Germano Maccioni

Regista, Sceneggiatore
Biografia

Cenni biografici di Germano Maccioni


Nato a Bologna nel 1978, Germano Maccioni si avvicina al teatro nel 1997 grazie al gruppo del Teatro dell'Argine. Nel 2000 incontra il regista Giancarlo Cobelli, con cui lavora in Satyricon di Petronio, per l'Arena Sferisterio di Macerata, e in Macbeth di Shakespeare, al fianco di Kim Rossi Stuart e Sonia Bergamasco, prodotto da Emilia Romagna Teatro. Nel 2001 frequenta l'American Conservatory Theatre a San Francisco.

Di ritorno in Italia, inizia un percorso formativo artistico nella Bottega di Giovanni Lindo Ferretti. Nello stesso ambito, frequentando un laboratorio condotto dal regista Marco Bechis, si avvicina allo studio del cinema e della messa in scena. Parallelamente torna in teatro come attore e riceve una Menzione Speciale al Premio scenario 2003 per Il Balcone di Giulietta di Pietro Floridia, lavora per la stagione 2004 al Teatro Litta di Milano con lo spettacolo Rocco e i suoi fratelli, dal film di Luchino Visconti, per la regia di Antonio Syxty e presso il Teatro Stabile di Torino con lo spettacolo La peste, dall'omonimo romanzo di Albert Camus, al fianco di Franco Branciaroli, Massimo Popolizio, Warner Bentivegna, per la regia di Claudio Longhi.
Nel 2005 dirige e interpreta a teatro Il sogno di un uomo ridicolo, dal racconto di Dostoevskij e nel 2006 presenta Ming, il suo primo documentario sulla vita del partigiano Carlo Venturi. È ideatore, regista e direttore artistico dello spettacolo itinerante in scena a Monte Sole il 25 Aprile 2006.

Tra il 2007 e il 2008, realizza per la Regione Emilia Romagna un film-documentario sul processo militare riguardante le responsabilità penali di 17 ex-SS per l'eccidio di Monte Sole, a 62 anni di distanza dalle stragi: Lo Stato di eccezione. Il lavoro ottiene uno straordinario successo e continua ancor oggi ad essere presentato in numerosi festival e contesti, tra cui la 65a Mostra del Cinema di Venezia/Giornate degli Autori, Human Rights Nights Film Festival, Officinema Film Festival, Festival Libero Bizzarri (Vincitore Premio speciale della Giuria 2008), Doc in Tour, Mantova Film Festival, Stati Generali del Documentario a Palermo, Università Bicocca di Milano, a New York in occasione della Giornata della Memoria nel 2009 e all'Università New School, a DocLisboa, alla Berkeley University, a Portland, San Francisco, Città del Messico e in oltre 100 proiezioni in Italia, fino ad ottenere la pubblicazione in DVD curata da Cineteca di Bologna.

Nel 2008 inizia la regia di My Main Man. Appunti per un film sul Jazz a Bologna, un documentario sugli anni d'oro del Bologna Jazz Festival, prodotto da Bottega Bologna e Articolture con il sostegno della Regione Emilia-Romagna e la collaborazione della Direzione Centrale di Rai Teche, in esclusiva per il Bologna Jazz Festival 2009. Il film, presentato in anteprima nazionale presso la Cineteca di Bologna, è stato selezionato per Doc in Tour 2010 e continua ad essere presente in varie rassegne e festival cinematografici nonché musicali, tra cui Mantova Film Festival, DocFest VII edizione a Roma, Casa del Jazz a Roma, Umbria Jazz a Perugia, Doc Expo 2010 promosso dalla D.E.R. (Associazione Documentaristi Emilia-Romagna) presso la Tongji University di Shanghai e l'Istituto Italiano di Cultura a Pechino. Il film è stato pubblicato in DVD e distribuito Cecchi Gori Home Video dal dicembre 2010.

Con Tatti Sanguineti lavora a tre documentari prodotti da Istituto Luce/Cinecittà, su Andreotti Il cinema, la censura, la propaganda. Recita nel pluripremiato ultimo film di Giorgio Diritti, L'uomo che verrà.

Con Cose Naturali vince il Premio Michelangelo Antonioni per la Miglior Regia al Bari International Film&Tv festival 2011.