Army of the Dead: le prime impressioni della critica

Ecco le reazioni della critica dopo l'anteprima di Army of Dead, zombie thriller diretto da Zack Snyder in arrivo su Netflix il 21 maggio.

NOTIZIA di 12/05/2021

In attesa dell'uscita su Netflix fissata per il 21 maggio, le prime impressioni della critica dopo l'anteprima dell'horror di Zack Snyder Army of Dead non si sono fatte attendere.

Army Of The Dead
Army of the Dead: un primo piano di uno zombie

Army of the Dead, diretto da Zack Snyder e scritto insieme a Joby Harold e Shay Hatten, vede Dave Bautista a capo di un manipolo di mercenari di cui fanno parte Ella Purnell, Ana de la Reguera, Matthias Schweighöfer, Nora Arnezeder e Tig Notaro impegnato in una pericolosa missione: recuperare un bottino celato in un casinò di Las Vegas dopo un'apocalisse zombie.

Dal 14 maggio, Army of Dead avrà un'uscita nei cinema americani prima dell'approdo su Netflix. Le prime reazioni post-visione sono approdare sui social media e sembrano piuttosto positive, in particolare a colpire sarebbero i titoli di testa del film a cui Indiewire ha dedicato un'apposita mini-recensione lodandolo come il frammento di cinema più soddisfacente di Zack Snyder fin dal suo debutto alla regia col remake L'alba dei morti viventi. Sfortunatamente, per Indiewire il resto del film non raggiunge lo stesso livello epico per via del tema troppo familiare e della narrazione irregolare:

"Snyder è un vero sostenitore dell'evasione da tutto e per tutto al suo meglio, il caos in Army of the Dead è un morso di zombi contagioso di per sé".

Army of the Dead, la scena del nudo full frontal degli zombie è stata tagliata. "Era un po' troppo"

Anche David Rooney dell'Hollywood Reporter elogia i titoli di testa, così come molti altri aspetti di Army of the Dead a partire dal senso dell'umorismo "contagioso" sugli zombi così come la sceneggiatura, l'inclusività naturale e la sua fotografia "esilarantemente agile" (Snyder è anche direttore della fotografia nel film):

"L'energia e l'inventiva in mostra a tutti i livelli qui - per non parlare dell'umorismo sornione - fanno di Army of the Dead un debutto epico del franchise".

Per Owen Gleiberman di Variety, se quest'anno vedremo solo un film, la scelta dovrebbe cadere su Army of the Dead perché ce n'è per tutti i gusti. Il critico contesta la lunghezza del film e il fatto che sembri assemblato da pezzi di altri film, ma nel complesso apprezza la tensione e il plot della rapina con gli zombi:

"È uno spettacolare popcorn movie muscolare, ma convenzionale che ha qualcosa in grado di accontentare tutti".

Ecco altri giudizi pubblicati su Twitter: