"Disney censura l'affetto tra persone dello stesso sesso nei film Pixar", l'accusa degli impiegati

In una lettera di fuoco, i dipendenti Pixar accusano Disney di censura nei confronti di scene che mostrino manifestazioni d'affetto tra personaggi dello stesso sesso.

NOTIZIA di 10/03/2022

In una lettera firmata dai "dipendenti LGBTQIA+ della Pixar e dai loro sostenitori"_ ottenuta da Variety, i creativi dello studio di animazione affermano che i dirigenti della Disney avrebbero chiesto tagli delle scene con manifestazioni di affetto apertamente gay... indipendentemente dalle proteste sollevate da parte dei team creativi e dalla leadership esecutiva della Pixar.

Luca 3 Qrb3129
Luca: un'immagine che ritrae Giulia

La clamorosa rivelazione fa parte di una reazione più ampia al promemoria a livello aziendale inviato lunedì ai dipendenti Disney dal CEO Bob Chapek in merito alla sua risposta alla legislazione recentemente approvata in Florida nota come disegno di legge "Don't Say Gay". Nella nota, Chapek afferma che il più grande impatto che l'azienda può avere "nella creazione di un mondo più inclusivo è attraverso i contenuti stimolanti che produciamo".

Secondo la lettera della Pixar, tale affermazione è in contrasto con l'esperienza dei dipendenti nel tentativo di creare contenuti con manifestazioni affetto per lo stesso sesso approvati dai dirigenti Disney.

"Noi alla Pixar abbiamo assistito personalmente a storie bellissime, piene di personaggi diversi, ridotte in briciole dopo la revisione aziendale da parte di Disney", afferma la lettera. "Anche se la creazione di contenuti LGBTQIA+ è la risposta per correggere la legislazione discriminatoria nel mondo, finora ci è stato impedito di crearli".

Ad oggi, la Pixar ha incluso solo una piccola manciata di personaggi LGBTQ nei suoi lungometraggi, in particolare nel film fantasy del 2020 Onward - Oltre la magia, che presenta un'agente di polizia ciclope di nome Spectre, doppiato da Lena Waithe. La sessualità del personaggio viene riconosciuta solo di sfuggita, quando Spectre dice: "Non è facile essere un nuovo genitore - la figlia della mia ragazza mi ha fatto strappare i capelli, ok?" Il film è stato bandito in Kuwait, Oman, Qatar e Arabia Saudita a causa della scena, e nella versione rilasciata in Russia la parola "fidanzata" è stata cambiata in "partner".

Luca: il regista della Pixar Enrico Casarosa respinge il paragone con Chiamami col tuo nome

Lo stesso anno la Pixar ha pubblicato un cortometraggio, Out, su Disney Plus, su un uomo gay che lotta per fare coming out con i suoi genitori.

L'accusa di censura mossa a Disney da parte dei dipendenti Pixar è molto pesante per l'ex CEO Robert Iger, che ha supervisionato l'acquisto della Pixar da parte della Disney nel 2006 ed è uscito dall'azienda nel dicembre 2021.

La lettera dei dipendenti, che non è datata, chiede a Disney di ritirare il sostegno finanziario di tutte le legislature che hanno sostenuto il disegno di legge "Don't Say Gay" e di "prendere una posizione pubblica decisa" contro la legislazione e progetti di legge simili in altre parti del paese.