The Walking Dead: World Beyond, parla Aliyah Royale: “Iris e Negan insieme sarebbero un team fantastico”

La nostra intervista a Aliyah Royale e Hal Cumpston, interpreti di Iris e Silas in The Walking Dead: World Beyond, lo spin off della serie AMC disponibile su Amazon Prime Video.

INTERVISTA di 23/10/2020
The Walking Dead World Beyond 01
The Walking Dead - World Beyond: un'immagine dello spin-off della serie

The Walking Dead: World Beyond ci racconta una comunità consolidata, che ha trovato il modo di vivere nel mondo post-apocalittico che parte dal fumetto di Robert Kirkman, portandoci a dieci anni dopo il disastro che ha causato l'apocalisse zombie che conosciamo. Una comunità che è andata avanti e comprende anche una nuova generazione di sopravvissuti, cresciuti per lo più nel mondo devastato del franchise. Ne abbiamo parlato con due di loro, con Aliyah Royale e Hal Cumpston, interpreti di Iris e Silas nello spin-off di The Walking Dead che arriva con cadenza settimanale su Amazon Prime Video.

Le caratteristiche della serie

Che cosa aggiunge il punto di vista dei vostri personaggi al franchiese?

The Walking Dead World Beyond Iris
The Walking Dead - World Beyond: Aliyah Royale in una foto promozionale dello spin-off

Aliyah Royale: Una prima differenza è che chiamiamo gli zombie Empties e non Walkers. Li chiamiamo così perché non c'è più nulla là dentro. Allo stesso tempo, anche se sappiamo dell'apocalisse e della diffusione di zombie, siamo stati protetti sin dalla giovane età e ora che lasciamo la comunità abbiamo un punto di vista diverso su di loro. Non li vediamo come completamente morti e andati quando li incontriamo. A volte è doloroso quando siamo costretti a eliminarne uno, anche se sappiamo che è per proteggere noi stessi. Intraprendiamo questo viaggio per capire chi siamo e cosa vogliamo, sapendo che prima o poi finiremo così.

Hal Cumpston: È interessante poter vedere com'era il mondo in precedenza, qualcosa che abbiamo studiato ma che è diverso ora che c'è stata l'apocalisse. Portiamo avanti il tema classico adolescenziale, in cui ti senti in grado di poter fare tutto, di andar fuori nel mondo e provare sulla tua pelle cosa voglia dire. Temi universali del passaggio all'età adulta e la formazione di una propria identità, ma amplificati dagli zombie, il che lo rende una serie molto interessante.

The Walking Dead: World Beyond, Julia Ormond: "Un concetto chiave della serie è l'adattabilità"

Qual è la cosa che più vi piace di più di questa serie?

Aliyah Royale: Secondo me gli empties sono fighissimi! Ovviamente vi innamorerete dei personaggi e delle storie...

Hal Cumpston: E la recitazione, che è fantastica!

Aliyah Royale: Gli effetti che avevamo sul set sono incredibili. Eravamo abituati agli zombie di The Walking Dead e Fear The Walking Dead, ma è come se si fossero chiesti: come possiamo farli ancora più forti? E ci sono riusciti con The Walking Dead: World Beyond, perché il nostro team è stato incredibile e ci sono zombie veramente fantastici. Inoltre rispondiamo a domande che le altre serie hanno posto.

Hal Cumpston: Sono d'accordo, avrei risposto anche io parlando degli zombie, ma ci sono anche altre cose. Per esempio la serie è girata in modo stupendo e sembra di guardare un film indipendente con un budget più elevato. Ogni inquadratura è bella ed è incredibile che ci siano riusciti con un ritmo di lavoro così elevato.

Combattere gli zombie

Siete fan degli zombie e del genere?

The Walking Dead World Beyond 03
The Walking Dead - World Beyond: una scena dello spin-off

Hal Cumpston: Ricordo di aver guardato La notte dei morti viventi con mio padre quando avevo dieci anni e mi dicevo "ma è in bianco e nero, non voglio guardare uno stupido film in bianco e nero", ma poi il finale mi ha lasciato senza parole. Da allora ho avuto molto più interesse per i film di zombie. Non sapevo che sarebbero diventati una parte importante della mia vita, ma li ho considerati un concetto interessante.

Aliyah Royale: Ho cercato di evitare gli zombie per tutta la mia vita. Riesco a guardare fantasmi, vampiri e lupi mannari, ma gli zombie mi hanno sempre terrorizzata. Ma ho adorato guardare World War Z, Zombieland, perché mi diverte che ci siano quelle regole da seguire per salvarsi e alla fine penso che abbiamo sviluppato anche noi delle regole in World Beyond. In ogni caso cerco di evitarli a tutti i costi!

