Facebook

Gli Anelli del Potere: i commenti razzisti hanno spinto Amazon a ingaggiare una terapista per il cast

La star de Gli Anelli del Potere Ismael Cruz Córdova ha parlato dei traumi subiti dal cast per via delle critiche razziste, rivelando che Amazon ha dovuto assumere una terapista sul set.

Gli Anelli del Potere: i commenti razzisti hanno spinto Amazon a ingaggiare una terapista per il cast

La star de Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere Ismael Cruz Córdova ha parlato pubblicamente dei contraccolpi psicologici subiti dal cast per via delle accuse razziste da parte dei fan durante le riprese della serie Prime Video e della mossa di Amazon, che ha scelto di ingaggiare una terapista sul set a disposizione degli attori.

Anelli Del Potere Scaled Zwsqbfn
Gli Anelli del Potere: una scena del quarto episodio

Durante un'apparizione nel podcast Just for Variety, l'interprete di Arondir ha spiegato che una terapista era a disposizione sul set per offrire aiuto dopo che lo show ha sollevato polemiche razziste per via del casting inclusivo e diversificato. "Hai bisogno di supporto quando questo accade perché le critiche sono così forti e ti arrivano da così tanti posti", ha confessato Ismael Cruz Cordova.

L'attore, attualmente impegnato nelle riprese della seconda stagione nel Regno Unito, ha ammesso che la presenza della terapeuta è stata benefica: "Mi è piaciuto vederla lì, anche se non abbiamo parlato. Sapevo che c'era qualcuno lì che mi vedeva nella mia totalità, non solo come attore".

Gli Anelli del Potere 2: l'arrivo di nuovi villain renderà la serie "più spaventosa"

Come proteggere la salute mentale degli attori

La terapista è stata coinvolta quando la produzione de Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere è ripartita dopo essere stata interrotta durante l'emergenza sanitaria. Il personaggio di Córdova, Arondir, è la prima persona di colore a interpretare un elfo sullo schermo nell'universo de Il signore degli anelli. "Le critiche mi hanno fatto male", ammette Córdova. "Hanno avuto un impatto psicologico sulla salute mentale. Questo è qualcosa su cui voglio essere molto chiaro in modo che le persone capiscano che ciò che fanno e dicono online ferisce davvero gli altri, ha davvero un impatto su di noi".

Le critiche non si sono limitate agli attacchi sui social media. "Il mio telefono è stato violato", ricorda Córdova. "Ho avuto tentativi di violazione del conto bancario. Il mio PayPal è stato violato. I miei amici hanno ricevuto messaggi. Ho ricevuto minacce di morte. Mi sono state spedite delle cose. La gente ha scoperto il mio indirizzo. Ma siamo ancora qui".