Birdman

2014, Commedia

Il cinema del 2015, le nostre top 20 dalla A alla Z: è la volta di D'Amico, Fusco e Grossi

Terza fase della pubblicazione delle top 20 personali dei nostri redattori, in vista dell'annuncio della top 20 dello staff e dei vincitori dei Movieplayer.it Awards. Oggi tocca a Valentina D'amico, a Fabio Fusco e a Giuseppe Grossi rivelare i loro film del cuore tra quelli usciti in Italia nel 2015.

Foxcatcher: Steve Carell e Channing Tatum in una scena del film

Abbiamo pubblicato sei top 20 personali e già ne abbiamo viste delle belle, a dimostrazione di tante diverse idee di cinema e di tante diverse sensibilità. Oggi è il turno di Valentina D'Amico, Fabio Fusco e Giuseppe Grossi che vi racconteranno il loro 2015 di visioni e passioni attraverso le loro preferenze, e poi saremo a metà strada. Continueremo a pubblicare le top 20 in tranche di tre al giorno, e poi l'11 gennaio vi riveleremo quella comune a tutta la redazione. E naturalmente, il 12, saranno annunciati anche le vostre selezioni, ovvero i vincitori del Movieplayer.it Awards (se non avete ancora votato, c'è tempo, affrettatevi a dire la vostra!).

Leggi anche: Movieplayer.it Awards: votate i migliori film e le migliori serie TV del 2015

Zach Galifianakis, Naomi Watts e Michael Keaton in Birdman

Valentina D'Amico

L'autorialità alla riscossa

Il 2015 è stato segnato dal ritorno di grandi autori che hanno lasciato la loro impronta su questa annata con opere di egual potenza visiva e tematica. Dall'affresco sincopato di Birdman alla corsa mozzafiato di Mad Max: Fury Road, dai virtuosismi di Youth - La giovinezza all'avventura caleidoscopica di Eisenstein in Messico. Alla soglia dei settant'anni maestri come George Miller, Peter Greenaway, Ridley Scott e Steven Spielberg hanno ancora qualcosa da dire. Con Il ponte delle spie, Spielberg ci regala un pamphlet limpido e rigoroso sul senso del dovere e sulla responsabilità grazie anche alla complicità dei fratelli Coen, autori dello script.

Sopravvissuto - The Martian: Matt Damon inginocchiato nel deserto di sabbia

Quanto a Ridley Scott, con Sopravvissuto - The Martian ritrova verve, ispirazione e humor sfruttando il fascino minaccioso di Marte e il talento di Matt Damon. Sul versante dei giovani, il canadese Denis Villeneuve non è più una promessa, ma un autore affermato capace di coniugare profondità e senso dello spettacolo. Il suo Sicario è un affresco cupo e inquietante sul narcotraffico. Tra tante conferme, quest'anno l'Italia ci regala una perla come Non essere cattivo del compianto Claudio Caligari.

