Il cinema da leggere firmato dalla redazione di Movieplayer.it, il regalo last minute perfetto!

Borat 2: Maria Bakalova, da Gomorra a Sacha Baron Cohen: "Per me è come un padre"

Maria Bakalova ha rivelato in che modo è stata scelta per Borat 2 e che rapporto si è creato con Sacha Baron Cohen.

NOTIZIA di 14/11/2020

Borat 2 ha fatto diventare una star Maria Bakalova e l'attrice ha rivelato qualche dettaglio della sua ascesa verso il successo, dopo essere apparsa anche in Gomorra 3, e del rapporto che si è stabilito con Sacha Baron Cohen.
Il sito di Variety ha infatti dedicato alla giovane star dell'esilarante commedia un articolo che permette agli spettatori di conoscerla meglio.

L'attrice interpreta in Borat: Subsequent Moviefilm il ruolo di Tutar, una giovane che compie un'evoluzione importante diventando una donna indipendente pur essendo cresciuta in una società che tratta le donne come oggetti.
Maria Bakalova aveva recitato nel terzo episodio, ambientato in Bulgaria, della terza stagione di Gomorra - La Serie con il ruolo di una prostituta e proprio durante le riprese della serie italiana è stata informata di un'audizione, inviando un video e ricevendo la richiesta di presentarsi a un incontro, avvolto totalmente dal mistero, con i responsabili del casting: "Ho chiamato il mio manager e mi ha detto 'Ti prometto, non ti rapiranno, non venderanno i tuoi organi e non ti uccideranno'".

Borat: Subsequent Moviefilm, recensione: Sacha Baron Cohen e il virus dell'ignoranza

L'attrice ha quindi scoperto che si trattava di un incontro per un ruolo in Borat 2 e ha ammesso che non aveva visto il primo film, ma aveva apprezzato Sacha Baron Cohen nella serie The Spy.
Maria ha dovuto mantenere il segreto sul progetto, non rivelando i dettagli nemmeno ai suoi genitori che hanno scoperto a cosa aveva lavorato solo quando è uscito il trailer.
Bakalova ha quindi svelato che con la star del lungometraggio si è immediatamente stabilito un incredibile feeling: "Posso onestamente dire che gli voglio bene come se fosse un altro genitore. Mi fido di lui, ha creduto in me e abbiamo creato questo progetto che è come un nostro figlio, ma non in modo strano".

L'attrice ha inoltre svelato che durante le riprese dell'ormai famosa scena con Rudy Giuliani si è preoccupata un po' perché il politico stava per chiamare i poliziotti, ma si è sentita al sicuro perché era comunque insieme a Cohen e ai produttori.