Buon Compleanno Mr. Grape, Leonardo DiCaprio: "Potevo fare tutto, anche gettare gli spaghetti in aria"

A soli 19 anni, Leonardo DiCaprio ha fatto parte del cast di Buon Compleanno Mr. Grape, un'esperienza molto importante che gli ha permesso di lavorare in totale libertà sul set.

NOTIZIA di 20/11/2020

Leonardo DiCaprio è ormai una delle più grandi star di Hollywood, con numerosi successi all'attivo, ma la sua carriera è iniziata dal film Buon Compleanno Mr.Grape, dove recitava al fianco di Johnny Depp interpretando un ragazzo autistico, un ruolo per il quale ha avuto molta libertà sul set.

Leonardo DiCaprio in Buon compleanno, Mr. Grape
Leonardo DiCaprio in Buon compleanno, Mr. Grape

In un'intervista del 2014 con Variety, Leonardo DiCaprio ha raccontato di quanto importante è stato girare Buon compleanno, Mr. Grape, uscito nel 1993 e diretto da Lasse Hallström. L'attore ricorda come il regista gli diede molta libertà per interpretare il giovane Arnie Grape, un ruolo per cui si preparato a lungo:

"Quel ruolo è stato molto divertente perché non dipendevo dalla sceneggiatura. Avevo le mie regole, potevo fare quello che volevo. Se una scena per Johnny era drammatica io invece lanciavo gli spaghetti per aria. E Hallström mi faceva sempre provare"

Già a 19 anni, quindi, le abilità di Leonardo DiCaprio sul set erano davvero notevoli. Inoltre, per questo ruolo, l'attore si è preparato in modo approfondito, visitando una casa di cura per ragazzi con disabilità mentali:

"Ricordo di essere andato dal regista con una lista di attributi che ho stilato dopo aver visitato una casa per ragazzi disabili. Gli ho chiesto 'Mi mostrerai cosa devo fare?' e lui 'No mettili in scena'. E quindi li ho fatti tutti quelli che avevo imparato."

Leonardo DiCaprio: "Mi lanciarono prosciutto in faccia per una scena di The Wolf of Wall Street"

Un lavoro duro, ma molto importante per la carriera di Leonardo DiCaprio, un ruolo che lo ha portato poi sulla strada per la sua grande carriera, un momento importante per lui, come ricorda nelle sue parole: "Era tutto così incredibilmente libero e improvvisato, ho davvero vissuto nel mio mondo. È stato fantastico, incredibile. È stata una grande esperienza."