Sex Education, qual è la scena di cui Asa Butterfield e Ncuti Gatwa vanno più orgogliosi?

I protagonisti di Sex Education Asa Butterfield e Ncuti Gatwa rivelano qual è la scena della serie Netflix di cui vanno più orgogliosi.

NOTIZIA di 26/09/2021

La terza stagione di Sex Education è finalmente giunta su Netflix, e per l'occasione, Asa Butterfield e Ncuti Gatwa parlano un po' dei loro personaggi, delle scene dello show di cui vanno più fieri e degli aspetti che contraddistinguono la serie.

È il sito BuzzFeed a sollavare la questione: ci sono delle scene di cui gli interpreti di Otis e Eric vanno particolarmente orgogliosi? E la risposta, naturalmente, è sì.

"Otis e Eric al ballo. È una scena che amo particolarmente per una serie di ragioni" afferma Gatwa "Amo quando riescono a ritrovarsi dopo un litigio o situazioni simili. È davvero bello. E lo stato mentale di Eric in quel momento è piuttosto speciale, perché ritorna a essere sé stesso, ad avere fiducia in sé e a vestire come sempre. Mi è piaciuta molto questa cosa. È difficile dire di essere orgogliosi di qualcosa perché [non è merito nostro] è merito di Laurie Nunn [creatrice della serie] che ha scritto questi momenti".

Sex Education 4: Netflix annuncia il via libera alla produzione

E continua poi: "Amo il fatto che abbia incorporato la cultura di Eric e che la celebri. Non la demonizza né la dipinge come omofobica o cose simili. La celebra e mostra anche tutte le sfumature dell'identità di Eric e della sua cultura. E credo sia qualcosa di cui andare davvero orgogliosi".

E più in generale, i due ragazzi sembrano apprezzare particolarmente l'attenzione del team creativo nei confronti di tutti i personaggi, non solo di quelli principali.

"Ogni personaggio che Laurie ha sviluppato, possiede così tante sfumature, hanno sia luce che oscurità in loro. Ed è qualcosa di cui sono davvero orgoglioso di essere parte" spiega Gatwa, e Butterfield concorda "Sì, credo che sia una delle ragioni per cui questo show risalta tra gli altri".
"Sia i personaggi principali che i personaggi secondari hanno una storia così interessante e una tale profondità, importanza e sono portatori di un messaggio da cui tutti possiamo trarre insegnamento. E ci sono un sacco di personaggi che rappresentano una comunità o una cultura specifica. Ed è qualcosa di davvero difficile da realizzare, specialmente senza che sembri una forzatura. E credo che Laurie faccia un ottimo lavoro nel rendere tutto questo una parte integrante di Moordale".

"Sono completamente d'accordo" conclude Gatwa "Una delle cose che più mi ha colpito di questa terza stagione è quanto gli attori secondari siano importanti per lo show. Credo davvero che siano il cuore e l'anima di Sex Education. Dai ragazzi agli adulti, ognuno di loro aggiunge un elemento di interesse e un'incredibile energia".