Borat 2, Sacha Baron Cohen risponde a Donald Trump: "Presto avrai bisogno di un lavoro, contattami!"

La star di Borat 2 Sacha Baron Cohen ha voluto rispondere alle critiche mosse da Donald Trump riguardo al suo nuovo film, offrendo scherzosamente un impiego all'attuale Presidente degli Stati Uniti.

NOTIZIA di 25/10/2020

Sacha Baron Cohen, la star di Borat 2, ha voluto rispondere alle critiche di Donald Trump, che ha da poco attaccato il suo film (per ovvi motivi) dicendo che non trova divertente il protagonista del film.

Il film Borat: Subsequent Moviefilm uscito da qualche giorno ha inevitabilmente attirato l'attenzione per diversi motivi, ma anche per una "scottante" intervista con Rudy Giuliani. Questa volta il giornalista del Kazakistan affronta un altro tour in America insieme a sua figlia, interpretata da Maria Bakalova, e durante le loro avventure tra emergenze sanitarie e complottisti, si parla anche di politica. La Bakalova in particolare è stata protagonista di una scena - ripresa di nascosto dall'interessato - in cui Giuliani, Consigliere per la sicurezza informatica della Casa Bianca, si infila la mano nei pantaloni mentre parla con lei.

Il capo di Voice of America dell'Ufficio della Casa Bianca, Steve Herman, ha riferito su Twitter che Donald Trump avrebbe trovato il film oltraggioso. Inoltre, lo stesso Presidente degli Stati Uniti ha riferito che: "Non trovo divertente Sacha Baron Cohen. Per me è un mostro"_. Trump ha aggiunto inoltre che già anni fa l'attore cercò di "fregarlo" ma riuscì a sfuggirgli.

Non ci è voluto molto prima che anche Sacha arrivasse su Twitter e replicasse alle sue critiche, ringraziando il presidente per aver dato al suo film un po' di pubblicità gratuita:

"Donald, apprezzo la pubblicità gratuita per Borat! Lo ammetto, neanche io ti trovo divertente. Eppure il mondo intero ride di te" , ha scritto l'attore, aggiungendo, "Cerco sempre persone che interpretino buffoni razzisti e tu avrai bisogno di un lavoro dopo il 20 gennaio. Parliamone!"

Come ha fatto notare Variety, Donald Trump probabilmente voleva criticare l'attore ancora per una scena nella serie "Da Ali G" del 2003. In un episodio Trump è apparso nello show e Sacha Baron Cohen gli avrebbe proposto un'idea imprenditoriale. L'idea era di un "guanto da gelato", un guantone pensato per evitare che il gelato si sciolga gocciolando sulle mani. Trump è uscito dallo show, bloccando l'intervista e in seguito ha detto all'editorialista del New York Times Maureen Dowd: "Ho pensato che fosse seriamente ritardato. È stata una truffa totale. Ma mia figlia, Ivanka, l'ha visto e ha pensato che fosse molto buffo".