Facebook

Pirati dei Caraibi, Zoe Saldana: "Jerry Bruckheimer si è scusato per la mia orribile esperienza sul set"

L'esperienza di Zoe Saldana sul set di Pirati dei Caraibi non è stata tra le più felici della sua carriera, ma l'attrice rivela di aver ricevuto le scuse del produttore Jerry Bruckheimer.

Pirati dei Caraibi, Zoe Saldana: "Jerry Bruckheimer si è scusato per la mia orribile esperienza sul set"

Zoe Saldana non ha un buon ricordo del set di Pirati dei Caraibi, dove ha vissuto un'esperienza traumatica che le ha fruttato perfino le scuse del produttore Jerry Bruckheimer, mogul della saga Disney

Nel franchise interpretato dalla star Johnny Depp, Zoe Saldana interpreta Anamaria, fiera piratessa il cui cammino incrocia quello di Capitan Jack Sparrow in più occasioni.

Zoe Saldaña è avvezza ai franchise avendo recitato in Avatar, Star Trek e Guardiani della Galassia, ma nel 2003 Pirati dei Caraibi è stata la sua prima esperienza con un blockbuster di tali dimensioni.

"È stata la mia prima esposizione a un grande film di Hollywood, in cui c'erano così tanti attori, così tanti produttori e così tanti membri della troupe" ha spiegato l'attrice a EW. "Stavamo girando in luoghi diversi e gli ambienti non erano così piacevoli. Ero molto giovane, ed era un po' troppo grande per me e il ritmo era un po' troppo veloce".

Zoe Saldana confessa di aver conservato il ricordo "di una brutta esperienza nel complesso. Mi sentivo come se fossi persa in una trincea, non mi sentivo al mio posto. Così deciso di non tornare nei capitoli successivi".

Avatar 2, Zoe Saldana ha pianto dopo aver visto i primi venti minuti: "Bisogna essere preparati"

La cattiva impressione ricevuta da Zoe Saldana è giunta alle orecchie del produttore Jerry Bruckheimer, che si è scusato personalmente con l'attrice:

"Anni dopo, ho potuto incontrare Jerry Bruckheimer, che si è scusato perché vuole davvero che tutti abbiano una buona esperienza sui suoi progetti. Questo mi ha davvero commosso, si è sentito in dovere sollevare la questione e di assumersi la responsabilità".