Jane Campion: "#MeToo è stata la fine dell'apartheid per le donne"

In concorso a Venezia 2021 col suo nuovo lavoro Il potere del cane, Jane Campion ha affrontato il tema della mascolinità tossica e del recente successo delle registe paragonando il #MeToo alla fine dell'apartheid per le donne.

NOTIZIA di 03/09/2021

Con Il potere del cane, presentato ieri in concorso a Venezia 2021, Jane Campion torna alla regia dopo 12 anni e commenta il tema della mascolinità tossica, incarnata nel suo cupo western da Benedict Cumberbatch, definendo il #MeToo "la fine dell'apartheid per le donne".

Il Potere Del Cane 2 Albabjm
Il potere del cane: Benedict Cumberbatch in una sequenza

"Tutto quello che posso dire è che, da quando è nato il movimento #MeToo, sento un cambiamento. Per noi donne è come la caduta del muro di Berlino o la fine dell'apartheid" ha dichiarato la regista neozelandese, ospite della 78 Mostra del Cinema.

Fino all'inizio di quest'anno, la 67enne Jane Campion era l'unica regista donna ad aver vinto la Palma d'oro a Cannes - con Lezioni di piano nel 1993. La regista si è detta felice dalla vittoria agli Oscar di Chloe Zhao con Nomadland e dalla vittoria a Cannes di Julia Ducournau con Titane:

"Le donne stanno facendo molto bene. Ma so che ancora che le statistiche non sono a nostro favore".

Adattamento dell'omonimo romanzo scritto da Thomas Savage nel 1967, Il potere del cane segue le vicende di due ricchi fratelli rancheros, il cinico e spietato Phil (Benedict Cumberbatch) e il pacato George (Jesse Plemons). Quando George sposa la giovane vedova Rose (interpretata da Kirsten Dunst) con figlio a carico (Kodi Smit-McPhee), il loro ménage matrimoniale viene ostacolato dal comportamento di Phil. Cumberbatch ha affermato che i problemi di rabbia del suo personaggio erano spiegabili in base al suo background e alle circostanze:

Il Potere Del Cane 15
Il potere del cane: Benedict Cumberbatch e Jesse Plemons in sella

"Per quanto riguarda il modo in cui parla alla mascolinità tossica nel mondo, se cerchi di capirlo e riconoscerlo, è l'unico modo per cambiarlo. Non puoi semplicemente opporti: è come gettare benzina sul fuoco. Devi capire perché queste persone danneggiate stanno causando danni agli altri e a se stessi. Che si tratti di leader mondiali - uomini forti in politica che sono risorti negli ultimi tempi - o se è qualcosa che appartiene alla tua vita o cultura. Deve essere affrontato e combattuto, ma deve anche essere compreso. Non si tratta solo di rinchiudere il mostro e buttare via la chiave. Altrimenti continuerà a saltar fuori".

Il potere del cane approderà su Netflix il 1 dicembre. Qui trovate la nostra guida ai 15 film più attesi della 78 Mostra del Cinema di Venezia.