Downton Abbey e I film in costume: quando il cinema ripercorre la storia

I film in costume più belli e da vedere in occasione dell'uscita di Downton Abbey: romantici e appassionati, accurati o intriganti.

APPROFONDIMENTO di 23/10/2019
Da Intl Dgtl Main 1 Sht Uk 1558366813
Downton Abbey: un'immagine promozionale del film

La Festa di Roma quest'anno ha riservato diversi appuntamenti in grado di richiamare l'attenzione del pubblico. Uno dei titoli più attesi è stato il film di Downton Abbey, sequel cinematografico dell'omonima serie tv britannica, che ha tutte le carte in regola per essere uno dei film in costume più belli e da vedere, come quelli di cui parleremo di seguito in questo articolo. La serie creata da da Julian Fellowes, è ambientata nei primi anni del Novecento alla corte del re Giorgio V, nello Yorkshire. Downton Abbey ha riscosso un enorme successo in tutto il mondo grazie anche al responso della critica, che ne ha lodato la scrittura e l'interpretazione di attori eccellenti del panorama internazionale.

Motivo del grande fascino che circonda il mondo di Downton Abbey è anche la cornice sfarzosa e i costumi dei protagonisti, curati nei minimi particolari, imprescindibili per raccontare un'epoca specifica e un contesto sociale del passato. Per celebrare il debutto di Downton Abbey sul grande schermo, ricordiamo 10 tra i più grandi film in costume più belli che hanno raccontato, anche attraverso gli abiti della borghesia e della nobiltà, un'epoca e un contesto sociale ben definito.

Via col vento (1939)

Vivien Leigh e Clark Gable in una scena di Via col vento
Vivien Leigh e Clark Gable in una scena di Via col vento

Il kolossal più famoso della storia del cinema, il melodramma per antonomasia. Via col vento è questo e molto di più. Simbolo calzante della mastodontica capacità produttiva degli studios hollywoodiani nell'epoca d'oro dell'industria cinematografica californiana, l'opera di Victor Fleming è ambientata nella Georgia di metà Ottocento ed è uno dei film in costume più belli e da vedere che maggiormente riesce a connotare un contesto storico complicato e spaccato in due tra nordisti e sudisti e la piaga della schiavitù. Battute impossibili da dimenticare, tra cui spicca "Frankly, my dear. I don't give a damn" (Francamente me ne infischio) di Rhett Butler (Clark Gable) a Rossella O'Hara (Vivien Leigh). Eccessivo e retorico, Via col vento è soprattutto un grande dramma sentimentale raccontato anche attraverso i costumi dei ricchi latifondisti e l'agiata borghesia dell'epoca secessionista americana.

Via col vento, 75 anni dopo: 10 motivi che lo hanno reso il più grande kolossal di tutti i tempi

Il Gattopardo (1963)

Alain Delon e Claudia cardinale ne Il gattopardo
Alain Delon e Claudia cardinale ne Il gattopardo

Tratto dal romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Il Gattopardo è uno dei più grandi capolavori del cinema italiano, titolo imprescindibile nella filmografia di Luchino Visconti e manifesto significativo di un periodo ben preciso della storia italiana, quel Risorgimento che porterà all'unità nazionale nel 1861. Vincitore della Palma d'Oro al Festival di Cannes nel 1963, questo film è un'opera crepuscolare, spartiacque tra due epoche differenti, dove il Gattopardo protagonista, il principe di Salina (Burt Lancaster), è colui che lascerà il passo a "leoni, sciacalli e pecore". Impressionante la ricostruzione delle ambientazioni e degli abiti per i personaggi, tanto da ricevere una nomination ai Premi Oscar nel 1964 per i migliori costumi, curati da Piero Tosi.

