Euphoria e le altre serie tv e film sui teenager che ci hanno sconvolto

Dopo aver visto Euphoria, la nuova serie HBO con Zendaya, rievochiamo tutte le altre serie tv su storie di adolescenti che ci hanno sconvolto.

CLASSIFICA di 05/10/2019
814668 4224924 3840X2160
Euphoria: Zendaya in una immagine della serie

È stato un vero colpo di fulmine vedere sul piccolo schermo Euphoria, la nuova serie tv HBO appena mandata in onda da Sky Atlantic e Now Tv. La serie con protagonista Zendaya nei panni di Rue, adolescente tormentata da problemi psichici e dedita al consumo di droghe, che ci mostra uno spaccato shock dei teenager americani, è sconvolgente nella sua sincerità e nell'empatia che sviluppa con i protagonisti. È una serie tv che come alcuni film di cui parleremo di seguito, non fa sconti, mostra tutto e anche di più, ma mai dall'alto, senza mai giudicare.

La serie di Sam Levinson - di cui abbiamo parlato nella nostra recensione di Euphoria - ci porta direttamente in mezzo ai suoi protagonisti, ma riguarda allo stesso tempo anche tutti noi, gli adulti. Si tratta di una serie teen senza esserlo, un'opera universale, e allo stesso tempo seducente - per le immagini patinate e fluorescenti - e scioccante - per le situazioni che presenta - è ironica - per come, attraverso la voce off, sdrammatizza senza banalizzare - e commovente, perché ci fa arrivare il disagio dei protagonisti senza alcuno sconto. Abbiamo la sensazione che da qui in poi, tutti i prodotti "teen", anche i vari Elite e Baby, dovranno fare i conti con questo. Guardando Euphoria è normale andare indietro nel tempo e ricordare tutte le altre volte che film e serie tv su adolescenti ci hanno sconvolto.

797366 4235109 3840X2160
Euphoria: Zendaya in una scena della serie

Christiane F. - Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino

Una scena di Christiane F.
Una scena di Christiane F.

È molto duro da guardare ancora oggi, Christiane F. - Noi i ragazzi dello zoo di Berlino, il film di Uli Edel del 1981: immaginiamo cosa deve essere stato vederlo in occasione della sua uscita, ormai quasi 40 anni fa. E il fatto di essere tratto da una storia vera, quella di Christiane Vera Felscherinow, lo rende ancora più sconvolgente. Il libro di Christiane, allegato per la prima volta alla rivista Stern, racconta una storia di droga e prostituzione nella Berlino della fine degli anni Settanta. All'epoca fu accusato di spingere ancora di più i ragazzi verso queste strade. Crudo, realistico, opprimente, il film si avvale della colonna sonora di David Bowie (quasi tutti i brani sono del suo periodo "berlinese"), tra cui Station To Station e "Heroes".

Belli e dannati

Belli e dannati: un'immagine con Keanu Reeves e River Phoenix
Belli e dannati: un'immagine con Keanu Reeves e River Phoenix

Un maestro nel raccontare adolescenze problematiche è Gus Van Sant. Belli e dannati (My Own Private Idaho), del 1991, è il film che lo ha rivelato al mondo: è la storia di Mike e Scott, due ragazzi di Seattle tossicodipendenti, che per vivere e procurarsi le droghe si prostituiscono, con uomini e donne. Uno è omosessuale e soffre di narcolessia, l'altro viene da una famiglia borghese (il padre è sindaco di Portland) e si comporta in modo da sconvolgerlo. Van Sant riesce a raccontare questa storia con poesia, e con delle scene di sesso "statiche", come se fossero delle fotografie, piuttosto originale. Il film ha lanciato due star come River Phoenix e Keanu Reeves, allora giovanissimi: il primo è scomparso per overdose nel 1993, il secondo è diventato uno dei divi più amati della sua generazione.

