Facebook

Creed 4: Sylvester Stallone farebbe un altro film con Michael B. Jordan, ma a una condizione

Sylvester Stallone non ha chiuso del tutto la porta alla saga di Creed e sarebbe disposto a fare un altro film con Michael B. Jordan, ma a una condizione.

Creed 4: Sylvester Stallone farebbe un altro film con Michael B. Jordan, ma a una condizione

Come ben sappiamo, Sylvester Stallone non tornerà in Creed 3, prossimo capitolo della saga spinoff di Rocky che segnerà il debutto alla regia del protagonista Michael B. Jordan. Il divo, che ha interpretato a lungo il pugile Rocky Balboa nel franchise originale, è stato estromesso con un po' di amarezza. Al di là della faida in corso Stallone si dice pronto a tornare per un altro film di Creed, ma ad una condizione.

Sylvester Stallone ha recentemente dichiarato dii non possedere alcun diritto del franchise Rocky. È un argomento che sta molto a cuore all'attore, responsabile della creazione del personaggio di Rocky Balboa. In più occasioni, l'attore se l'è presa col produttore Irwin Winkler, colpevole di aver mantenuto il 100% dei diritti del franchise per sfruttarlo all'osso.

Sylvester Stallone posa con la statua di Rocky in un video che ha fatto impazzire i fan

"Dopo che Irwin ha controllato Rocky per oltre 47 anni, ora sta facendo lo stesso con Creed. Mi piacerebbe davvero riavere indietro almeno un po' ciò che è rimasto dei miei diritti per trasmetterlo ai miei figli", ha scritto Stallone in un posto. "Credo che sarebbe un gesto giusto da parte di questo signore di 93 anni"

Stallone ha poi aggiunto, come riportato da AP: "Michael B. Jordan, bravo ragazzo, lo studio è meraviglioso. Ma è stata davvero dura. Ora, se Michael B. Jordan mi proponesse una nuova storia, farei Creed 4 con lui, ma solo se Irwin Winkler non sarà coinvolto".

Creed 2 17
Creed II: Sylvester Stallone in una scena

L'attore ha poi approfondito: "Irwin Winkler,e credo Michael B. Jordan, hanno deciso di andare andare in una direzione radicalmente diversa dai film di Rocky film. Ha a che fare con qualcosa con cui non riesco a relazionarmi. Ecco perché mi sono ritirato. Nella storia di Creed III mi sentivo di troppo, come se facessi parte dello sfondo. Rocky ha bisogno di confrontarsi direttamente con Adonis Creed perché la cosa funzioni davvero, come Mickey e Rocky, quel tipo di relazione. Ma qui è diverso, è più incentrato sulla famiglia. Ed è più concentrato su personaggi periferici. Ma se ci sarà un Creed 4, io sono disponibile".