In Malesia il governo continuerà a censurare i film: "Dobbiamo limitare la cultura omosessuale"

In Malesia la censura ha vietato la distribuzione di Lightyear e Thor: Love and Thunder e il governo non ha intenzione di modificare il suo approccio ai contenuti LGBTQ.

NOTIZIA di 11/08/2022

In Malesia il governo non ha intenzione di porre fine alla censura e, al contrario, ha dichiarato che si è già pronti a impedire la visione di altri titoli in arrivo nelle sale.
Nella giornata di ieri un ministro ha difeso la scelta di bloccare la distribuzione di film come Lightyear e Thor: Love and Thunder a causa della presenza di alcune scene con personaggi omosessuali.

Il comitato responsabile della censura in Malesia aveva chiesto alla Disney di compiere dei tagli nei film Lightyear - La vera storia di Buzz e Thor: Love and Thunder a causa della presenza di alcuni riferimenti a relazioni omosessuali. Lo studio si è rifiutato di cambiare il montaggio, rinunciando così alla distribuzione nelle sale.

Zahidi Zainul Abidin, ministro che si occupa della comunicazione, ha dichiarato: "Recentemente c'è stato un film che non ha superato la censura, che è il nuovo Thor. Il film affrontava argomenti LGBT ma attualmente vediamo che molti film con elementi LGBT sfuggono alla censura".
Zahidi ha quindi dichiarato che il governo e i responsabili del dipartimento religioso hanno intenzione di ostacolare la diffusione della cultura LGBT nella nazione, sottolineando che i problemi sono gli elementi stranieri perché i film con elementi omosessuali usano metodi più sottili: "C'è frustrazione perché il mondo esterno era quello che sta promuovendo la cultura LGBT".

Zahidi ha proseguito ribadendo che il governo sta monitorando costantemente i film e le piattaforme social per individuare i contenuti LGBT e "prendere delle severe azioni contro gli individui che promuovono questi elementi".

Il ministro non può però intervenire sui servizi di streaming come TikTok e Netflix, basati all'esterno dei confini malesi: "Non possiamo controllare le piattaforme straniere che possono essere facilmente raggiunte online, ma non abbiamo problemi con le attività nella nostra azione. Siamo sempre stati rigidi e impegnati".

Zahidi ha quindi invitato i cittadini a evitare la visione di contenuti considerati offensivi e i genitori a controllare ogni possibile sistema di controllo per evitare l'accesso ai contenuti controversi.

In Malesia è ancora illegale avere relazioni di rapporti con persone dello stesso sesso, "crimine" che può portare a una condanna a 20 anni di carcere e ricevere frustrate.