Star Wars: Gli ultimi Jedi

2017, Azione

Star Wars: Gli Ultimi Jedi, AMC ha rimosso i cartelli al centro delle polemiche

In alcune sale americane era stato appeso un avviso legato a una sequenza presente nel film diretto da Rian Johnson e online era scoppiata l'ironia.

Negli Stati Uniti i responsabili di due cinema appartenenti alla catena AMC avevano deciso di appendere dei cartelli in cui si avvisava il pubblico che il film Star Wars: Gli ultimi Jedi conteneva un breve passaggio, della durata di dieci secondi, privi di audio. La scelta era stata criticata online e aveva dato vita a innumerevoli battute ironiche legate alla "necessità" di avvisare chi entrava in sala di quel dettaglio. In un comunicato ufficiale si è ora spiegato che quei fogli sono stati "rimossi la settimana scorsa prima che iniziasse la copertura mediatica". AMC ha inoltre ricordato che i cartelli erano stati utilizzati in una percentuale irrilevante delle proprie strutture che nel territorio americano sono oltre 660.

La foto condivisa su Twitter da un abitante di Brooklyn era però stata condivisa, e poi rilanciata dall'attore Paul Scheer, sei giorni dopo il debutto del film diretto da Rian Johnson nei cinema statunitensi, avvenuto il 15 dicembre. Dei cartelli analoghi, secondo quanto era stato dichiarato online, erano stati creati per i cinema brasiliani dell'UCI.

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV!

Star Wars: Gli Ultimi Jedi, AMC ha rimosso i...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Star Wars: Gli ultimi Jedi supera Wonder Woman e diventa il secondo incasso del 2017 negli USA
Solo: A Star Wars Story, Disney si prepara al flop?