Bridgerton, Ruby Barker ricoverata in clinica per le malattie mentali: "Sono stata davvero male"

L'attrice di Bridgerton Ruby Barker ha ringraziato Netflix e Shonda Rhimes per averla salvata rivelando di essere stata recentemente ricoverata in una clinica per la salute mentale

NOTIZIA di 27/05/2022

Ruby Barker si sta concentrando sulla sua salute mentale. L'attrice di Bridgerton, 25 anni, ha condiviso un aggiornamento con i suoi 231.000 follower giovedì dall'ospedale in cui è stata curata, spiegando di essere stata "davvero male per molto tempo", prima di ricevere la sua diagnosi, che non ha rivelato. " Adesso sto meglio", ha detto all'inizio del video.

"Voglio solo essere onesta con tutti, sto lottato", ha detto l'attrice. "Quindi, sono in ospedale in questo momento, verrò dimessa presto, spero di poter continuare con la mia vita e prenderò una piccola pausa da me stesso".

Ruby Barker aggiunge: "voglio incoraggiare gli altri, se state male, per favore fate a voi stessi un favore. prendete una pausa, smettetela di essere così duri con voi stessi. le persone mi dicevano di non essere così dura con me stessa, e io non ho mai capito cosa significasse realmente".

L'attrice ha detto di essere stata "piena di rabbia, frustrata, furiosa" prima di cercare aiuto per "tutto questo trauma intergenerazionale avvolto dentro di me. Stavo portando il peso del mondo sulla mia schiena. E ora, sono a un punto in cui ho una diagnosi, e ve ne parlerò in un altro momento. Ma ho una diagnosi e sto perdonando me stessa e tracciando una linea nella sabbia. Non posso andare avanti come ho fatto finora. Ho bisogno di cambiare. Quindi è quello che sto cercando di fare".

Bridgerton 3 si concentrerà sull'amore tra Penelope e Colin, tradito l'ordine dei romanzi

L'interprete di Bridgerton ha anche ringraziato Shonda Rhimes "per avermi dato un'opportunità, per avermi salvato, così come i miei amici intimi e mentori. Non vedo l'ora di adempiere a tutti i miei impegni e di avere una buona carriera e una bella vita. Perché non voglio che la mia diagnosi sia una profezia che si autoavvera. Voglio sopravvivere e ce la farò. E anche voi. Questo è il bello, anche voi. Se siete con me, siete in buone mani".