Oscar 2018: le previsioni per le categorie tecniche e musicali

A pochi giorni dalla cerimonia per la 90° edizione degli Academy Award, ecco arrivare puntualmente i nostri pronistici sui probabili vincitori e gli sfidanti più agguerriti ai prossimi Oscar. Partiamo dalle categorie tecniche, dominate quest'anno da titoli come La forma dell'acqua, Blade Runner 2049 e Dunkirk.

Warren Beatty e Faye Dunaway agli Oscar 2017

Anche quest'anno, il nostro lungo percorso attraverso la awards season cinematografica volge al termine, essendo ormai quasi arrivati al suo appuntamento clou: la cerimonia di assegnazione dei premi Oscar, che nel 2018 festeggiano la novantesima edizione della loro storia. Dunque, dopo aver seguito per mesi e mesi i successi e le omissioni di tutti gli aspiranti candidati, eccoci ora a un altro appuntamento immancabile: i pronostici sui vincitori.

Leggi anche: Oscar 2018: dall'exploit de La forma dell'acqua alla sorpresa Anderson, il commento alle nomination

tsow2

Come già per le edizioni passate, di seguito analizzeremo quasi tutte le categorie per illustrarvi la situazione nella corsa agli Oscar e provare a individuare i grandi favoriti e i potenziali upset di domenica notte; e come di consueto, la prima parte del nostro approfondimento annuale prenderà in esame le categorie tecniche e musicali. Di seguito vi parliamo dunque della competizione per gli Academy Award in dieci categorie, mentre a breve ci occuperemo anche di quelle dedicate ai film, ai registi, agli sceneggiatori e agli interpreti. Buona lettura e... che vincano i migliori!

Miglior Sonoro

Dunkirk: Kenneth Branagh in una scena del film

In più di una categoria tecnica si prevede un testa a testa fra due dei titoli in assoluto più popolari dell'anno: Baby Driver - Il genio della fuga, incalzante heist movie a ritmo di musica pop, e Dunkirk, l'immersivo kolossal bellico di Christopher Nolan. E proprio quest'ultimo dovrebbe imporsi senza troppe difficoltà nella corsa all'Oscar per il miglior sonoro (categoria che già l'hanno scorso aveva visto prevalere un altro film di guerra).

Pronostico: Dunkirk (runner-up: Baby Driver)

Leggi anche: Guerre impossibili: perché Christopher Nolan e Dunkirk meriterebbero l'Oscar

Migliori Effetti Sonori

Una sfida maggiormente incerta è quella per l'Oscar ai migliori effetti sonori: la categoria dedicata al cosiddetto sound editing può risultare imprevedibile, ma le opere di guerra e/o di fantascienza hanno quasi sempre avuto la meglio. E in una cinquina che comprende gli stessi, identici candidati all'Oscar per il sonoro, noi torniamo a puntare su Dunkirk vincente, con Baby Driver come possibile spoiler (ma occhio a non sottovalutare Blade Runner 2049).

Pronostico: Dunkirk (runner-up: Baby Driver)

Leggi anche: Dunkirk: l'atipico war movie di Christopher Nolan per celebrare l'essere umano

Dunkirk: i soldati sotto il fuoco nemico

Migliori Effetti Speciali

Blade Runner 2049: Ryan Gosling in una foto del film

In una categoria occupata interamente da giganteschi blockbuster, la sensazione è che il vero duello si consumerà fra due pellicole di fantascienza: Blade Runner 2049, forte di un bottino di cinque nomination, e The War - Il pianeta delle scimmie, terzo capitolo del fortunatissimo reboot. Difficile stabilire quale dei due titoli goda di un effettivo vantaggio, ma qualora i membri dell'Academy si fossero davvero lasciati conquistare dall'opera visionaria di Denis Villeneuve aspettiamoci di vedere Blade Runner 2049 vincere un ben meritato Oscar per i migliori effetti speciali.

Pronostico: Blade Runner 2049 (runner-up: The War - Il pianeta delle scimmie)

Leggi anche: Blade Runner 2049: un sequel all'altezza non è fantascienza

Miglior Trucco e Acconciature

L'ora più buia: Kristin Scott Thomas e Gary Oldman in una scena del film

È la categoria in cui i biopic godono spesso e volentieri di una marcia in più, e quest'anno la regola sembra più che mai valida: pertanto, a meno che i membri dell'Academy non vogliano ricompensare la 'maschera' di Jacob Tremblay nel commovente Wonder, pare assai probabile che l'Oscar per il miglior trucco e acconciature finirà dritto a L'ora più buia per l'impressionante trasformazione di Gary Oldman in Winston Churchill.

Pronostico: L'ora più buia (runner-up: Wonder)

Leggi anche: L'ora più buia: Gary Oldman larger than life interpreta un Winston Churchill da antologia

Migliori Costumi

Alla sua terza nomination, e a sei anni dall'Oscar per The Artist, Mark Bridges si prepara a collezionare una seconda statuetta per i raffinatissimi costumi de Il filo nascosto, film ambientato proprio nel mondo dell'alta moda. La gara, in questa categoria, sembra praticamente chiusa, nonostante la doppia candidatura per la veterana Jacqueline Durran grazie ai sontuosi abiti de La bella e la bestia e a quelli indossati dai personaggi de L'ora più buia.

