Eleonora Brigliadori

Attrice
Biografia

Cenni biografici di Eleonora Brigliadori


Eleonora Brigliadori nasce a Milano il 18 febbraio 1960.
La sua carriera nello spettacolo comincia con il Portobello di Enzo Tortora, in cui è una delle telefoniste del programma, e diventa un noto volto della tv quando Silvio Berlusconi la vuole come annunciatrice di Telemilano e poi della neonata Canale 5, in cui lavorerà per 3 anni. La sua prima prova da attrice è nello sceneggiato RAI Delitto di Stato (1982) di Gianfranco De Bosio, con una vicenda tratta da una novella di Maria Bellonci, ambientata a Mantova nel 1500 alla corte dei Gonzaga.

Il debutto sul grande schermo invece è nel 1983 con I guerrieri dell'anno 2072 per la regia di Lucio Fulci. È singolare come la "televisione" rimanga ancorata all'attrice, dato che la trama del film narra di una singolare guerra fantascientifica tra "reti", per conquistare l'audience.
Nel 1985 è a fianco di Alberti Sordi in Sono un fenomeno paranormale diretto da Sergio Corbucci e grazie allo stesso regista nel 1987 raggiunge il successo con Rimini Rimini.
Nell'anno successivo affianca Ottavia Piccolo e Johnny Dorelli nel remake televisivo di La coscienza di Zeno, con la regia di Sandro Bolchi.
Seguirà nel 1989 il film La cintura di Giuliana Gamba, ispirato a una commedia di Alberto Moravia. L'erotismo della pellicola fece perdere alla Brigliadori l'occasione di condurre un'edizione dello Zecchino d'oro.
Successivamente partecipa a varie serie televisive, tra cui si ricordano Delitti imperfetti (1993) di Fabrizio Laurenti, Provincia segreta (1998) di Francesco Massaro e Gioco a incastro (2000) di Enzo G. Castellari.

Il ritorno al grande schermo è a fianco di Franco Nero nel film di Silvano Agosti La ragion pura (2001), in cui la Brigliadori si mostra all'altezza di una pellicola complessa, ispirata alla filosofia di Liebniz. Nel 2006 ritrova invece il successo con Notte prima degli esami di Fausto Brizzi, e poi con 7 km da Gerusalemme (2006) diretto da Claudio Malaponti. Una vera e propria ripartenza di carriera per un personaggio considerato eccentrico ma dallo spirito forte e battagliero. Note infatti la sua lotta contro il cancro, vinta con le cure di medicine alternative, la sua passione per la filosofia New Age e soprattutto quella per l'ambiente, per la quale si spinse a un atto artistico di protesta, dipingendo di turchese uno scoglio di una spiaggia della Sardegna. E a proposito di spiagge, nel 2011 è approdata sulla playa televisiva dell'isola dei famosi insieme a concorrenti come Daniel McVicar e Raffaele Paganini. Eleonora non ha vinto il reality, ma si è conquistata la simpatia del pubblico e soprattutto un'irresistibile imitazione di Virginia Raffaele.