Il cinema da leggere firmato dalla redazione di Movieplayer.it, il regalo last minute perfetto!

Sacha Baron Cohen, Mark Zuckerberg nuovo bersaglio dopo la sconfitta di Trump "Fuori uno, tocca all'altro"

Il nuovo bersaglio di Sacha Baron Coehn sarebbe proprio Mark Zucverberg, creatore di quella che l'attore ha definito 'la più grande macchina di propaganda della storia'.

NOTIZIA di 10/11/2020

Dopo aver "contribuito" (alla sua maniera) alla sconfitta di Donald Trump con l'uscita di Borat 2, Sacha Baron Cohen annuncia il suo nuovo bersaglio, il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg.

Pur essendo eccitato per la sconfitta di Donald Trump alle elezioni presidenziali americane, l'irriverente Sacha Baron Cohen guarda già al suo prossimo bersaglio, Mark Zuckerberg. L'attore inglese Baron Cohen ha celebrato la sconfitta di Trump pubblicando sui social media una foto del Presidente insieme a Mark accompagnata dalla scritta "Fuori uno, tocca all'altro." In un discorso del 2019, Sacha Baron Cohen aveva definito Facebook "la più grande macchina di propaganda della storia."

Il mese scorso, Sacha Baron Cohen ha scritto in un saggio che preannunciava l'uscita di Borat: Subsequent Moviefilm che Trump "ha un fedele alleato e complice volontario" in Zuckerberg e Facebook, piattaforma di social media che ha fatto leva sugli "americani più vulnerabili alle bugie e alle cospirazioni." Il comico ha aggiunto che Facebook è "un megafono che i peggiori autocrati della storia si potevano solo sognare. il suo algoritmo amplifica deliberatamente contenuti che generano più reazioni... Non è un caso che spesso i primi 10 posto di Facebook siano contenuti appartenenti a media di estrema destra."

Sacha Baron Cohen a Donald Trump: "Ritiro l'offerta di lavoro, il tuo atteggiamento è triste"

Negli ultimi anni, Sacha Baron Cohen ha più volte criticato apertamente Facebook sostenendo che abbia avuto un ruolo nel diffondere teorie cospirazioniste sull'Olocausto e dando voce ai negazionisti del dramma degli ebrei: "Una volta che una tesi sostenuta dai Neo-Nazisti emerge, questa teoria si diffonde a causa della sua prevalenza sui social media. Facebook, per esempio, ha rimosso i post dei negazionisti dell'Olocausto solo dieci giorni prima dell'uscita del sequel di Borat.

Qui trovate la recensione del sequel di Borat, Borat: Subsequent Moviefilm, disponibile su Amazon prime Video.