Il trono di spade: HBO ha speso 30 milioni di dollari per il pilot dello spinoff cancellato con Naomi Watts

Secondo il nuovo libro Tinderbox, il prezzo elevato per il pilot dello spinoff cancellato de Il trono di spade con Naomi Watts ha spinto HBO ha dare subito il via libera come serie a House of the Dragon.

NOTIZIA di 02/12/2021

Un nuovo libro sui retroscena de Il trono di spade avrebbe fatto chiarezza sui 30 milioni di dollari investiti nel pilot dello spinoff, poi cancellato, con Naomi Watts. Tale perdita ha convinto HBO a dare la luce verse alla serie spinoff House of the Dragon senza nessun pilot.

Il Trono Di Spade Stagione 8 Episodio 6 Finale 3
Il trono di spade: Daenerys, Regina delle "ceneri" di fronte al suo esercito nel finale di serie

Nel libro di James Andrew Miller Tinderbox: HBO's Ruthless Pursuit of New Frontiers vengono svelati alcuni retroscena, anche economici, sulla produzione de Il trono di spade e dei suoi spinoff, tra cui un prequel della serie fantasy che vedeva protagonista Naomi Watts. Prequel cancellato dopo aver speso 30 milioni nel pilot.

Sebbene non abbia mai avuto ufficialmente un titolo, il primo spin-off de Il trono di spade sviluppato da HBO vedeva alcuni grandi nomi collegati: oltre a Naomi Watts, la serie prevedeva S.J. Clarkson come regista e Jane Goldman come showrunner. Questo prequel sarebbe stato ambientato migliaia di anni prima de de Il trono di spade e avrebbe coinvolto i lontani antenati di famiglie nobili come gli Stark e i Lannister, ma non avrebbe incluso i draghi, dal momento che avrebbe preceduto l'arrivo della Casa Targaryen a Westeros. George R.R. Martin aveva suggerito 'La lunga notte' come possibile titolo, ma quella frase è stata invece utilizzata come titolo dell'episodio per l'epica battaglia della stagione finale a Grande Inverno.

Come ricorda EW, lo stesso giorno in cui è stato annunciato che il prequel non sarebbe più stato realizzato, HBO ha confermato l'ordine a serie dello spinoff House of the Dragon, altro prequel ambientato in un'epoca più vicina agli eventi de Il trono di spade sulla guerra civile piena di draghi nella Casa Targaryen. A differenza della serie con Naomi Watts, House of the Dragon attinge a una fonte letteraria diretta, il romanzo di Martin del 2018 Fuoco e sangue. Ma secondo quanto riferito dall'ex presidente di WarnerMedia Bob Greenblatt in Tinderbox, questo non era l'unico motivo per cui HBO ha scelto questo spinoff rispetto al primo.

"House of the Dragon avrà un tono diverso da Il trono di spade", promette lo showrunner

"Avevano speso oltre 30 milioni di dollari per un pilot del prequel quando sono arrivato lì", dice Greenblatt nel libro di Miller. "E quando ho visto il montato pochi mesi dopo il mio arrivo, ho detto a Casey Bloys [chief content officer della HBO], 'Questo semplicemente non funziona e non credo che mantenga la premessa della serie originale.' Lui era d'accordo, il che in realtà è stato un sollievo. Quindi sfortunatamente abbiamo deciso di staccare la spina. C'era un'enorme pressione per farlo bene e non credo che avrebbe funzionato".

Così House of the Dragon ha ricevuto l'ordine come serie per evitare un altro costoso pilot fallito, una decisione di cui Greenblatt si prende il merito nel libro: "Sono io quello che ha incoraggiato Casey a dare il via libera alla serie. Ho detto, 'Non rischiamo 30 milioni di dollari su un pilot.' Non puoi spendere 30 milioni di dollari per un pilot e poi non realizzare la serie. Così ho detto, 'Non giriamo un pilot. Facciamo una grande serie e facciamola bene oppure non facciamo niente'. Hanno realizzato il primo pilot perché volevano proteggere quel marchio, cosa che capisco, ma era fondamentale che in qualche modo continuassimo quel franchise e ci muovessimo rapidamente, il che significava portare la serie in produzione il prima possibile. Penso che il nuovo show in arrivo sarà incredibile".