Suicide Squad: Jared Leto e Margot Robbie in una foto inedita

Il regista di Suicide Squad, David Ayer, ha condiviso una foto inedita di Jared Leto e Margot Robbie sul set nei panni molto dorati del Joker e di Harley Quinn.

NOTIZIA di 24/11/2019

Jared Leto e Margot Robbie in una foto inedita di Suicide Squad nei panni di Joker e Harley Quinn: a distanza di 3 anni il regista David Ayer ha condiviso una foto dal dietro le quinte, scattata durante le prove di trucco e costumi.

Nonostante sia passato un bel po' di tempo dall'uscita in sala di Suicide Squad, e nonostante l'attenzione del pubblico ormai sia proiettata su Joker e sul The Suicide Squad di James Gunn, David Ayer si diverte ancora a condividere curiosità dal dietro le quinte. E questa volta è toccato a Jared Leto e Margot Robbie, ritratti durante la prova trucco e costumi, nei doratissimi panni e accessorie di Joker e di Harley Quinn.

Visualizza questo post su Instagram

More make-up and wardrobe tests. @jaredleto @margotrobbie #joker

Un post condiviso da David Ayer (@davidayermovies) in data:

Quella condivisa su Instagram è solo l'ultima foto svelata da Ayer, che negli ultimi mesi è tornato spesso a parlare dello sfortunato Suicide Squad, bersagliato dalla critica (a fronte, però, di un incasso di tutto rispetto) che all'epoca lo ritenne confuso, discontinuo, con finale e trame dei singoli personaggi abbastanza deludenti. Proprio all'inizio del mese, infatti, David Ayer era intervenuto su Instagram con un commento - "I film sono fragili. Sono come sogni, momenti che sfuggono alla visione. Hanno la loro logica e verità. Se cambi la destinazione dopo che il viaggio è completato, è ancora lo stesso viaggio? Il fulcro di Suicide Squad era il viaggio di Harley" - che lasciava trasparire tutto il proprio risentimento per il comportamento della Warner, che nel 2016 era intervenuta a gamba tesa nei suoi progetti creativi per il film. Ancora a settembre, chiamato in causa da un tweet, Ayer si era pubblicamente detto stanco per essere continuamente martellato di critiche da parte di quanti, visto e non approvato il film, non credevano evidentemente alla sua versione dei fatti.