Captain America 4: Malcom Spellman commenta le voci riguardanti il nuovo film Marvel

Le indiscrezioni sul film Captain America 4 commentate dallo sceneggiatore Malcolm Spellman, showrunner di The Falcon and the Winter Soldier.

NOTIZIA di 29/04/2021

Negli ultimi giorni è emersa online la notizia che Captain America 4 sarebbe in fase di sviluppo e alla guida del progetto ci sarebbe Malcolm Spellman, recentemente showrunner della serie The Falcon and the Winter Soldier.
In una recente intervista rilasciata a ComicBook.com, lo sceneggiatore ha affrontato l'argomento mantenendo la consueta riservatezza che circonda i progetti della Marvel.

Captain America 4: Anthony Mackie ha saputo del film mentre era a fare la spesa

Rispondendo alle domande su Captain America 4 Malcolm Spellman ha dichiarato: "Chi lo ha detto? Lo ha detto Kevin Feige? Non avrei fiducia in nulla che non si sente direttamente da lui!".
Lo sceneggiatore non ha confermato nulla, limitandosi a spiegare in che modo funziona l'ambiente di lavoro tra le fila della Marvel: "Vogliono semplicemente che crei la cosa migliore che puoi fare. Se stai scrivendo e dici 'Ehi, ho questa grandiosa idea di Visione che appare' ti diranno 'No'. Perché stanno per realizzare WandaVision, giusto? Ma a parte questo sei libero. Quindi abbiamo creato una città che si ispira liberamente a un posto che esiste realmente in Asia, dove ci sono questi posti all'aperto dove compri armi, ci sono ristoranti che nel loro menu hanno specie in via di estinzione. Si tratta di un posto reale. E abbiamo creato questo personaggio in stile CIA per la fine della storia di John Walker".

Spellman ha poi proseguito aggiungendo: "Dopo che hai fatto tutto questo e creato il tuo progetto, la Marvel inizia a creare dei collegamenti con il Marvel Cinematic Universe. Abbiamo avuto la stessa reazione entusiastica dei fan quando quella città che ho appena descritto è diventata Madripoor. Abbiamo pensato 'Oh mio dio'. Ma non cercano di inserire degli elementi in modo forzato, non ti impongono determinate cose. Fai il tuo lavoro e poi loro vedono come inserirlo nel contesto".