X-Men: Michael Jackson voleva interpretare Charles Xavier

Lauren Shuler Donner, produttrice di X-Men ha svelato che Michael Jackson voleva il ruolo di Charles Xavier, andato poi a Patrick Stewart.

NOTIZIA di 01/08/2020
Hugh Jackman e Patrick Stewart in una scena di X-MEN
Hugh Jackman e Patrick Stewart in una scena di X-MEN

La produttrice di X-Men ha svelato che Michael Jackson voleva il ruolo di Charles Xavier, andato a Patrick Stewart. L'aneddoto è in un recente articolo dell'Hollywood Reporter uscito per il ventennale del primo film del franchise.

Lauren Shuler Donner, che ha prodotto tutti i lungometraggi della saga fino all'inizio del 2016 (nonostante il credit nei film successivi, il suo contributo attivo si ferma al primo episodio delle avventure di Deadpool), in quella sede racconta di come Jackson, nel 1999, si presentò di punto in bianco a una riunione negli uffici della 20th Century Fox per proporsi per il ruolo del Professor X. Lei obiettò, facendo notare che Xavier nei fumetti è bianco e un po' avanti con gli anni, al che il cantante rispose "Non è un problema, posso truccarmi" e mostrò al team degli estratti di un suo videoclip dove interpretava cinque personaggi diversi, incluso un sindaco bianco attempato. Ciononostante non fu mai seriamente considerato per la parte, poiché già ai tempi era una figura controversa dopo essere stato accusato di abusi su minore nel 1993.

Film degli X-Men: in che ordine (cronologico) vederli

Hugh Jackman in una immagine di X-MEN
Hugh Jackman in una immagine di X-MEN

L'articolo dell'Hollywood Reporter celebra i vent'anni di X-Men e del franchise che ha generato, ricordandone però anche i retroscena caotici: Bryan Singer, assunto nel 1996 come regista, finì per far scrivere la sceneggiatura ufficiale a un assistente, David Hayter, nonostante il grosso del lavoro fosse stato fatto da Ed Solomon e Christopher McQuarrie (entrambi rifiutarono di essere menzionati nei credits, rinunciando così a circa un milione di dollari a testa in pagamenti residui), con l'aggiunta di contributi di Joss Whedon (nel montaggio finale rimangono due battute scritte da lui).

Il pezzo ricorda anche che durante la lavorazione di X-Men 2 uno stunt andato male ebbe conseguenze spiacevoli per Hugh Jackman (la scena fu girata con un giorno di anticipo, ragion per cui lo stunt coordinator non era presente sul set), e il giorno dopo l'intero cast litigò con Singer, reo di aver girato la sequenza sotto l'effetto di medicinali per il mal di schiena.