Avengers: Endgame, una delle migliori battute su Captain America è stata aggiunta nei reshoots

Una delle migliori battute su Captain America è stata aggiunta nei reshoots di Avengers: Endgame grazie alla prontezza di Paul Rudd e al fastidio di Chris Evans nei confronti del suo vecchio costume.

NOTIZIA di 07/11/2019

Una delle migliori battute su Captain America in Avengers: Endgame è stata aggiunta nei reshoots. La rivelazione arriva dal co-sceneggiatore di Endgame Christopher Markus nel corso di un'intervista a Syfy Wire.

Avengers Endgame 14
Avengers: Endgame, un momento del film con Chris Evans

Mentre segue le gesta di Captain America nascosto dietro una parete, lo sguardo Tony Stark cade sul sedere di Cap e lui sussurra: "Non ricordavo che quel costume non facesse niente per il tuo sedere". Cap replica: "Non ti ho chiesto di guardare", ma a spezzare una lancia in favore del supereroe interviene Ant-Man, miniaturizzato, che scherza: "Credo che tu stia benissimo, Cap. Per quanto mi riguarda, è il sedere dell'America". Proprio questa battuta è stata aggiunta nel discorso di Paul Rudd durante i reshoots.

"La cosa è cresciuta da sola" spiega Christopher Markus. "All'inizio c'era Tony Stark che guardava Cap in quel terribile costume e diceva 'Quella tuta non fa niente per il tuo fondoschiena.' Questa cosa è andata avanti per un po', e poi Ant-Man è intervenuto dicendo 'Credo che sia il sedere dell' America.'.

Avengers: Endgame, Chris Evans ha rovinato ad Anthony Mackie il finale del film

Solo nei reshoots, la battuta è stata inserita nel copione, come svela il co-sceneggiatore di Avengers: Endgame Stephen McFeely: "Avevamo bisogno di uscire dalla scena del combattimento tra i due Cap in modo un po' diverso, così Cap del 2012 Cap cade e rimane col sedere per aria. A quel punto avevamo bisogno di un altro sedere, così abbiamo deciso di mostrare il Cap moderno che guarda alla sua versione giovane ed esclama "Quello è il sedere dell'America."

Questa battuta, molto apprezzata da Chris Evans per rendere meno serioso il suo personaggio, fa riferimento a una situazione reale creatasi sul set. Come svelano gli sceneggiatori: "Chris Evans non si è mai sentito a suo agio col costume del primo film degli Avengers. Così è un modo per strizzare l'occhio al passato e all'evoluzione nel presente. Tutto è nato da lì.".