A qualcuno piace zombie: 10 improbabili e ironici remake non-morti

Sareste in grado di fare quello che fanno i vostri personaggi, ovvero lasciare un rifugio sicuro e affrontare il mondo?

Aliyah Royale: Io penso che ci riuscirei, perché ho imparato molto per le riprese e le sequenze d'azione erano molto divertenti da girare e ogni volta che avevo la possibilità di fare qualcosa di lontanamente pericoloso, dicevo "datemi la mia arma e ci sono!" C'è tutto un altro livello di energia che ti pervade quando impugni la tua arma. Nel primo episodio si vede il momento in cui Iris ha la sua arma per la prima volta e ha la mia stessa reazione esaltata. Si capisce qualcosa del personaggio solo a guardare la sua arma nel mondo di The Walking Dead e una volta che la hai, sei capace di tutto. Se avessi la mia arma nella vita reale, sarei inarrestabile!

Hal Cumpston: Ricordo che ne abbiamo parlato e ti viene da pensare "sì, potrei farlo", ma in tutta sincerità non so se qualcuno del cast sarebbe in grado. È interessante ragionarci e nella realtà quasi tutti morirebbero appena usciti dalla città.

E qual è la vostra arma preferita per combattere gli zombie?

The Walking Dead World Beyond 05
The Walking Dead - World Beyond: un momento dello spin-off della serie

Aliyah Royale: La mia nella serie! Si chiama Shiloh ed è la mia migliore amica. È un'arma molto lunga ed è fantastico. Quando ci alleniamo e nelle sequenze d'azione mi ci trovo benissimo, mi sento coinvolta quando ho la mia arma, la giacca di pelle e tutto il contesto. È sicuramente la mia preferita, ma se non potessi avere quella anche la katana di Michonne non mi spiacerebbe.

Hal Cumpston: Alla fine credo sia così per tutti, perché è l'arma a cui sei abituato, quindi nel mio caso la chiave inglese. Però a pensarci bene è un po' limitante.

Aliyah Royale: Ma dai, io adoro la chiave inglese, perché puoi agitarla e colpire, ed è enorme!

Hal Cumpston: Sì, l'adoro anche io, ma non mi dispiacerebbe la balestra, mi sembra divertente da usare.

Non solo World Beyond

Quali personaggi della serie originale vi piacerebbe incontrare in World Beyond?

Aliyah Royale: Non posso che citare il mio preferito di sempre, che è Negan. Perché a volte è un vero caotico malvagio e può essere il cattivo della serie, ma riesce a essere anche un caotico neutrale e credo sia interessante vedere qualcuno che è percepito come il villain davanti a delle scelte in cui fanno qualcosa di molto diverso da quello che faresti tu. Penso che Negan e Iris insieme sarebbero la squadra migliore!

Hal Cumpston: Non so, ci dovrei pensare e capire meglio i personaggi di The Walking Dead per non dare una risposta banale. In ogni caso penso che Daryl sia un personaggio fantastico per la sua evoluzione. E poi c'è Rick Grimes che è andato oltre l'essere un semplice personaggio, è uno stile di vita.

The Walking Dead: Chi è Negan? Ce lo racconta Robert Kirkman nel prequel della serie

Riuscite a fare un parallelo tra la situazione post-apocalittica della serie e quello che stiamo vivendo in questi giorni?

The Walking Dead World Beyond 06
The Walking Dead - World Beyond: un'immagine dello spin-off

Aliyah Royale: C'è sicuramente un parallelo, perché il fatto che la gente si trasformi in empties è in qualche modo una pandemia. Ma allo stesso tempo con il Covid abbiamo paura di non sapere cosa accadrà e questo può lasciare molti segni sulla psiche. Ogni volta che accendi la tv o ti arrivano notifiche sul telefono è lì, è parte della nostra vita quotidiana costantemente. C'è anche l'aspetto di rendersi conto che la situazione fa paura, ma ci si dice che andrà tutto bene. Mi piacerebbe che la gente avesse la stessa speranza per il futuro che si può vedere in World Beyond, vorrei che anche questo fosse replicato nella nostra realtà.

Hal Cumpston: È incredibile quello che sta accadendo. Eravamo pronti a lanciare la serie, fare una premiere, e ci siamo ritrovati tutti a casa per la pandemia. Ed è assurdo che una serie post-apocalittica come la nostra sia uscita in un mondo che è stato colpito da una pandemia. C'è tanta confusione anche ora che abbiamo un'idea più chiara della situazione, con le regole che cambiano ogni due minuti. Ma mi fa capire la confusione che si è provato nel mondo della serie quando il mondo è cambiato.

The Walking Dead: World Beyond, Nico Tortorella: "Non c'è periodo più adatto per espandere questo universo"