X-Files

1993 - ....

X-Files 11, episodio 3: Un caso classico con sguardo attuale ai protagonisti

Un classico episodio autoconclusivo che ha il merito di offrirci una intensa parentesi sui due protagonisti, Mulder e Scully.

x-Files: un momento dell'episodio "Doppioni" con Gillian Anderson

Il tempo passa per tutti. È passato per noi X-Philes della prima ora, è passata per Chris Carter, è passato per David Duchovny, Gillian Anderson e gli altri interpreti, così come per i relativi personaggi. Quel che conta e fa la differenza è rendersene conto, prenderne atto e renderlo parte integrante del racconto che ci viene proposto, in modo da non risultare anacronistici e fuori dal tempo. È un merito dell'undicesima stagione di X-Files che fin qui, a dispetto di una formula che ricalca quella classica da vecchia TV, sembra riflettere da diversi punti di vista.

Leggi anche: X-Files: 10 cose che (forse) non sapete sulla serie cult anni '90

Se infatti sia il primo che il secondo episodio di questa nuova stagione hanno in qualche modo affrontato come possa inserirsi X-Files nel mondo contemporaneo, Doppioni si rifà al passato in quanto alla formula narrativa usata che ruota attorno al classico Monster of the Week, ma si concede una corposa e intensa parentesi su Mulder e Scully, con un toccante e intenso dialogo, firmato da Carter in persona, su passato, presente e futuro dei due agenti FBI più famosi del mondo.

Giochi in famiglia

x-Files: Gillian Anderson in una scena dell'episodio "Doppioni"

Il mood è il classico di X-Files sin dal cold open che ci mostra un ragazzo perseguitato da un altro individuo identico a lui. Una figura misteriosa che non si limita solo ad apparirgli, ma anche ad intervenire sul volante mentre è alla guida facendolo uscire di strada e scontrarsi con un albero. Le dichiarazioni riguardo l'incidente del giovane in ospedale, salvo per miracolo dallo schianto, rendono il caso un X-File appetibile per Mulder e Scully, che iniziano ad indagare e si imbattono negli strani gemelli Judy e Chuck Poundstone, bizzarri ed inquietanti, impegnati in una serie di partite telepatiche al gioco dell'impiccato che si rivelano letali per gli individui che rispondono al nome da indovinare... che in un ultimo gioco carico di tensione, sembra prendere di mira uno dei nostri agenti preferiti.

L'omaggio al passato

x-Files: un'immagine dell'episodio "Doppioni"

Intrigante l'espediente finale di Carter di mostrarci alcune lettere dell'ultimo nome da indovinare, con quelle U ed L che si adattano sia al nome di Mulder che a quello di Scully, lasciando lo spettatore nel dubbio riguardo quale sia il bersaglio della coppia di spettrali assassini. Una trovata che funziona in un episodio dall'impostazione classica, il cui script mostra di avere qualche incertezza di troppo in quanto a coerenza e compattezza nello sviluppo del caso. Un episodio vecchio stile che omaggia il passato anche nella scelta dell'interprete di entrambi di fratelli telepati, ovvero Karin Konoval che era già apparsa in un paio di episodi tra i più amati della serie originale: Previsioni, della terza stagione, e La casa dei mostri dell'anno successivo.

Leggi anche: X-Files: cosa ha significato per noi la serie di Chris Carter?

L'incertezza del futuro

x-Files: Gillian Anderson e David Duchovny nell'episodio "Doppioni"

Se la sceneggiatura di Carter presenta qualche buco in quanto costruzione del caso, è forse per ritagliare abbastanza spazio per approfondire l'aspetto relativo allo studio dei personaggi, grazie ad un lungo dialogo in motel in cui i nostri riflettono sulle loro vite, sul loro rapporto sempre difficile da definire e su un futuro che appare ancora incerto. C'è in particolare un passaggio su un altro figlio che Scully avrebbe voluto, possibilmente in un contesto più stabile e definito con il proprio partner, che in qualche modo risuona in sintonia con l'arco narrativo portante della stagione e che dimostra, anche questa settimana, come X-Files stia riuscendo ad attingere alla nuova TV e la sua maggior continuità narrativa pur rimanendo fedele a sé stessa.

È un dialogo impreziosito dalle prove dei due protagonisti assoluti della serie, che prende il sapore di un addio in una stagione che, molto probabilmente, sarà l'ultima della serie così come la conosciamo.

X-Files 11, episodio 3: Un caso classico con...
Antonio Cuomo
Redattore
3.5 3.5
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

X-Files: Con Deep State giochiamo a fare Mulder e Scully
X-Files, Gillian Anderson conferma: "L'undicesima stagione per me sarà l'ultima"