOR ACCONCIATORE

Daniela ALTIERI per Nico, 1988

MIGLIORE MONTATORE

Affonso GONÇALVES per A Ciambra

MIGLIOR SUONO

Presa diretta: Adriano DI LORENZO - Microfonista: Alberto PADOAN - Montaggio: Marc BASTIEN - Creazione suoni: Eric GRATTEPAIN - Mix: Franco PISCOPO per il film Nico, 1988

MIGLIORI EFFETTI DIGITALI

Mad Entertainment per Gatta Cenerentola

MIGLIOR FILM DELL'UNIONE EUROPEA

The Square di Ruben OSTLUND (Teodora Film)

MIGLIOR FILM STRANIERO

Dunkirk di Christopher NOLAN (Warner Bros. Entertainment Italia)

DAVID GIOVANI

Tutto quello che vuoi di Francesco BRUNI

MIGLIOR DOCUMENTARIO

La lucida follia di Marco Ferreri di Anselma DELL'OLIO

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO

Bismillah di Alessandro GRANDE

DAVID ALLA CARRIERA - LIFE ACHIEVEMENT AWARD 2018 Steven SPIELBERG

DAVID SPECIALE Stefania SANDRELLI Diane KEATON

David di Donatello 2018: Spielberg, la DeLorean...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Manetti Bros. su Ammore e malavita: “Claudia Gerini nel film è il nostro alter ego cinefilo”
La tenerezza, Gianni Amelio e Giovanna Mezzogiorno: "I rapporti tra estranei sono i più facili"