La presa del potere da parte di Luigi XIV (1966)

La Presa Del Potere
La presa del potere da parte di Luigi XIV

Uno dei primi grandi lungometraggi creati per il mezzo televisivo e passati anche dal grande schermo, si tratta di un'opera con la quale Roberto Rossellini tenta di mescolare uno stile misurato ad un contesto straboccante e sfarzoso come la reggia di Versailles. Il risultato ottenuto con La presa del potere da parte di Luigi XIV è ottimo, con la storia del sovrano (Jean-Marie Patte) che non si limita ad uno sguardo sul tessuto sociale della Francia dell'epoca ma approfondisce anche il microcosmo che circonda il Re Sole.

Barry Lyndon (1975)

Una scena di Barry Lyndon (1975)
Una scena di Barry Lyndon (1975)

Una delle opere più faticose di Stanley Kubrick, tratta dal romanzo di William Makepeace Thackeray, Barry Lyndon è un meraviglioso affresco della società irlandese del diciottesimo secolo che narra l'epopea di Redmond Barry (Ryan O'Neal) divisa in due parti da un lungo stacco sul nero. Le musiche arrangiate di Händel, la decisione d'utilizzare l'illuminazione naturale e una costruzione visiva della scena impeccabile, contribuiscono a rendere il film di Kubrick una pietra miliare nell'ambito dei film in costume e non solo. Il regista di Shining è meticoloso nella ricostruzione dei dettagli storici, che riguardano inevitabilmente anche i magnifici costumi, giustamente premiati con uno dei quattro Oscar che il film si è aggiudicato.

Amadeus (1984)

Tom Hulce e Elizabeth Berridge in una scena del film Amadeus (1984)
Tom Hulce e Elizabeth Berridge in una scena del film Amadeus (1984)

Peter Schaffer scrive la sceneggiatura del film tratto dalla sua stessa pièce teatrale. Amadeus è il racconto fiume dell'esistenza di Wolfgang Amadeus Mozart (Tom Hulce) e della sua celebre (e accentuata) rivalità con Antonio Salieri F. Murray Abraham, premiato con l'Oscar al miglior attore non protagonista. Il film di Miloš Forman è un magnetico spartito delle straordinarie opere musicali di Mozart che arricchisce magistralmente il climax drammatico della narrazione, sospesa fra risate e tormenti di due talenti come Mozart e Salieri. Ambientato negli anni '20 dell'Ottocento, Amadeus si avvale di un reparto costumisti di difficile comparazione nell'ambito dei film in costume più belli e da vedere, tanto da veder assegnato a Theodore Pistek un sacrosanto Premio Oscar.

Amadeus: nel film capolavoro di Milos Forman, il genio e la sua nemesi

Le relazioni pericolose (1988)

Le relazioni pericolose: Michelle Pfeiffer e John Malkovich in una scena del film
Le relazioni pericolose: Michelle Pfeiffer e John Malkovich in una scena del film

Uno dei film più significativi nell'interessante filmografia di Stephen Frears, ambientato nella Francia del XVIII secolo oltre che uno dei film in costume più intriganti, Le relazioni pericolose è un'opera seducente che racchiude dinamiche dolorose e intense. Cast in forma straordinaria, con un'inquietante Glenn Close che domina la scena, magnificamente assistita da John Malkovich e Michelle Pfeiffer. Tutti e tre coinvolti in un vortice di meschinità e sotterfugi. Vero e proprio attore co-protagonista è il reparto costumi, minuziosamente curato e ricco di finezze che contribuiscono ad aggiungere ad un contenuto già ricco di sottotesti anche una confezione impeccabile. Sette nomination agli Oscar e tra le statuette conquistate anche il premio per i migliori costumi a James Acheson, che l'anno precedente vinse per L'ultimo imperatore.

