Lo squalo: Steven Spielberg ha detto no al reboot

Steven Spielberg ha messo il veto su un ipotetico remake o reboot de Lo squalo, film a cui è molto affezionato, ma che non ha intenzione di rivisitare direttamente o indirettamente.

NOTIZIA di 23/06/2021

Come molti registi, anche Steven Spielberg non è estranei a reboot e revival, ma adesso apprendiamo che il regista ha detto no al remake de Lo squalo, opponendosi seccamente alla rilettura di uno dei suoi film più noti.

Lo squalo: Roy Scheider, Richard Dreyfuss e Robert Shaw a caccia
Lo squalo: Roy Scheider, Richard Dreyfuss e Robert Shaw a caccia

A fornire l'informazione è stato Deadline. Nell'annunciare l'accordo stretto tra Steven Spielberg e Netflix, il magazine ha scritto:

"Un'opera che il regista non rivisiterà è Lo squalo. Abbiamo sentito che Universal aveva in programma di realizzare un reboot del classico di Spielberg, con lui in veste di produttore, ma la risposta è stata un secco no. Alcune fonti interne a Universal e Amblin affermano che era già nota da tempo questa posizione."

Lo squalo: Richard Dreyfuss e Robert Shaw davanti alla terrificante creatura
Lo squalo: Richard Dreyfuss e Robert Shaw davanti alla terrificante creatura

Pur non avendo avuto un vero e proprio reboot, Lo squalo ha dato vita a numerosi sequel, nessuno dei quali, però, si avvicina all'originale come qualità. Steven Spielberg non ha diretto nessuno dei sequel, ma in passato ha rivelato che lo studio si augurava che lo facesse. Lo hanno contattato per dirigere Lo squalo 2 e lui ha rifiutato, solo per poi considerare di intervenire quando il regista John D. Hancock è stato licenziato dal progetto. Tuttavia, all'epoca Spielberg era troppo impegnato con Incontri ravvicinati del terzo tipo, quindi Jeannot Szwarc finì per dirigere Lo squalo 2.

Lo Squalo - la saga: un terrore lungo 45 anni

Il suo potenziale coinvolgimento nel sequel non si è fermato qui. Lo studio si è poi rivolto a lui per dirigere Lo squalo 3, ottenendo un nuovo rifiuto. "Avevo finito, avevo chiuso con l'oceano", ha dichiarato il regista in un'intervista riportata da Slashfilm:

"Avrei fatto il sequel se non avessi passato un periodo così orribile in mare nel primo film. Avrei assolutamente colto al volo l'opportunità di dirigere il sequel perché sapevo che quando mi stavo allontanando da un pezzo enorme della mia vita che avevo contribuito a creare, ma non è stata una decisione difficile lasciarlo al suo destino. Non riuscivo proprio a immaginare di tornare nell'oceano e stare seduto su una barca per 9 mesi. Non riuscivo proprio a immaginarlo. Quindi, ero felice e sollevato di non aver realizzato il film, ma non ero nemmeno contento del sequel e mi sono reso conto di aver lasciato andare un franchise a cui avrei potuto dare un importante contributo".

A proposito di remake, Spielberg ha aggiunto: "Non rifarei mai uno dei miei film - a partire da Lo squalo - ma ci sono titoli Amblin nella libreria che potrebbero ispirare nuove storie rese popolari dai film. Non c'è un unico titolo che ho in mente, ma sì, mi piacerebbe".