No Time to Die, Rami Malek: "Ero così intimidito da Daniel Craig che ho dimenticato le mie battute"

Rami Malek ha confessato di aver dimenticato le proprie battute quando si è trovato di fronte James Bond in persona, Daniel Craig, sul set di No Time to Die.

NOTIZIA di 30/09/2021

Anche i premi Oscar possono dimenticare le battute. È successo a Rami Malek, villain d'eccezione in No Time to Die il quale ha ammesso di avere avuto un vuoto di memoria perché intimidito dalla presenza carismatica di Daniel Craig.

Schermata 2019 12 04 Alle 1646
No Time to Die: un'immagine del trailer

Rami Malek ha svelato la sua défaillance durante un'ospitata al Graham Norton Show spiegando di aver dovuto tenere sotto controllo il nervosismo quando si è trovato a recitare di fronte a Daniel Craig:

"Quando te lo vedi davanti, sul set di 007 stage, lui è James Bond. Quando me lo sono trovato davanti ci sono stati momenti in cui mi sono dimenticato le battute, era perché lui era di fronte a me. Ero intimidito".

Daniel Craig, giunto a fine corsa nel ruolo di Bond con No Time to Die, ha però minimizzato le insicurezze del collega dichiarando:

"È brillante tra l'altro. È assolutamente brillante, come lo sono tutti gli altri attori. Sono semplicemente fantastici nel film".

Rachel Bilson super delusa "quando Rami Malek mi ha chiesto di cancellare la nostra foto insieme al liceo"

Come anticipa la nostra recensione di No Time to Die, nel nuovo capitolo della saga di James Bond Rami Malek interpreta il villain Safin, nemico letale e carismatico dell'Agente Segreto più amato. Malek ha risposto alle critiche sulla durata del film, uno dei più lunghi del franchise, che è stato ben accolto dalla critica internazionale.

No Time to Die è nei cinema italiani da oggi.