L'età dell'innocenza (1993)

Daniel Day Lewis con Michelle Pfeiffer in una scena de L'età  dell'innocenza
Daniel Day Lewis con Michelle Pfeiffer in una scena de L'età  dell'innocenza

Martin Scorsese l'ha ricordato in questi giorni alla Festa del Cinema, rispondendo ad una domanda che chiedeva spiegazioni sulla scarsa presenza di protagoniste femminili nei suoi film. Il regista di The Irishman ha citato proprio L'età dell'innocenza. Al centro del triangolo che coinvolge l'avvocato Newland Archer (Daniel Day-Lewis) nella New York della seconda metà dell'Ottocento, ci sono due figure femminili intorno alle quali si costruisce il desiderio, la gelosia e la passione del film; la viziata fidanzata di Archer, May Welland (Winona Ryder) e la ribelle Ellen Olenska (Michelle Pfeiffer). Martin Scorsese dimostra la sua eclettica grandezza, sperimentando con efficacia un cinema in costume all'americana, misurando enfasi e rigore. Raffinato lavoro su costumi e scenografie da parte di Gabriella Pescucci - premiata con l'Oscar - e Dante Ferretti.

Ritratto di signora (1996)

Ritratto di signora: Nicole Kidman in un momento del film
Ritratto di signora: Nicole Kidman in un momento del film

Già con Lezioni di piano due anni prima Jane Campion aveva dimostrato una cura maniacale nei dettagli sull'abbigliamento dei suoi personaggi, per una storia ambientata nel cuore dell'Ottocento. Con Ritratto di signora il lavoro sui costumi è altrettanto accurato. Campion si sposta di qualche anno rispetto a Lezioni di piano e approfondisce le vicende dell'americana Isabel (Nicole Kidman) in Inghilterra, fortunata ereditiera di una considerevole fortuna economica.

Jane Campion trae il suo film dall'omonimo romanzo di Henry James, e pone al centro della sua narrazione un altro personaggio femminile di notevole spessore drammaturgico. Ottimo il lavoro sui costumi dell'Ottocento anglosassone di Janet Patterson, che replica la candidatura all'Oscar ottenuta anche per il film precedente diretto dalla Campion.

Ragione e sentimento (1995)

Ragione e sentimento: un primo piano della giovane Kate Winslet
Ragione e sentimento: un primo piano della giovane Kate Winslet

Ragione e sentimento, tratto da uno dei romanzi più noti di Jane Austen, crea un immaginario personale ma allo stesso tempo fedele allo spirito dell'opera originale. Emma Thompson è la riflessiva Elinor. Una giovane Kate Winslet ancora spoglia del successo globale che riceverà con Titanic due anni più tardi, è l'impulsiva Marianne. Suggestivo e immancabile lavoro sui particolari nell'abbigliamento, soprattutto quello femminile, dei personaggi, con una nomination agli Oscar - a Jenny Beavan e John Bright - a suggellare un impegno minuzioso nell'apparato estetico del film in costume, già pregno di contenuti letterari di enorme valenza.

Marie Antoinette (2006)

Kirsten Dunst è Marie-Antoinette, regina di Francia
Kirsten Dunst è Marie-Antoinette, regina di Francia

Una delle registe contemporanee più concentrate sull'universo femminile è senza dubbio Sofia Coppola. L'inganno, uscito nel 2017, ne è un'ulteriore conferma, quella più recente. Nel 2006, al suo terzo lungometraggio, Coppola decide di approfondire la vita della giovane regina di Francia Marie Antoinette, dal suo arrivo a Versailles fino allo scoppio della Rivoluzione. Rilettura pop di un personaggio iconico nella storia monarchica europea, Marie Antoinette è rappresentata meravigliosamente da Kirsten Dunst, in una delle sue migliori performance in carriera, con un personaggio fuori da ogni cliché e perfettamente contestualizzato nell'immaginario dalla regista. Straordinarie le scelte cromatiche e la ricostruzione estetica che si avvale del lavoro di Milena Canonero, premiata con l'Oscar, unica statuetta conquistata dal film.

Kirsten Dunst nei panni di Marie-Antoinette
Kirsten Dunst nei panni di Marie-Antoinette