Il Trono di Spade, Nathalie Emmanuel parla delle scene di nudo e delle loro conseguenze

Nathalie Emmanuel ha interpretato uno dei personaggi femminili de Il Trono di Spade, Missandei, ma le scene di nudo dello show HBO le hanno creato problemi nel proseguimento della sua carriera.

NOTIZIA di 03/06/2021

La star de Il Trono di Spade, Nathalie Emmanuel, ha ricordato di aver avuto a che fare con persone che, dopo aver mostrato il suo corpo nel drama fantasy HBO, si aspettavano altre scene di nudo da lei nonostante il personaggio proposto non ne avrebbe avuto bisogno.

Il trono di spade: l'attrice Nathalie Emmanuel in una foto della sesta stagione
Il trono di spade: l'attrice Nathalie Emmanuel in una foto della sesta stagione

L'attrice, infatti, è apparsa in alcune scene de Il trono di spade nei panni di Missandei, compagna fidata di Daenerys Targaryen, mostrando le sue nudità. Tuttavia, Nathalie Emmanuel ha specificato di aver accettato quelle scene solo perché il ruolo lo richiedeva e non perché sia disponibile a spogliarsi in ogni progetto. Parlando con Josh Smith nel podcast Make It Reign, l'attrice ha detto la sua sull'argomento:

"Quando ho fatto Il Trono di Spade ho acconsentito a certe scene di nudo all'interno dello show. Quindi la percezione di alcune persone che mi hanno proposto la stessa cosa per altri progetti era che avessi dovuto farlo per forza sempre."

Il Trono di Spade, Emilia Clarke e le scene di nudo per compiacere i fan: "pressioni sul set"

A quanto pare, Nathalie Emmanuel ha avuto diverse difficoltà dopo lo show HBO a far capire che non era disposta a spogliarsi sempre, ma solo in casi specifici e se lei stessa ritiene che sia necessario:

"Ciò di cui la gente non si è resa conto è che ho concordato termini e cose specifiche per quel particolare progetto, e questo non si applica necessariamente a tutti i progetti. Se qualcuno dicesse 'Beh, abbiamo bisogno di questo nudo' io direi 'Grazie mille, apprezzo il tuo interesse ma non è quello che ritengo necessario per questa parte' ed è una differenza di opinione e differenze creative, va bene così"