Tyler Rake, la recensione: Chris Hemsworth, eroe d’azione

La recensione di Tyler Rake, il film Netflix con Chris Hemsworth prodotto dai fratelli Russo, in catalogo dal 24 Aprile.

RECENSIONE di 24/04/2020
Tyler Rake 4
Tyler Rake: Chris Hemsworth in una scena del film

Di Tyler Rake si è parlato molto negli ultimi mesi, in primo luogo perché il film Netflix è prodotto dai fratelli Russo recentemente campioni d'incassi con il loro lavoro nel Marvel Cinematic Universe; in secondo luogo perché nel cast troviamo Chris Hemsworth, uno dei personaggi al loro servizio in quell'avventura; infine, perché lo stesso attore ha anticipato una lunga e complessa sequenza d'azione di ben dodici minuti di cui anche noi vi parleremo ampiamente in questa recensione di Tyler Rake. Perché è chiaro che il film diretto da Sam Hargrave trova nella sua anima action e in un approccio videoludico il suo principale compimento e piacerà a chi gradisce questo tipo di spettacolo.

Storia di un salvataggio

Tyler Rake 3
Tyler Rake: Chris Hemsworth con Rudhraksh Jaiswal in una scena del film

D'altra parte è chiaro sin dal titolo originale di Tyler Rake, Extraction, che il cuore della storia è un'operazione di salvataggio, ad opera del protagonista e a beneficio di Ovi, giovane figlio di un signore del crimine incarcerato che viene rapito da un gruppo rivale. Tyler Rake è un mercenario di origine australiana, che opera nel mercato nero e non ha nulla da perdere quando accetta questa impresa che già di per sé appariva complessa, ma che diventa ancora più difficile e pericolosa, per non dire impossibile, per la situazione che si viene a creare nel violento mondo dei trafficanti d'armi e droga in cui il soldato si deve muovere, tra interessi economici, tradimenti e doppi giochi.

20 film di guerra da vedere su Netflix

Chris Hemsworth torna all'azione

Tyler Rake 5
Tyler Rake: Sam Hargrave, Chris Hemsworth sul set

Dismessi martello e mantello di Thor, nonché la pancia da birra della sua ultima apparizione in Avengers: Endgame, Chris Hemsworth torna all'azione pura e diretta, dando vita a un soldato taciturno quanto abile nel combattimento. È il Tyler Rake del titolo italiano, che non facciamo fatica a immaginare come protagonista di ulteriori lungometraggi, un eroe alla John Wick, tanto per fare un confronto con un altro personaggio popolare, abile e letale. È proprio alle sue doti fisiche che si affida la scrittura di Joe Russo per raccontarcelo, dedicando un unico momento più profondo e intenso, un accorato dialogo con l'oggetto della sua missione Ovi, a raccontarne la componente più intima.

Tyler Rake 2
Tyler Rake: David Harbour, Sam Hargrave, Chris Hemsworth sul set

Un peccato non aver cercato di approfondirlo e dargli sfumature, o di aver sprecato l'apporto di alcuni comprimari, su tutti David Harbour. Lo script di Joe Russo si accontenta, consapevolmente, di essere ciò che è, di appoggiarsi a una struttura essenziale che strizza l'occhio a quella di molti videogiochi d'azione, fatta di livelli, boss ed esagerazioni. Quasi che i Russo, qui alla produzione, abbiano voluto prendere fiato dopo le fatiche e le responsabilità di Endgame con qualcosa di più diretto e immediato.

Chris Hemsworth, colpo di fulmine: Thor e i suoi 35 anni portati da Dio

L'azione nel cuore

Tyler Rake 7
Tyler Rake: una scena del film

Non che sia semplice il lavoro fatto su Tyler Rake, perché il film Netflix ospita alcune delle sequenze d'azione più complesse viste negli ultimi tempi, ma i produttori ne hanno affidato l'onere al loro collaboratore Sam Hargrave, qui all'esordio alla regia dopo esser stato stunt coordinator per i due fratelli sia in Civil War che in Endgame: Hargrave ripaga la fiducia con sequenze action pulite, chiare da seguire ma spettacolari, sia nei duelli corpo a corpo ben coreografati e montati, sia in una complessa sequenza d'inseguimento, con successivo scontro fisico, tutta in (finto) pianosequenza.

Tyler Rake: Chris Hemsworth anticipa con un video una scena d'azione di 12 minuti

Tyler Rake 6
Tyler Rake: una scena del film con Chris Hemsworth e Randeep Hooda

Parliamo di ben dodici minuti di inseguimento in auto in strade strette e colme di persone, con la camera che segue l'azione, entra in auto per poi uscirne nuovamente, si sposta per mostrarci dettagli e accompagna i protagonisti anche una volta a piedi e impegnati nello scontro fisico. Una scelta estetica non rara oggi, ma sempre stuzzicante per chi ama questo tipo di cinema di puro intrattenimento, un tipo di film di cui Tyler Rake sembra voler far parte con orgoglio e senza pretesa di far nulla di più che far passare una serata di svago ai suoi spettatori. E ci riesce benissimo!

Senza stacchi, anche in TV: i migliori piani-sequenza nelle serie USA

Conclusioni

In conclusione di questa recensione di Tyler Rake proviamo a riassumere pro e contro di una pellicola che non pretende di prendersi troppo sul serio e cuce addosso al suo protagonista Chris Hemsworth un eroe d’azione al pari di quelli messi in scena da altri suoi colleghi negli ultimi anni. E da questo punto di vista, nel suo protagonista e nelle complesse sequenze d’azione in cui si trova coinvolto, il film prodotto dai fratelli Russo funziona a dovere! Peccato per una scrittura che non osa molto e si adagia su una struttura essenziale, quasi da videogioco action con i suoi livelli e qualche eccesso di troppo, perdendo l’occasione di mettere in piedi qualcosa di più profondo e ambizioso. Ma forse non ce n’è mai stata l’intenzione.

Movieplayer.it

3.5/5

Voto medio

3.2/5

Perché ci piace

  • Le costruzione delle sequenze action, con una in particolare che si fa notare per complessità e pulizia.
  • I combattimenti corpo a corpo, tra lavoro degli stunt e coreografie elaborate.
  • La resa visiva nel suo complesso, fatta di immagini pulite e location che danno varietà.
  • Chris Hemsworth, efficace e convincente nel ruolo dell’eroe d’azione.

Cosa non va

  • L’apporto minimo di alcuni comprimari, come David Harbour, decisamente sprecati.
  • Peccato non aver approfondito il lavoro di scrittura e aver sprecato l’occasione di mettere in piedi qualcosa di più ambizioso.