1) Birdman

2) Mad Max: Fury Road

3) Foxcatcher - Una storia americana

4) Sicario

5) Youth - La giovinezza

6) Quel fantastico peggior anno della mia vita

7) Il ponte delle spie

8) Dio esiste e vive a Bruxelles

9) Eisenstein in Messico

10) Non essere cattivo

11) Inside Out

12) Sopravvissuto - The Martian

13) Perfect Day

14) Everest

15) Calvario

16) Taxi Teheran

17) '71

18) Un disastro di ragazza

19) Mia madre

20) Forza Maggiore

Sicario: Benicio Del Toro in una scena del film

Fabio Fusco

Ciak, motore, ma soprattutto azione, tanta azione

Mad Max: Fury Road, Nicholas Hoult con Charlize Theron in una scena

Non avrei mai detto che un film d'azione sarebbe stato in cima alle mie preferenze di quest'anno, eppure non solo Mad Max: Fury Road mi ha conquistato con i suoi colori saturi e le sue trovate pirotecniche, ma nella mia top 20 figurano altre pellicole di generi che non sono esattamente nelle mie corde. Chi ha letto con attenzione il mio reportage sul fenomeno Star Wars, vissuto da neofita, si stupirà di vedere il settimo capitolo tra i primi dieci, ad esempio. La verità è che a portare alcuni titoli tra i miei preferiti, sono stati alcuni dei personaggi femminili più innovativi, belli e potenti che si siano visti negli ultimi anni. Dall'imperatrice Furiosa Charlize Theron all'ambigua e sensuale Ava di Ex Machina, interpretata da Alicia Vikander, alla luminosa e grintosissima Rey de Il risveglio della Forza, senza escludere le interpretazioni emozionanti di Margherita Buy e Julianne Moore in Mia madre e Still Alice, due film in cui si esplora in maniera differente il concetto di perdita. E se Moretti riesce a scuotere lo spettatore, mettendolo a confronto con temi ed emozioni "difficili", Sorrentino continua ad affascinarlo con le sue sequenze oniriche, sospese tra eleganza e degrado, bellezza e disfacimento.

Ex Machina: Alicia Vikander nei panni del robot Ava in un'immagine del film

Ai primi posti anche Birdman e Whiplash, due pellicole che per una volta esplorano i temi della caducità della fama e dell'ambizione in maniera insolita, nel caso del film di Inarritu anche inserendosi nel solco tracciato dai cinecomics. Mi sarebbe piaciuto dare più spazio all'horror, ma per quanto il chiacchieratissimo Babadook possa contare su una messa in scena affascinante, resta un film imperfetto.

1) Mad Max: Fury Road

2) Inside Out

3) Birdman

4) Ex Machina

5) Mia madre

6) Whiplash

7) Still Alice

8) Avengers: Age of Ultron

9) Star Wars: Il risveglio della forza

10) Vizio di forma

11) Youth - La giovinezza

12) Sopravvissuto - The Martian

13) La Teoria del Tutto

14) Sicario

15) The Imitation Game

16) Foxcatcher - Una storia americana

17) Suburra

18) Blackhat

19) Babadook

20) Straight Outta Compton

Giuseppe Grossi

2015: indietro nel futuro

Whiplash: l'urlo di J.K. Simmons stordisce Miles Teller in una scena del film

Lo abbiamo aspettato per 30 anni e, infine, abbiamo riabbracciato il nostro Marty McFly. Assieme a lui siamo ritornati al passato tante volte, perché oltre allo strambo sportello della DeLorean, si sono riaperti grandi portoni giurassici, ci siamo sporcati ancora di polvere post-apocalittica e abbiamo rivisto galassie lontane lontane. La Forza del Risveglio, del ricordo assopito e poi ridestato, di quella dimensione malinconica che, mai come quest'anno, il cinema ha voluto condividere con milioni di sguardi. Eppure, sulla scia sabbiosa segnata da un 70enne di nome George Miller, il cinema migliore è stato quello che ha avuto il coraggio di spingersi oltre i limiti, di guardare al di là delle possibilità umane e del già visto. Lo ha fatto la Pixar, dando una forma e un colore alle emozioni di Inside Out; un regista esordiente come Alex Garland in un film di fantascienza immobile (Ex Machina) che catalizza gli occhi attraverso la parola e poi Mad Max: Fury Road, cinema allo stato puro: immagini in movimento. Punto e basta. Ma il suono del capolavoro proviene dalla batteria estenuante di Whiplash. Tra spartiti impregnati di sangue e ostinazione malata, ovattate note jazz tamponano la fronte di tutti. Maestri ossessivi, allievi dalla passione disperata e poi noi, il pubblico invitato ad applaudire sino alla fatica. A suggellare questo 2015 palpitante, ispirato, degno di nota.

1) Whiplash

2) Mad Max: Fury Road

3) Ex Machina

4) Inside Out

5) Mia madre

6) Sicario

7) Birdman

8) Foxcatcher - Una storia americana

9) Blackhat

10) Star Wars: Il risveglio della forza

11) Still Alice

12) Sopravvissuto - The Martian

13) Vizio di forma

14) Youth - La giovinezza

15) Suburra

16) American Sniper

17) Vergine giurata

18)La famiglia Belier

19) The Lobster

20) Wild

Leggi anche le altre Top 20 della redazione:

Il cinema del 2015, le nostre top 20 dalla A alla...
Birdman e la virtù della verosimiglianza: 10 punti di contatto tra cinema e realtà
Whiplash, il sangue per la musica: quando la perfezione ha un prezzo disumano
Privacy Policy