Paolo Buonvino

Paolo Buonvino
Professione:
Compositore
23 anni di carriera
49 film e serie tv
13 premi

Paolo Buonvino: nato a Scordia, Italia è un compositore con 45 film e 4 serie TV nella sua filmografia. Qui puoi conoscere la vita privata, carriera e curiosità su Paolo Buonvino, leggere le notizie più recenti, gli articoli di approfondimento, tutte le sue frasi celebri, trovare i 13 premi vinti e guardare le foto e i video.

Galleria

Vai a tutte le immagini

Film più famosi

Locandina di Baciami ancora

Baciami ancora

2009
Musiche

Locandina di Romanzo criminale

Romanzo criminale

2005
Musiche

Locandina di L'ultimo bacio

L'ultimo bacio

2001
Musiche

Locandina di Il mio miglior nemico

Il mio miglior nemico

2006
Musiche

Vai alla filmografia completa

Serie TV più famose

Vai alla filmografia completa

Premi e nomination di Paolo Buonvino

David

2009 Candidatura Miglior musicista per Italians

2008 Premio Miglior musicista per Caos calmo

2008 Candidatura Miglior canzone originale per Cemento armato

2007 Candidatura Miglior canzone originale per Manuale d'Amore 2 - Capitoli successivi

2006 Candidatura Miglior musicista per Romanzo criminale

2005 Candidatura Miglior musicista per Manuale d'amore

2005 Candidatura Miglior canzone originale per Manuale d'amore

2000 Candidatura Miglior musicista per Come te nessuno mai

Nastri

2012 Candidatura Migliore canzone originale per Il giorno in più

2011 Candidatura Migliore colonna sonora per La scuola è finita

Vai a tutti i premi

Film e Serie TV più recenti

Locandina di Burraco Fatale

Burraco Fatale

2019
Musiche

Locandina di I villeggianti

I villeggianti

2018
Musiche

Locandina di 7 minuti

7 minuti

2016
Musiche

Locandina di Padri e Figlie

Padri e Figlie

2015
Musiche

Vai alla filmografia completa

Generi più ricorrenti

Commedia 48%
Drammatico 38%
Documentario 4%
Poliziesco 4%

Statistiche

0 video
2 foto
4 news

Ultime notizie su Paolo Buonvino

Annabel Scholey, da I Medici al RomaFictionFest: “È difficile accettare il doppiaggio”
10/12/2016
Annabel Scholey, da I Medici al RomaFictionFest: “È difficile accettare il doppiaggio”