Jennifer Lawrence: "Sono stata punita per essermi ribellata a un regista inopportuno"

L'attrice ha rivelato di essere stata etichettata come 'ingestibile' e 'un incubo' quando ha risposto per le rime al commento di un regista.

Jennifer Lawrence ha una teoria sul motivo per cui le donne faticano a denunciare le molestie subite, teoria che proviene dall'esperienza da lei vissuta.

L'attrice ne ha parlato con le colleghe durante l'annuale Actress Roundtable organizzata da Hollywood Reporter.

Leggi anche: Madre!: Jennifer Lawrence potenza generatrice nell'opera estrema di Darren Aronofsky

L'attrice ha ricordato un episodio in cui un produttore l'ha definita "ingestibile" per essersi difesa. "Il mio lavoro è stato a rischio perché il regista mi ha detto qualcosa di offensivo e io ho risposto 'E' folle, non puoi parlarmi in questo modo'. Poi sono stata punita, ho avuto paura che nessuno mi avrebbe più ingaggiato."

La Lawrence prosegue: "Sono stata definita 'difficile' e 'un incubo'. Credo che un sacco di persone non denuncino le molestie perché hanno paura di non riuscire più a lavorare. Dobbiamo poter dire 'Questo è sbagliato' e avere qualcuno che ci supporti invece di dire 'Oh, è sbagliato? Bene, sei licenziata.'"

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV.

Jennifer Lawrence: "Sono stata punita per essermi...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Jennifer Lawrence: photobombing a Emma Stone ai Governors Awards
Jennifer Lawrence: "All'inizio della carriera ho vissuto esperienze degradanti e umilianti"