Pronostico: Mark Bridges per Il filo nascosto (runner-up: Jacqueline Durran per La bella e la bestia)

Leggi anche: Il filo nascosto: amore e ossessione nell'ultimo capolavoro di Paul Thomas Anderson

Il filo nascosto: Daniel Day-Lewis e Vicky Krieps in una scena del film

Miglior Scenografia

tsow3

Forte di un totale da capogiro di tredici nomination, La forma dell'acqua - The Shape of Water si prepara a sfide incerte in numerose categorie, ma nella gara per la miglior scenografia dovrebbe aggiudicarsi la statuetta con estrema facilità: la fiabesca love story di Guillermo del Toro ha fatto piazza pulita degli analoghi premi ai vari precursors e supererà quasi certamente la concorrenza di candidati quali Blade Runner 2049 e della coppia formata da Sarah Greenwood e Katie Spencer, entrambe pluricandidate grazie a La bella e la bestia e L'ora più buia.

Pronostico: Paul Denham Austerberry, Jeff Melvin e Shane Vieau per La forma dell'acqua (runner-up: Dennis Gassner e Alessandro Querzola per Blade Runner 2049)

Leggi anche: The Shape of Water: la fiaba nera di un Guillermo del Toro misurato e maturo

Miglior Montaggio

Baby Driver - Il genio della fuga: Ansel Elgort e Kevin Spacey in un momento del film

Una cinquina, quella per l'Oscar al miglior montaggio, in cui si ripropone la partita a due fra Baby Driver e Dunkirk, con gli altri tre titoli relegati al ruolo di semplici spettatori. Il lavoro di Lee Smith nel war movie di Christopher Nolan è senz'altro magistrale, incluso il meccanismo di intersezione dei diversi piani temporali, e potrebbe facilmente guadagnarsi una statuetta; ma l'intuito ci dice che, in questo caso, l'Academy potrebbe più probabilmente ricompensare il montaggio di Baby Driver, frenetico ma calibrato al millimetro e perfettamente incasellato con la soundtrack del film.

Pronostico: Jonathan Amos e Paul Machliss per Baby Driver (runner-up: Lee Smith per Dunkirk)

Leggi anche: Baby Driver: rapinare banche, fuggire ed innamorarsi a suon di musica

Miglior Fotografia

Nonostante un'agguerrita concorrenza, che include Dan Laustsen per La forma dell'acqua, Hoyte Van Hoytema per Dunkirk e la prima candidata donna nella storia di questa categoria, Rachel Morrison per Mudbound, l'Oscar per la miglior fotografia dovrebbe assicurarselo a furor di popolo il grande Roger Deakins. Alla sua quattordicesima nomination, Deakins è in procinto di mettere finalmente le mani sul primo, sudatissimo Oscar della propria carriera in virtù della spettacolare fotografia di Blade Runner 2049, fra i suoi lavori in assoluto più suggestivi e stupefacenti.

Pronostico: Roger Deakins per Blade Runner 2049 (runner-up: Dan Laustsen per La forma dell'acqua)

Leggi anche: Il segreto di Blade Runner 2049: Roger Deakins, il maestro della fotografia

Blade Runner 2049: Ryan Gosling in un'immagine tratta dal film di Villeneuve

Miglior Canzone

Coco: una nuova immagine del film Disney/Pixar

Da un lato, la delicata ballata al cuore della scena più commovente del nuovo gioiello della Pixar; dall'altro, l'inno trascinante che accompagna uno dei momenti clou del musical di maggior successo dell'anno. Per l'Oscar alla miglior canzone si profila una sfida quanto mai incerta fra la docissima Remember Me, tema portante del film d'animazione Coco , e This Is Me, brano composto dal team di La La Land per la colonna sonora di The Greatest Showman e già ricompensato con il Golden Globe. Nel dubbio noi puntiamo su Remember Me, ma non ci dispiacerebbe affatto se a imporsi fosse, a sorpresa, il "terzo incomodo" della categoria, ovvero la splendida Mystery of Love, composta e interpretata da Sufjan Stevens per il film Chiamami col tuo nome.

Pronostico: Remember Me per Coco (runner-up: This Is Me per The Greatest Showman)

Leggi anche: Coco: dipingere con i colori la musica dell'anima

Miglior Colonna Sonora

The Shape of Water: l'attrice Sally Hawkins in una foto del film

Alla nona candidatura del suo curriculum, il prolifico compositore francese Alexandre Desplat è in procinto di conquistare il suo secondo premio Oscar (a tre anni dalla vittoria per Grand Budapest Hotel) grazie all'avvolgente partitura de La forma dell'acqua, film per il quale ha già vinto riconoscimenti quali il Golden Globe e il BAFTA. Pochissime speranze per gli altri quattro candidati di quest'anno, in particolare Hans Zimmer per la martellante soundtrack di Dunkirk e Jonny Greenwood dei Radiohead per la splendida colonna sonora de Il filo nascosto (ma vale la pena citare anche l'ottantaseienne John Williams, giunto quest'anno a quota cinquantuno nomination!).

Pronostico: Alexandre Desplat per La forma dell'acqua (runner-up: Hans Zimmer per Dunkirk)

Oscar 2018: le previsioni per le categorie...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Oscar 2018: dall’exploit de La forma dell’acqua alla sorpresa Anderson, il commento alle nomination
Oscar da brivido: da L’esorcista a Scappa - Get Out, gli horror che hanno conquistato l’Academy