Il cinema da leggere firmato dalla redazione di Movieplayer.it, il regalo last minute perfetto!

Il Trono di Spade 8, Pilou Asbæk: "Euron è l'unico ad avere una fine davvero felice"

Pilou Asbæk a.k.a. Euron Greyjoy ne Il Trono di Spade ne è convinto: il suo personaggio ha avuto il finale più felice di tutti nella serie.

NOTIZIA di 23/11/2020

Quando si parla de Il Trono di Spade, che si tratti della prima o dell'ultima stagione, si ha sempre a che fare con delle morti più o meno spettacolari e significative. Quella di Euron Greyjoy, stando al suo interprete Pilou Asbæk, è decisamente la più felice dell'ottava stagione.

Asbæk, che fino all'episodio De Il Trono di Spade 8x05 Le Campane ha prestato il volto a uno dei personaggi più controversi dello show - il dissacrante fratello minore di Balon Greyjoy (e zio di Theon) - è infatti dell'opinione che, tra i tanti modi per andarsene, Euron abbia "scelto" il migliore, e certamente il più il linea con la sua personalità. "Ho avuto una conversazione molto lunga con il regista dell'episodio, Miguel Sapochnik, al riguardo" ha raccontato ai tempi l'attore dopo il debutto dell'episodio in tv, come si legge anche sul sito ufficiale di HBO "Dan e David mi dissero semplicemente '... e Euron muore', ma io gli risposi 'No, non è così'. E loro 'Che intendi?' al che ho spiegato 'Non chiuderò gli occhi. Voglio che [Euron] sorrida guardando il cielo come se la vita fosse davvero bella, e a quel punto voi tagliate".

"Miguel continuava a dire 'Chiudi gli occhi!' ma io continuavo a rifiutarmi" racconta, e sentenzia "Hanno tutti una morte terribile, o sono in una posizione del tipo 'Ok, il mondo è andato in fiamme, e ora dobbiamo ricostruirlo'. Ma non Euron. Lui è lì che pensa 'Yay! Ho ucciso lo Sterminatore di Re! Farò la storia!'. Praticamente, sono il solo ad avere un vero finale felice".

Considerata la ricezione che ha avuto il finale de Il Trono di Spade da parte di gran parte del pubblico e una fetta non esigua della critica - e persino alcuni membri del cast dello show -, qualcuno potrebbe forse dire che Asbæk non abbia poi tutti i torti.