Facebook

Black Panther: Wakanda Forever, ecco com'era lo script prima della morte di Chadwick Boseman

Ryan Coogler, regista di Black Panther: Wakanda Forever, ha svelato com'era la storia alla base del sequel prima della morte di Chadwick Boseman.

Black Panther: Wakanda Forever, ecco com'era lo script prima della morte di Chadwick Boseman

Il regista di Black Panther: Wakanda Forever, Ryan Coogler, ha anticipato i dettagli della storia al centro del sequel concepiti prima della morte di Chadwick Boseman.

Dopo essere entrato a far parte del Marvel Cinematic Universe nel ruolo di T'Challa in Captain America: Civil War, Chadwick Boseman è diventato rapidamente una delle star del franchise più amate dal grande pubblico. Tra il 2016 e il 2019, è apparso in quattro occasioni e molte altre erano previste nella Fase 4 e oltre, incluso Black Panther 2. Purtroppo il tragico decesso di Chadwick Boseman nel 2020, in seguito a una lunga malattia, ha interrotto la sua corsa lasciando lo studio in una impasse.

Tenoch Full Size Watermark
Black Panther: Wakanda Forever, una foto di Namor

L'intero team dei Marvel Studios e il regista Ryan Coogler alla fine hanno deciso che Black Panther: Wakanda Forever sarebbe stato realizzato anche senza Boseman, ma non c'è stato alcun recasting per il ruolo di T'Challa, che è morto anche nella storia del film. L'attenzione si è spostata dunque sugli altri personaggi come la sorella Shuri (Letitia Wright), M'Baku (Winston Duke), Nakia (Lupita Nyong'o) e Okoye (Danai Gurira)). Black Panther: Wakanda Forever vedrà i personaggi uniti per combattere Namor, il nuovo villain, e per proteggere il regno africano.

Black Panther: Wakanda Forever: Michaela Coel spiega perché il suo ruolo queer è importante

Come sarebbe stato la sceneggiatura di Black Panther 2 con Chadwick Bosrman?

The Hollywood Reporter ha parlato col regista Ryan Coogler riguardo alla storia originale di Black Panther 2 prima della scomparsa di Chadwick Boseman. Inizialmente la sceneggiatura scritta da Coogler e Joe Robert Cole "era molto radicata nella prospettiva di T'Challa" e seguiva la sua evoluzione come leader dopo gli eventi di Avengers: Endgame. Coogler non ha confermato se Namor fosse già destinato a essere il cattivo, ma ha detto che il sequel sarebbe stato un "film enorme", abbinato a uno "studio del personaggio che avrebbe approfondito la psiche e la situazione di T'Challa".

Le modifiche apportate alla storia di Black Panther 2 dopo la morte di Chadwick Boseman sono servite a svolgere un ruolo importante nell'onorare la sua eredità. Ryan Coogler ha incorporato la morte di Boseman nella storia del sequel, facendo in modo che il film includesse anche la morte di T'Challa. I murales per Boseman e T'Challa possono essere visti nel marketing promozionale film. Il motivo per cui ciò è stato fatto è stato quello di incorporare il lutto che molti membri del cast e della troupe stavano affrontando in Black Panther 2, consentendo a tutti di elaborare il proprio dolore insieme alla realizzazione del sequel. Lupita Nyong'o ha descritto la storia a THR dicendo: "Ryan ha scritto qualcosa che onorava così tanto i sentimenti che ognuno di noi stava provando, quelli di chi conosceva Chadwick. Ha creato qualcosa che potesse onorarlo e portare avanti la storia. alla fine ho pianto".