C’era una volta a… Hollywood: la versione estesa del film in uscita tra un anno?

Quentin Tarantino ha suggerito che potremmo vedere la versione più lunga di C'era una volta a... Hollywood, della potenziale durata di 4 ore, entro il 2021.

NOTIZIA di 04/01/2020
C Era Volta Hollywood Quentin Tarantino Brad Pitt Cannes 2019
C'era una volta a... Hollywood, Quentin Tarantino e Brad Pitt al photocall di Cannes 2019

Quentin Tarantino ha suggerito che potremmo vedere la versione estesa (della possibile durata di 4 ore) di C'era una volta a... Hollywood, il suo nono film, entro il 2021. È successo ieri, in occasione di una proiezione speciale del film al cinema ArcLight Hollywood a Los Angeles organizzata dal sito Collider per la stagione dei premi.

Tarantino era presente insieme a Leonardo DiCaprio e Brad Pitt, e nel corso del Q&A dopo la proiezione ha parlato di come durante la post-produzione si sia rivolto direttamente a Tom Rothman, responsabile del ramo cinematografico della Sony, per decidere cosa tagliare per l'uscita in sala (la versione cinematografica, ricordiamolo, dura 161 minuti). A questo punto Pitt ha commentato "La vera domanda è: vedremo il resto in un modo o nell'altro?". La risposta del regista è stata "Molto probabilmente quando avremo finito con tutto questo, tra un anno o giù di lì."

C'era una volta a... Hollywood, la nostra teoria: se il finale nascondesse una realtà diversa?

Non è la prima volta che Quentin Tarantino rimette mano ai propri film: su Netflix, ma solo negli Stati Uniti, c'è una versione estesa di The Hateful Eight in formato miniserie, ed è prevista l'uscita di un montaggio più lungo di Django Unchained.

Quanto a C'era una volta a... Hollywood, già dopo l'anteprima a Cannes era stato aggiunto del materiale (sulla Croisette mancavano le sequenze durante e dopo i credits conclusivi e lo spezzone rimaneggiato de La grande fuga), e non mancano le scene supplementari per rimpolpare ulteriormente la durata: sappiamo infatti dalle menzioni speciali nei titoli di coda che alcuni attori, come Tim Roth (il maggiordomo inglese di Jay Sebring) e James Marsden (scritturato nella parte di Burt Reynolds), sono stati rimossi completamente dalla versione finale, e Damon Herriman, che interpreta Charles Manson, ha detto in un'intervista concessa a Entertainment Weekly che esiste almeno una scena in più incentrata sul folle leader della setta che uccise Sharon Tate.