Belli e dannati, 25 anni dopo: il ricordo del film con River Phoenix e Keanu Reeves

Kids

Kids
Kids

Due altri nomi da tenere presenti quando si parla di questo tipo di prodotti sono Larry Clark e Harmony Korine, rispettivamente regista e sceneggiatore di Kids, film scandalo del 1995, presentato al Festival di Cannes. Il film mette in scena una giornata di alcuni adolescenti dei bassifondi di Manhattan, giovanissimi, e dediti al sesso senza precauzioni e a un consumo di droghe di tutti i tipi, senza alcuna remora, rimpianto, senso del pericolo.

Pericolo che invece è ben presente, e si chiama AIDS. Kids è girato in maniera scarna, naturalistica, come se fosse un documentario quasi in tempo reale. A stupire è proprio la naturalezza con cui i protagonisti fanno ogni cosa. È forse la storia che più ci fa venire in mente Euphoria: se la facilità di certi comportamenti, però, sembra la stessa, la consapevolezza dei personaggi di Euphoria su quello che stanno facendo è ben diversa. Kids verrà ricordato anche per aver lanciato due attrici, qui giovanissime, come Rosario Dawson e Chloë Sevigny.

Ken Park

Ken Park
Ken Park

Sette anni dopo, nel 2002, Larry Clark ci riprova, stavolta in coppia con Ed Lachman (il direttore della fotografia noto, tra le altre cose, per Lontano dal paradiso), sempre su sceneggiatura di Harmony Korine. Il Ken Park del titolo è uno skater che, all'inizio del film, vediamo suicidarsi (il perché lo scopriremo alla fine). Seguiamo poi le storie dei suoi amici: un ragazzo che ha una relazione con la madre della sua fidanzata, un altro maltrattato dal padre, una ragazza il cui padre crede che lei sia la reincarnazione della moglie defunta e un altro ragazzo che uccide i propri nonni. Meno fresco e più costruito di Kids, Ken Park racconta ancora una volta il vuoto esistenziale dei teenager americani, ma sembra costruito più per stupire che per approfondire.

Thirteen

Nikki Reed ed Evan Rachel Wood in un poster per Thirteen - Tredici anni
Nikki Reed ed Evan Rachel Wood in un poster per Thirteen - Tredici anni

Un anno dopo arriva Thirteen - Tredici anni, film d'esordio di Catherine Hardwicke che, sei anni dopo, avrebbe diretto Twilight, con Evan Rachel Wood e Nikki Reed. È basato su una storia autobiografica della stessa Reed. Evan Rachel Wood è Tracie, una ragazza tranquilla di tredici anni (da qui il titolo) che fa amicizia con Evie una ragazza molto sexy e disinibita e la segue nella sua vita trasgressiva, fatta di droga, alcol e sesso promiscuo. Nikki Reed avrebbe voluto interpretare se stessa, cioè il ruolo di Tracie, ma la parte era stata già promessa alla Wood e quindi decise di interpretare il ruolo di quella che era stata la sua pericolosa amica. Premiato al Sundance, e tipico film "da Sundance", come si definiva un certo tipo di film indipendenti americani, a una prima visione coglie nel segno. Ma in fondo non racconta niente che non sia stato già raccontato.

Film sull'adolescenza: i 25 da non perdere

Spring Breakers

James Franco tra Ashley Benson e Vanessa Hudgens sul set di Spring Breakers
James Franco tra Ashley Benson e Vanessa Hudgens sul set di Spring Breakers

Harmony Korine, lo sceneggiatore di Ken Park, qui firma anche la regia. Spring Breakers - Una vacanza da sballo ha ancora il voyeurismo dei suoi film con Larry Clark, ma qui viene fuori il suo lato più goliardico. Spring Breakers segue quattro ragazze di provincia nelle loro vacanze di primavera, tappa importante per gli studenti americani, che tra serate a base di droga e trasgressione, finiscono nei giri degli spacciatori locali. Tra cui c'è un inedito James Franco in versione "gangsta". Spaccato del mondo giovanile americano, quello di Korine è più un divertissement che un film di denuncia, di cui resteranno più i bikini fluo delle protagoniste (sono Selena Gomez, Ashley Benson, Vanessa Hudgens e Rachel Korine) che i loro tormenti.