La critica americana incorona Mystic River

Mystic River conquista la critica americana e viene insignito del premio come miglior film del 2003 dalla National Board of Review, l'associazione che riunisce i critici cinematografici Usa.

Patrizio Marino

I critici americani, riuniti sotto la National Board, hanno incoronato Mystic River di Clint Eastwood come miglior film del 2003, preferendolo a L'ultimo samurai e Master and Commander: Sfida ai confini del mare. Per lo stesso film è stato premiato Sean Penn che si è si aggiudicato il premio per la miglior interpretazione maschile, mentre a Diane Keaton è andato il premio per la miglior performance femminile per il suo ruolo nel film di Nancy Meyers, Something's Gotta Give.

Il premio alla regia è andato invece a Edward Zwick, per L'ultimo samurai, mentre Vadim Perelman è stato premiato come miglior regista esordiente per La casa della sabbia e della nebbia con Jennifer Connelly.
Tra gli altri premiati troviamo Alec Baldwin come miglior attore non protagonista per The Cooler e Patricia Clarkson per la sua interpretazione in Pieces of April e The Station Agent.

Il film di Peter Jackson Il Signore degli anelli - Il ritorno del re si aggiudica un premio all'intero cast, mentre In America ha ricevuto il premio per la miglior sceneggiatura originale e Anthony Minghella per la sceneggiatura non originale di Ritorno a Cold Mountain.
Piccola delusione per l'Italia: il premio per il per miglior film straniero è andato a Le invasioni barbariche di Denys Arcand, vanificando le nostre speranze in una vittoria di La meglio gioventù di Marco Tullio Giordana.

La critica americana incorona Mystic River
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti