Il vegetale

2018, Commedia

Fabio Rovazzi al cinema con Il Vegetale: “Parlare di una generazione senza farne parte è sbagliato”

Intervista a Fabio Rovazzi, per la prima volta al cinema con Il vegetale, scritto e diretto da Gennaro Nunziante, che raccoglie il testimone di Checco Zalone, protagonista di tutti i film precedenti dell'autore. Dal 18 gennaio in sala.

Il vegetale: Fabio Rovazzi sul set del film

Dopo essere diventato un fenomeno pop grazie al brano (e al video) Andiamo a comandare, in cui imboccava la tangenziale a bordo di un trattore, Fabio Rovazzi ci ha preso gusto con l'agricoltura e, per il suo primo film, ha deciso di affidarsi alle mani sapienti di Gennaro Nunziante, autore e regista di tutti i successi con protagonista Checco Zalone.

Leggi anche: Il vegetale: con Fabio Rovazzi è "tutto molto politically correct"

La strana coppia è dal 18 gennaio nelle sale italiane con Il vegetale, in cui Fabio Rovazzi interpreta Fabio Rovazzi, personaggio che si chiama come lui, si muove come lui, ha i baffetti come lui, ma non è proprio lui, visto che è un ventenne neolaureato in Scienze della Comunicazione che cerca lavoro senza successo. Quando il padre, interpretato da Ninni Bruschetta, ha un grave incidente, Fabio decide di occuparsi della sorella minore, Nives, e per farlo accetta di andare a raccogliere pomodori fuori Milano.

Leggi anche: Disney e i film in arrivo nel 2018: "Partiamo alla grande con Star Wars, ma Rovazzi vi stupirà"

Il Vegetale: Gennaro Nunziante e Fabio Rovazzi sul set

Deriso dalla sorella, illuso dalla maestra locale, schiacciato dal peso delle cassette di ortaggi, Fabio ha come unico confidente Armando (Luca Zingaretti), figura enigmatica che dispensa consigli, visto che pensa che la generazione del ragazzo sia composta solamente da bambocci che non sanno rimboccarsi le maniche.
Abbiamo incontrato Rovazzi a Roma, dove ci ha parlato di come in realtà la sua generazione, così come è sempre successo a ogni nuova, non sia ben compresa dalle precedenti perché semplicemente non ne fanno parte e non la capiscono, esattamente come succede al suo personaggio, che, per costruirsi un futuro che sembra sempre più incerto, si reinventa completamente.

Leggi anche: Checco Zalone e l'imprevedibile virtù dell'ignoranza: le dieci scene cult dei suoi film

La nostra intervista a Fabio Rovazzi

Fabio Rovazzi al cinema con Il Vegetale: “Parlare...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Il vegetale: con Fabio Rovazzi è "tutto molto politically correct"
Checco Zalone e l’imprevedibile virtù dell’ignoranza: le dieci scene cult dei suoi film