DGA Awards 2018: tra i nominati anche Guillermo Del Toro, Greta Gerwig e Jordan Peele

La Directors Guild of America ha annunciato le nominations per la 70esima edizione dei DGA Awards!

Guillermo del Toro con il Golden Globe vinto per La forma dell'acqua - The Shape of Water

Il sindacato dei registi americani ha annunciato i nominati per la 70esima edizione dei DGA Awards. Tra i candidati troviamo alcuni dei favoriti di questa season award, tra cui Christopher Nolan, Guillermo del Toro, Greta Gerwig e Jordan Peele il quale è stato nominato sia nella categoria "Miglior Film" che in quella "Miglior Film - Opera Prima" per il suo horror Scappa - Get Out.

Leggi anche: La forma dell'acqua: la nostra recensione del film di Guillermo Del Toro!

Greta Gerwig insieme a Timothée Chalamet, Saoirse Ronan e Laurie Metcalf sul palco dopo la vittoria del Golden Globe di Lady Bird

A guadagnarsi una nomination per il suo esordio alla regia è anche Aaron Sorkin con Molly's Game e Taylor Sheridan che, dopo aver firmato la sceneggiatura di film come Hell or High Water e Sicario, ha diretto l'acclamato Wind River. Tra coloro che invece non sono stati candidati spiccano i nomi di Steven Spielberg (The Post), Ridley Scott (Tutti i soldi del mondo) e Denis Villeneuve (Blade Runner 2049).

Sul fronte piccolo schermo, invece, i titoli più nominati sono stati Il trono di spade, The Handmaid's Tale e Master of None. I vincitori verranno annunciati il 3 febbraio durante la cerimonia che sarà presentata da Judd Apatow. Ecco tutte le nomination:

Miglior Film:

Miglior Film - Opera Prima:

Migliore Serie Drammatica:

Miglior Serie Commedia:

Miglior Film per TV o Limited Series:

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV!

DGA Awards 2018: tra i nominati anche Guillermo...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

La forma dell'acqua: Guillermo del Toro rivela che si è ispirato a Ubriaco d'amore
Tre manifesti a Ebbing, Missouri: perché è il film dell'anno