The Walking Dead 9, Robert Kirkman: "Rick potrebbe morire anche nel fumetto"

L'autore di The Walking Dead, Robert Kirkman, ospite di Lucca Comics & Games, ci ha confessato un probabile scenario sulla sua serie a fumetti.

NOTIZIA di 01/11/2018
The Walking Dead Season 9 6
The Walking Dead: Andrew Lincoln, Normal Reedus e Danai Gurira in una scena

Ormai è una specie di "segreto di Pulcinella": Andrew Lincoln lascerà The Walking Dead 9. La quinta puntata della nona stagione della serie sarà l'ultima in cui apparirà il personaggio di Rick Grimes. Non sappiamo se l'ex vice sceriffo morirà o abbandonerà il suo gruppo, ma è certo che questo addio ha scosso molto i fan della serie AMC. Per questo ieri, nel corso di un'intervista rilasciata da Robert Kirkman durante il Lucca Comics & Games, l'autore del fumetto di The Walking Dead è stato interpellato sulla questione. Gli abbiamo chiesto se avesse mai immaginato anche il fumetto senza il suo leader Rick, e la sua risposta è stata: "Certo che sì. Infatti ti dico che Rick potrebbe fare una brutta fine anche nel fumetto. E, se mai dovesse succedere, accadrebbe in modo completamente diverso da quanto visto nella serie tv"

Nei prossimi giorni pubblicheremo l'intervista completa in cui Kirkman parla della serie AMC, che non sta attraversando un periodo felice per quanto riguarda gli ascolti ma resta comunque una delle serie-fenomeno degli ultimi anni.

Leggi anche: The Walking Dead 9: Norman Reedus svela un segreto dell'ultima scena di Andrew Lincoln

A proposito del suo addio, nei giorni scorsi Andrew Lincoln ha pubblicato una commovente lettera di ringraziamento rivolta a tutti: "Ho fatto fuori oltre 400 zombie durante l'apocalisse. Ho perso un cavallo e ne ho trovato un altro. Ho perso una donna, ho mangiato un cane. Ho indossato due volte un poncho fatto di carne. Sono sfuggito a un branco di cannibali hipster, per non parlare del fatto che mi hanno sparato due volte, mi hanno colpito con una mazza da baseball, sono stato accoltellato tre volte, un uomo mi ha morso alla gola, e ho dovuto risuolare i miei stivali da cowboy... ben 12 volte. Lungo il cammino, abbiamo avuto il piacere di incontrare appassionati di zombie in tutto il pianeta. Da Tokyo a Trinidad, le persone sono state unite dall'amore per la nostra serie televisiva... e per i capelli incredibilmente unti di Norman Reedus."